PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO   
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali




























Nuovi in Biblioteca
  Il Rosario con Montfort
  Piccola corona della santa Vergine
  La Vergine Bruna di Oropa
  Maria nel Medioevo fra antropologia e teologia
  Il santo rosario: contemplazione e mistero
  Culti mariani nel basso Lazio
  Da donna a donna. Lettere a Maria di Nazareth
  Maria donna normale....
  Maria di Nazaret da conoscere ed amare
  Mater nostra. Un mese con Maria, donna della Pasqua
  Il Rosario con Papa Francesco
  La Madonna della Guardia
  Giuseppe e Maria. La nostra storia d'amore
  La lacrime di Civitavecchia. Quando «Maria» ha pianto fra le mie mani
  Maria mamma di tutti. Le mie riflessioni e le mie preghiere dedicate alla Madonna
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

A Madonna v'accumpagna!


Le apparizioni della Vergine Maria


Fondamenti e significati della multiforme ''presenza'' di Maria


Storia del Santuario di Nostra Signora di Roverano


Lo spazio di Maria nella Storia della Salvezza


Grandi cose ha fatto in me il Potente (Lc 1,49a)


Passato, presente e futuro con Maria


L’insegnamento della mariologia, oggi. Anamnesi e Prospettive


La Sacra Liturgia e la devozione mariana


Natura della spiritualità mariana della Chiesa


Dimensioni del Rosario


La Madonna nella svolta “mistica” di Salvador Dalí


Multiforme presenza di Maria nella Chiesa


La ''Memoria obbligatoria'' del Cuore Immacolato di Maria


Consacrati al Vivente in Maria


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 325
Contatore visite
contatore visite
F.A.Q.

Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 207
Iscritti: 0
Totale: 207
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
ABRUZZO-MOLISE - TERAMO - Beata Vergine delle Grazie


Il Santuario della Madonna delle Grazie si trova appena fuori le mura del centro storico di Teramo, nei pressi di Porta Madonna e del Parco Ivan Graziani. La chiesa ha pianta è rettangolare con una sola navata e tre cappelle per parte, il soffitto è a volte a crociera, con una cupola semisferica affrescata da Cesare Mariani. Dietro la cappella maggiore c'è l'abside. La facciata principale ha un portico con tre ingressi. La chiesa attuale sorge al posto del monastero benedettino di Sant'Angelo delle Donne che, secondo quanto rivela una lapide scoperta dal Savini, fu costruito con la donazione di un non meglio identificato Teodino nel 1153. Nel XV secolo i teramani, conquistati dalla predicazione di San Giacomo della Marca e dei suoi frati minori Osservanti, chiesero al Papa Eugenio IV che una comunità dei francescani restasse sul posto, speravano così di sedare le aspre lotte intestine che dilaniavano la città. La richiesta fu accolta e il 15 febbraio 1449, i frati entrarono nel monastero e gli cambiarono il nome in Maria Santissima delle Grazie. Le Benedettine, che lo occupavano, si trasferirono in città, dentro le mura. La predicazione, e l'azione pacificatrice, dei religiosi attirò la devozione di un numero crescente di fedeli, tanto che già negli anni 1465 - 1475 fu necessario ingrandire e modificare il vecchio complesso. Si presume che sia il convento che la chiesa furono ricostruiti ex novo, quest'ultima con un diverso orientamento della facciata, e che fu iniziata la costruzione del campanile. A causa di alterne e complesse vicende, tra il 1892 ed il 1900 la chiesa antica in stile romanico fu demolita e ricostruita come oggi la possiamo vedere. Dell'antico tempio rimane solo il campanile ed alcuni capitelli rinascimentali nel chiostro attiguo. Anche il monastero si è salvato quasi integralmente. Sull'altare maggiore vi è la splendida statua in legno policromo, risalente al XV secolo, della Madonna delle Grazie che, coperta da uno splendente manto d'oro, siede con il Bambino disteso in grembo. Essa è un autentico capolavoro dell'arte abruzzese che la critica più recente attribuisce a Sebastiano di Cola da Casentino. Secondo una tradizione fu donata, approssimativamente tra il 1470 ed il 1476, da Fra Giacomo della Marca. La statua è da sempre al centro della devozione popolare, di cui è testimonianza la imponente collezione di oltre 800 preziosi ex voto in lamina d'argento. La ricorrenza si festeggia il 2 luglio. Una copia di questa statua è venerata anche nella Chiesa St. James ubicato a Penns Grove in New Jersey negli Stati Uniti.

















[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (879 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.17 Secondi