PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali




























 
Nuovi in Biblioteca
  Prego con Maria
  La storia di Maria
  Classici mariani. Vol. 3. Canti mariani della tradizione popolare
  La vera bellezza. Il volto di Gesù e Maria nell'arte
  Guadalupe, un'immagine viva
  Tutti a scuola di Maria per imparare la gioia
  La Vergine Maria "alfa e omega" della celebrazione liturgica bizantina
  Con Maria, Madre di Dio
  Siracusa. Le lacrime amare del cuore immacolato
  Kibeho. La Madre del Verbo e il genocidio africano
  La vita quotidiana di Maria di Nazaret
  Maria «La» credente
  È stata Lei. La Madonna e le conversioni
  Il santuario Nostra Signora dello Scoglio e fratel Cosimo
  Bartolo Longo....
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

La devozione mariana in Italia


Commento all'Ave Maria


La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo e lo Scapolare


Decor et Flos Carmeli


La Vergine Maria nella Chiesa


Breve storia della Mariologia


La devozione a Maria nel magistero di Paolo VI


Partecipare alla missione di Maria


Mamajedda


Un Osservatorio permanente sulle apparizioni


Le apparizioni tra fede, teologia e scienza


Il Movimento del ''Focolare della Madre''


Alla Madonna della Mercede


Maria nei mosaici di Ravenna


La Madonna è apparsa a San Simone Stock?


 
Immagini
 
Santuari

Simbolismi
 

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 157
Iscritti: 0
Totale: 157
 
Contatore visite
contatore visite
 
F.A.Q.

 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
LIGURIA - ORTONOVO - Beata Vergine del Mirteto


Sul finire del XV secolo la Confraternita dei Disciplinati di Ortonovo edificò una cappella intitolata alla Vergine e fece dipingere sulla parete ad un anonimo artista un affresco raffigurante la drammatica scena della Depsizione di Cristo, in cui la Vergine veniva raffigurata accasciata e semisvenuta ai piedi della Croce. Il 29 luglio 1537, mentre le donne del paese pregavano dinnanzi all'affresco, l'immagine della Madonna cominciò a lacrimare sangue vivo. Si gridò subito al miracolo e, col diffondersi della notizia,  folle di fedeli cominciarono ad accorrere al piccolo oratorio, attirate soprattutto da notizie di grazie e di guarigioni che in quel luogo si ottenevano per intercessione della Madonna. Per contenere il sempre più crescente numero di visitatori, i priori della confraternita decisero nel 1540 la costruzione di un grande santuario in onore della Beata Vergine Addolorata. Il progetto, commissionato all'architetto Ippolito Marcello di Lucca, prevedeva la realizzazione di una chiesa a tre navate affacciata sulla pianura di Luni. Per l'esiguità dello spazio disponibile, l'antico oratorio fu distrutto ma naturalmente fu preservata la parete che conteneva l'affresco della Deposizione, oggi custodito in uno splendido tempietto realizzato alla fine del `700 e posto a sinistra rispetto la navata centrale. I lavori furono completati, dopo oltre 25 anni, solo nel 1566. Con l'apertura del nuovo santuario aumentarono ulteriormente le presenze dei pellegrini Fu per gestire meglio la cura del pellegrinaggio che nel 1584 la confraternita affidò il santuario ai Padri domenicani. Con la presenza dei domenicani, il Santuario ricevette notevoli benefici anche dal punto di vista estetico: fu costruito immediatamente un ampio convento adiacente alla chiesa; nel 1601 fu realizzata la sacrestia; nel 1650 fu aperto un ampio coro dietro la sacra edicola; nel 1749 fu eretto il bellissimo altare marmoreo dovuto allo zelo del padre priore Celso Furia, mentre nel 1796 fu aggiunto l'attuale prezioso tempietto, opera insigne del celebre architetto carrarese Giò Matteo Calabroni. La conquista della Liguria da parte delle armate napoleoniche preannunciò il periodo più buio della storia del santuario; nel 1800 i frati domenicani furono espulsi da Ortonovo e lasciarono il santuario nelle mani della confraternita ormai ridotta a pochissimi componenti e non in grado di gestire una struttura così imponente. Fu nel corso di questi anni di dominazione francese che il toponimo mortineto, usato per oltre tre secoli, si trasformò in mirteto, probabilmente a causa delle storpiature che avvenivano nel passaggio dall'italiano al francese, lingua quest'ultima, adottata nei documenti ufficiali. Dopo la caduta di Napoleone il Santuario fu abbandonato a se stesso e veniva ricordato dai fedeli soltanto quando qualche pericolo minacciava i raccolti o la salute della gente. Fortunatamente nel 1888 il vescovo decise di riaffidare il Santuario alle cure dei frati domenicani che si posero subito al lavoro e in poco tempo ripararono i danni causati da quasi un secolo di incurie donando al santuario della Nostra Signora del Mirteto quell'aspetto imponente e mistico che tutt'oggi possiamo ammirare.












[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (681 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi