PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
 
 Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie










 Inserti Speciali



























 Nuovi in Biblioteca
  Classici mariani. Vol. 2. Musiche mariane della tradizione popolare
  Classici mariani. Vol. 1. Canti mariani della tradizione popolare
  Maria
  Bartolo Longo dal Salento a Pompei. La carità che fa nuova la storia
  Il mio ideale Gesù figlio di Maria
  Benedictus e Magnificat. Canti dell'alba e del tramonto
  Maria discepola e sorella madre di misericordia
  I segreti di Maria. Messaggi, profezie e misteri delle apparizioni mariane
  Maria nelle origini cristiane. Profilo storico della mariologia patristica
  Libro di Santa Maria
  Il rosario con Maria che scioglie i nodi
  Chi è Maria? 125 questioni tra fede, storia e tradizione.
  La Madonna di Alfonso Ratisbonne
  Lucia di Fatima
  Il santo rosario con le icone dell'Abbazia Mater Ecclesiae
 Pensieri
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

L'icona della Madonna della Consolazione a Reggio Calabria


Maria, madre vigile e potente, clemente e misericordiosa


I volti di Maria a Roma


Il Segreto di Fatima


Maria Immacolata, Madre di misericordia


Eredi dell’amore di Cristo per Maria


Il Rosario: respiro e anima della vita


Canti lauretani


La ''Dormitio Mariae'' dai suoi albori fino al VI secolo


Il Rosario e il mese di ottobre


Il Rosario, preghiera cristologica


Ave Maria


Perseveranti e concordi nella preghiera con Maria


La nostra preghiera e Maria


Maria di Nazaret nella storia della spiritualità contemporanea


 Immagini
 Santuari

Simbolismi
 

 Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 163
Iscritti: 0
Totale: 163
 Contatore visite
contatore visite
 F.A.Q.

 Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
SICILIA - PIETRAPERZIA - Madonna della Cava


L’origine del santuario è collegata alla Santissima Immagine, che vi si venera. L’immagine fu ritrovata prima del 1223 da un muto trapanese che, recandosi nelle vicinanze di Pietraperzia, a tre km. circa, scavò e trovò la Santa Effige, e immediatamente ottenne la loquela. Dopo il ritrovamento fu costruito un sacro tempio sul posto. La contrada “Ronzi”, da allora, fu denominata “Madonna della Cava”. Accanto all’edificio furono costruite alcune cellette con un grandissimo cortile, mentre il vasto piano della Cava fu lasciato per comodo della gente. Nel secolo XIV un beneficiale vi introdusse gli eremiti, detti della Cava, affinché vi fosse una custodia perpetua. Gli eremiti vennero a mancare nel secolo XVII, ma i beneficiali della Chiesa vi mantennero sempre o quasi l’abitazione permanente con l’amministrazione dei Sacramenti e la cura delle anime, tanto che Innocenzo XIII nel 1721, nella bolla di questa chiesa, tenuto conto della relazione a Lui pervenuta, la chiamò Parrocchiale. Quantunque il tempio della Madonna della Cava fosse grandioso, con delle porte alla francese che davano a ponente e delle ottime tele, tra cui quella di San Calogero e San Lorenzo, tuttavia tra la fine del 1600 e i primi anni del 1700 la Chiesa ad opera delle persone illustri del paese e con le offerte dei fedeli, fu rimessa a nuovo, ed è l’attuale tempio. Sull’altare troneggia la Santa Effige, consistente in un muro composto di pietre e calce su cui è dipinta l’immagine della Madonna, nell’atto di allattare il Bambino Gesù ed ambedue sono nell’atto di benedire. La pittura, per quanto rustica, è maestosa ed ispira molta devozione. Pare che sia stata dipinta da un antico artefice greco nei primi secoli del cristianesimo, e che,  durante le persecuzioni di Leone Isaurico 726, di Costantino Capronimo 731, e le incursioni dei Saraceni secolo IX, sia stata sotterrata e poi ritrovata nel 1223. La Madonna è collocata su un trono artisticamente intagliato, in legno di cipresso e dorato con oro zecchino, opera di antichi artefici.











[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (230 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
PROFESSORE STABILE STRAORDINARIO DI MARIOLOGIA
ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.15 Secondi

Phpib2 style by www.nukemods.com