PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali




























 
Nuovi in Biblioteca
  La Vergine del silenzio. La devozione di papa Francesco
  La Salette. Testimonianze di devoti, autori, pastori e santi
  La "Benedetta" e il "maledetto". Tra mariofanie e demonologia
  Prego con Maria
  La storia di Maria
  Classici mariani. Vol. 3. Canti mariani della tradizione popolare
  La vera bellezza. Il volto di Gesù e Maria nell'arte
  Guadalupe, un'immagine viva
  Tutti a scuola di Maria per imparare la gioia
  La Vergine Maria "alfa e omega" della celebrazione liturgica bizantina
  Con Maria, Madre di Dio
  Siracusa. Le lacrime amare del cuore immacolato
  Kibeho. La Madre del Verbo e il genocidio africano
  La vita quotidiana di Maria di Nazaret
  Maria «La» credente
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

La devozione mariana in Italia


Commento all'Ave Maria


La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo e lo Scapolare


Decor et Flos Carmeli


La Vergine Maria nella Chiesa


Breve storia della Mariologia


La devozione a Maria nel magistero di Paolo VI


Partecipare alla missione di Maria


Mamajedda


Un Osservatorio permanente sulle apparizioni


Le apparizioni tra fede, teologia e scienza


Il Movimento del ''Focolare della Madre''


Alla Madonna della Mercede


Maria nei mosaici di Ravenna


La Madonna è apparsa a San Simone Stock?


 
Immagini
 
Santuari

Simbolismi
 

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 152
Iscritti: 0
Totale: 152
 
Contatore visite
contatore visite
 
F.A.Q.

 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
PUGLIA - ANDRIA - Beata Vergine dei Miracoli


Il santuario comprende tre chiese sovrapposte. La chiesa superiore, elevata a basilica minore da Papa San Pio X, ha tre navate. La navata centrale ha un controsoffitto a cassettoni lignei ottagonali con teste di angeli e rosoni dorati su fondo azzurro risalenti al 1633 ed è arricchita da tre tele raffiguranti la Madonna dei Miracoli, San Benedetto, Santa Scolastica. Nelle navate laterali, due cappelle dedicate al Crocifisso e a San Benedetto, portano segni di un progetto di ampliamento con una doppia serie di cappelle laterali, opera rimasta incompleta. Il portico, nella facciata principale, risale alla prima metà del XVII secolo ed ingloba elementi del precedente portico della fine del XVI secolo. Il campanile risulta costruito, nella parte inferiore, nella seconda metà del XVIII secolo ed è stato sopraelevato in forme barocche nella prima metà di quello successivo. La chiesa intermedia detta del Crocifisso ‚ è del XVII secolo. Le pareti sono affrescate con figure di Profeti, Sibille e scene della passione attribuite alla bottega di Marco Pino e, quindi, databili verso la fine del XVI secolo. Dal tempio superiore si accede, attraverso due scale laterali in marmo, alla Sacra Grotta dove è conservata l’immagine miracolosa della Madonna.  L’effigie rappresenta la Vergine seduta in trono con Gesù Bambino sulle ginocchia e ai lati della testa il sole e la luna. Sul lato sinistro è collocato il pergamo (piccola costruzione sopraelevata utilizzata per parlare a molti uditori) in legno pregiato, artisticamente scolpito da frati agostiniani. Le prime notizie della Madonna di Andria risalgono ai secoli VI e VII, quando i monaci basiliani raggiunsero le grotte di questa zona per fuggire dalle persecuzioni iconoclaste dell’Imperatore d’Oriente Leone Isaurico. Qui, di nascosto, dipingevano le immagini sacre. Proprio di quest’epoca appartiene l’effigie, molto bella, dipinta su tufo, della Madonna con Gesù Bambino. Il 10 marzo del 1576 la Madonna appare ad un artigiano di nome Antonio Tucchio, invitandolo a recarsi in una grotta e ad accendere una lampada. La Madonna apparirà ancora e si verificheranno anche dei miracoli, per questo sarà chiamata Madonna dei miracoli. Il culto mariano venne affidato prima ai monaci benedettini (1591), che costruirono il santuario e l’annessa abbazia, in seguito venne affidato ai padri Agostiniani.













[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (698 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi