PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· card
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali




























Nuovi in Biblioteca
  Giuseppe e Maria. La nostra storia d'amore
  La lacrime di Civitavecchia. Quando «Maria» ha pianto fra le mie mani
  Maria mamma di tutti. Le mie riflessioni e le mie preghiere dedicate alla Madonna
  Beata credente. Maria e l'esistenza liturgica del cristiano
  La Madonna del Divino Amore. Storia e spiritualità del santuario
  Santuario SS. Annunciata. Piancogno
  Maria, il pensiero di Dio
  Nostra Signora degli eretici
  Maria, agnella senza macchia
  Miracoli a Lourdes
  Maria di Nazareth
  La Madonna piange per noi
  Maria con gli occhi di Francesco
  Ave Maria. Il Santo Padre ci racconta il mistero di Maria con le parole della preghiera più amata
  Il Rosario spiegato ai bambini
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Adesso e nell'ora della nostra morte


“Cammini” mariani per i tesori di Sicilia


Il discepolo l'accolse con sé (Gv 19,27)


Maria, ''Salus infirmorum''


La ''Colletta'' mariana del Venerdì di Passione nella T.E.T. del Messale Romano


Vita della Beatissima Vergine Madre di Dio


«Il discepolo l’accolse con sè» (Gv 19, 27)


Partecipazione di Maria alla Passione di Gesù secondo gli Apocrifi


Note sulla storicità di Maria di Nazareth


Come Maria di fronte al mistero di morte e risurrezione


Maria, madre della Chiesa, Donna del Magnificat


Maria, la ragazza di Nazaret


La presenza di Maria nell'Ortodossia


La donna sempre presente nella vita dei cristiani


“Vi fu una festa di nozze...”


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 292
Contatore visite
contatore visite
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 54
Iscritti: 0
Totale: 54
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
BOSNIA - OLOVO - Beata Vergine Addolorata


Il più antico e importante santuario dell'Addolorata si trova ad Olovo nella Bosnia, lungo la strada fra Sarajevo e Belgrado. Il nome della località deriva dalle antiche miniere di piombo della zona: "Olovo" significa appunto piombo. Le prime testimonianze storiche risalgono al 1800 e ci attestano la grande fioritura di questo santuario, che può essere considerato, in quel periodo, come il più famoso e frequentato della zona balcanica: i pellegrini giungevano anche dall'Ungheria e dall'Albania, ed erano non solo cattolici, ma anche greco-ortodossi e addirittura ebrei, attratti dall'efficacia degli esorcismi che vi si praticavano. Il padre Nicola Olovcic, vescovo di Bosnia, nella sua relazione del 1672 racconta che quasi ogni giorno si verificavano in questo santuario miracoli strepitosi, soprattutto guarigioni di ossessi. E un altro vescovo bosniaco, precedente, padre Gerolamo Lucie, nel 1638 precisa che, non appena i malati guardavano l'immagine, immediatamente il demonio usciva da loro gridando: "Perché ci perseguiti e ci tormenti, Vergine Maria?". Per la festa dell'Assunta vi accorrevano cristiani e musulmani da tutte le regioni, camminando anche per tre mesi, fiduciosi di trovare aiuto e conforto davanti alla Consolatrice degli afflitti. Il santuario sopravvisse all'occupazione turca, anzi ai pellegrini precedenti si aggiunsero anche i mussulmani. Tutto ciò finì nel 1704, quando un furioso incendio distrusse totalmente sia la chiesa che il convento francescano. Il luogo rimase deserto per circa duecentotrenta anni, ma la memoria del santuario restò viva e fu fatto risorgere, sempre ad opera dei francescani, nel 1930, con l'erezione di una chiesa di vaste proporzioni.









[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (742 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi

:: HeliusGray phpbb2 style by CyberAlien :: PHP-Nuke theme by www.nukemods.com ::