PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
    Crea un Account
 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams

 
Enciclopedie











 
Inserti Speciali





























 
Nuovi in Biblioteca
  Maia con gli occhi di Francesco
  Ave Maria. Il Santo Padre ci racconta il mistero di Maria con le parole della preghiera più amata
  Il Rosario spiegato ai bambini
  È mia madre. Incontri con Maria
  Maria di Nazaret tra Bibbia e Teologia
  Miryam di Nàzaret. L'arca dell'eterna alleanza
  La Vergine del silenzio. La devozione di papa Francesco
  La Salette. Testimonianze di devoti, autori, pastori e santi
  La "Benedetta" e il "maledetto". Tra mariofanie e demonologia
  Prego con Maria
  La storia di Maria
  Classici mariani. Vol. 3. Canti mariani della tradizione popolare
  La vera bellezza. Il volto di Gesù e Maria nell'arte
  Guadalupe, un'immagine viva
  Tutti a scuola di Maria per imparare la gioia

 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la prima discepola e missionaria del suo Figlio


Maria, ragazza singolare, anima riconoscente e credente gioiosa


La santità e la testimonianza dei tre pastorelli di Fatima


Ave Maria: storia di una lode


Maria nella Chiesa


Maria, compagna dei nostri giorni


Antropologia ''mariana'' di Paolo VI


Il volto di Maria nelle beatitudini


Maria specchio della vita buona del vangelo...


Venerazione mariana nell'ecumenismo e nell'evangelizzazione


Il silenzio del Sabato


Elio Fiore: un poeta immerso nel mistero di Maria


La poesia mariana in Pier Paolo Pasolini: ''L'usignolo della Chiesa Cattolica''


Maria presso la Croce nella Chiesa Bizantina


La devozione alla Vergine Addolorata



 
Immagini



 
Santuari

Simbolismi

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 184
Iscritti: 0
Totale: 184

 
Contatore visite
contatore visite

 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito

 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?

 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]

 
F.A.Q.


BASILICATA - MATERA - Beata Vergine della Bruna


La "Madonna della Bruna" è la Protettrice della città di Matera. Non chiare sono le origini della festa la cui storia, tramandata di generazione in generazione, si è arricchita col tempo di innumerevoli varianti. Una di queste leggende racconta che una giovane e sconosciuta signora chiese ad un contadino di farla salire sul suo carretto per accompagnarla a Matera. Giunta alla periferia della città, nella zona dell'attuale chiesa dell'Annunziata di Piccianello, scese dal carretto e chiese al contadino di portare un suo messaggio al Vescovo, in cui diceva di essere la Madre di Cristo. Il Vescovo insieme al clero ed al popolo accorse subito ad accogliere la Vergine, e vi trovarono una statua; così la statua della Madonna fu fatta entrare in città su un carro trionfale addobbato. L'origine della tradizione della distruzione del carro invece è narrata da un'altra leggenda, secondo la quale i Materani, per evitare che il quadro della Madonna fosse rubato e distrutto dai Saraceni che assediavano la città, lo nascosero prima su un carretto e poi, messo in salvo il quadro, distrussero loro stessi il carretto pur di non far cadere le sacre immagini nelle mani di quegli infedeli. Alcuni storici locali, invece, sostengono che intorno all'anno 1500 il conte Giovan Carlo Tramontano, all'epoca signore di Matera, avesse fatto grandi promesse al popolo materano per dare maggiore solennità alle celebrazioni del 2 luglio, compreso un carro nuovo ogni anno. I cittadini materani così, per mettere alla prova il mal sopportato tiranno, assaltarono il carro trionfale costringendo il conte a mantenere la sua promessa. Le prime testimonianze concrete sull'esistenza di un carro trionfale rimandano tuttavia all'anno 1690. Relativamente al nome Madonna della Bruna sono attribuite diverse ipotesi: la prima è che derivi dal termine altomedioevale longobardo brùnja che era la corazza, la protezione dei cavalieri, quindi il nome avrebbe il significato di Madonna della difesa; altri invece sostengono che derivi da Hebron, città della Giudea dove la Vergine si recò per la Visitazione a Santa Elisabetta; infine un'ultima ipotesi, meno accreditata, è che il nome derivi dal colore del viso della Vergine. La statua della Madonna è ubicata all'interno di una teca nel transetto della Cattedrale a lei dedicata. Nella stessa Cattedrale un affresco che la raffigura, di scuola bizantina e risalente al XII secolo, si trova sull'altare sito all'ingresso della navata sinistra.

 












[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (619 letture)


IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA



PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.

Archer PHP-Nuke Theme By Kalgash Themes