PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
    Crea un Account
 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams

 
Enciclopedie











 
Inserti Speciali





























 
Nuovi in Biblioteca
  Maia con gli occhi di Francesco
  Ave Maria. Il Santo Padre ci racconta il mistero di Maria con le parole della preghiera più amata
  Il Rosario spiegato ai bambini
  È mia madre. Incontri con Maria
  Maria di Nazaret tra Bibbia e Teologia
  Miryam di Nàzaret. L'arca dell'eterna alleanza
  La Vergine del silenzio. La devozione di papa Francesco
  La Salette. Testimonianze di devoti, autori, pastori e santi
  La "Benedetta" e il "maledetto". Tra mariofanie e demonologia
  Prego con Maria
  La storia di Maria
  Classici mariani. Vol. 3. Canti mariani della tradizione popolare
  La vera bellezza. Il volto di Gesù e Maria nell'arte
  Guadalupe, un'immagine viva
  Tutti a scuola di Maria per imparare la gioia

 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

La santità e la testimonianza dei tre pastorelli di Fatima


Ave Maria: storia di una lode


Maria nella Chiesa


Maria, compagna dei nostri giorni


Antropologia ''mariana'' di Paolo VI


Il volto di Maria nelle beatitudini


Maria specchio della vita buona del vangelo...


Venerazione mariana nell'ecumenismo e nell'evangelizzazione


Il silenzio del Sabato


Elio Fiore: un poeta immerso nel mistero di Maria


La poesia mariana in Pier Paolo Pasolini: ''L'usignolo della Chiesa Cattolica''


Maria presso la Croce nella Chiesa Bizantina


La devozione alla Vergine Addolorata


Lo Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi


Le apparizioni di Medjugorje: un caso mariofanico singolare



 
Immagini



 
Santuari

Simbolismi

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 161
Iscritti: 0
Totale: 161

 
Contatore visite
contatore visite

 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito

 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?

 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]

 
F.A.Q.


CAMPANIA - CASALUCE - Beata Vergine di Casaluce


Il Santuario di Santa Maria di Casaluce fu eretto nel 1360 nel castello omonimo, prima fortezza normanna in Italia ed in tutto il bacino del mediterraneo. Tale castello fu edificato nei primi dell'anno mille da Rainulfo Drengot per difendere dal principato di Capua la nascente contea di Aversa. Nel 1360 fu donato da Raimondo del Balzo, barone di Casaluce e comandante dell'esercito degli Angioini di Napoli, ai monaci Celestini. Questi monaci, trasformarono il castello in monastero e vi edificarono l’Abbazia-Santuario in stile gotico, abbellendola con cicli di pitture fiorentine, giudicate di pregevole manifatture, attribuite a diversi maestri di scuola fiorentina e del luogo tra i quali assume un rilievo non indifferente il maestro Niccolò di Tommaso sicuramente allievo e probabilmente figlio di Maso di Banco collaboratore diretto di Giotto. Il santuario custodisce l'icona bizantina del XI sec. di Santa Maria di Casaluce e due idrie che la storia associa alle giare utilizzate da Gesù Cristo per compiere il primo miracolo alle nozze di Cana di Galilea. Questi preziosi cimeli furono  portati in dono al re di Napoli dal viceré Sanseverino al ritorno dalla Terra Santa i quali furono a loro volta affidati da Carlo I d'Angiò al nipote San Ludovico da Tolosa. Dopo eventi che portarono via Ludovico d’Angiò da Napoli l’Icona con le idrie furono affidate a Raimondo del Balzo, barone di Casaluce con la promessa di costruire una chiesa in loro onore e di porvi a custodia i monaci celestini. Dopo un atto di donazione nel 1360, i monaci diventarono legittimi proprietari e l'Icona assunse il titolo di Casaluce come dimostrazione dell' appartenenza al monastero di Casaluce. Da quel momento continuò il culto per la Vergine iniziato in precedenza nella città di Napoli per poi diffondersi rapidamente in tutto il regno dal suo santuario. Diversi sono stati i re, le regine e gli imperatori che l’hanno invocata e venerata a partire da Giovanna I d’Angiò a Carlo III di Borbone. Il 12 maggio 1772 il vescovo Borgia della diocesi di Aversa otteneva da Papa Clemente XIV un rescritto col quale la Vergine di Casaluce fu dichiarata Patrona Principale della diocesi di Aversa. Il Santuario di Casaluce è un autentico gioiello artistico e di spiritualità mariana-celestiniana che ha assunto un’importanza non indifferente nei secoli passati e che oggi ha bisogno di essere totalmente restaurato.













[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (695 letture)


IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.

Archer PHP-Nuke Theme By Kalgash Themes