PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
 
 Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie










 Inserti Speciali



























 Nuovi in Biblioteca
  Classici mariani. Vol. 2. Musiche mariane della tradizione popolare
  Classici mariani. Vol. 1. Canti mariani della tradizione popolare
  Maria
  Bartolo Longo dal Salento a Pompei. La carità che fa nuova la storia
  Il mio ideale Gesù figlio di Maria
  Benedictus e Magnificat. Canti dell'alba e del tramonto
  Maria discepola e sorella madre di misericordia
  I segreti di Maria. Messaggi, profezie e misteri delle apparizioni mariane
  Maria nelle origini cristiane. Profilo storico della mariologia patristica
  Libro di Santa Maria
  Il rosario con Maria che scioglie i nodi
  Chi è Maria? 125 questioni tra fede, storia e tradizione.
  La Madonna di Alfonso Ratisbonne
  Lucia di Fatima
  Il santo rosario con le icone dell'Abbazia Mater Ecclesiae
 Pensieri
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

L'icona della Madonna della Consolazione a Reggio Calabria


Maria, madre vigile e potente, clemente e misericordiosa


I volti di Maria a Roma


Il Segreto di Fatima


Maria Immacolata, Madre di misericordia


Eredi dell’amore di Cristo per Maria


Il Rosario: respiro e anima della vita


Canti lauretani


La ''Dormitio Mariae'' dai suoi albori fino al VI secolo


Il Rosario e il mese di ottobre


Il Rosario, preghiera cristologica


Ave Maria


Perseveranti e concordi nella preghiera con Maria


La nostra preghiera e Maria


Maria di Nazaret nella storia della spiritualità contemporanea


 Immagini
 Santuari

Simbolismi
 

 Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 162
Iscritti: 0
Totale: 162
 Contatore visite
contatore visite
 F.A.Q.

 Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
LIGURIA - MILLESIMO - Beata Vergine del Deserto


Nella valle in cui sorge il santuario, chiamata del Deserto già nel 1500, si trovano un tempo solo boschi di castagno, unica risorsa degli abitanti del luogo. Sparse tra i boschi, si trovavano delle piccole costruzioni in muratura con all’interno una grata sulla quale venivano deposte le castagne per farle essiccare. Proprio sulla parete di uno di questi essiccatoi, era stata dipinta molto rozzamente da uno sconosciuto una Madonna con il Bambino seduta su di un trono. Una consolidata tradizione popolare vuole che qui nel 1725, sia avvenuto un importante miracolo. Per uno dei sentieri che collega la Liguria con il basso Piemonte, camminava una donna con suo figlio cieco dalla nascita, proveniente da Finale Ligure e diretta a Ceva, dove aveva saputo esserci un bravo medico che curava i ciechi. Alla sera, giunta davanti all'essiccatoio, si era fermata per passarvi la notte al riparo e, vista la sacra effigie, si era messa a pregare forse chiedendo aiuto per il lungo cammino che doveva ancora compiere e per ottenere la grazia della guarigione. La mattina seguente la donna, sentì il figlio, miracolosamente guarito, ripeterle: «Mamma come sei bella!». La donna corse verso la frazione che rimane ai piedi della valle, raccontando a tutti il miracolo avvenuto. L'anno dopo, nel settembre 1726 il Vescovo di Alba, diocesi a cui apparteneva la Valle del Deserto, concesse il permesso per la costruzione della prima chiesa, dedicata al SS. Nome di Maria. Il 22 maggio 1727, lunedì dopo Pentecoste, la chiesa venne benedetta e si celebrò la Prima Messa alla quale partecipò una folla di 5.000 persone. Nel 1796 la Rivoluzione francese danneggiò la chiesetta distruggendo ogni documento storico e incendiando quadri e altri oggetti di pietà e di valore, questo per due volte. Fortunatamente la chiesa si salvò e venne restaurata nelle parti rovinate. Nel 1809 Papa Pio VII, concesse l’indulgenza plenaria a quanti confessati e comunicati avessero pregato secondo le sue intenzioni. Per la mancanza di spazio, dovuta alle folle che giungevano al Santuario, nel 1867 si pensò di costruire un Tempio più grande. Il Santuario attuale, a forma di croce greca, con una navata centrale dove sono disposti otto piloni ad esagono, ai lati due cappelle e con una cupola rotonda alta, da terra, 53 metri, è stato terminato, ma non finito secondo il disegno del geometra Bertero di Carmagnola, nel 1878 grazie al lavoro di tutti i fedeli che giungevano qui al Deserto. Nel 1893 ci fu la prima incoronazione della Madonna e del Bambino, concessa dal Papa sotto la domanda di Monsignor Placido Pozzi, al tempo Vescovo di Mondovì. Per abbellire al meglio il nuovo Santuario, dal 1946 al 1952 il Canonico don Ruffino, allora rettore, fece dipingere l’abside dal Maestro Adalberto Migliorati, lavoro continuato, dopo la sua morte avvenuta nel 1952,  dai suoi allievi, i maestri Bruschetti e Belletti, che terminarono la cupola e il cupolino. La sacra immagine della Vergine, nell’andare degli anni ritoccata varie volte e modificata anche l’aspetto, grazie al restauro del professor Gabriele Cena nel 1964 è stata riportata all'aspetto originale.
















[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (607 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
PROFESSORE STABILE STRAORDINARIO DI MARIOLOGIA
ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.16 Secondi

Phpib2 style by www.nukemods.com