PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali




























 
Nuovi in Biblioteca
  Prego con Maria
  La storia di Maria
  Classici mariani. Vol. 3. Canti mariani della tradizione popolare
  La vera bellezza. Il volto di Gesù e Maria nell'arte
  Guadalupe, un'immagine viva
  Tutti a scuola di Maria per imparare la gioia
  La Vergine Maria "alfa e omega" della celebrazione liturgica bizantina
  Con Maria, Madre di Dio
  Siracusa. Le lacrime amare del cuore immacolato
  Kibeho. La Madre del Verbo e il genocidio africano
  La vita quotidiana di Maria di Nazaret
  Maria «La» credente
  È stata Lei. La Madonna e le conversioni
  Il santuario Nostra Signora dello Scoglio e fratel Cosimo
  Bartolo Longo....
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Commento all'Ave Maria


La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo e lo Scapolare


Decor et Flos Carmeli


La Vergine Maria nella Chiesa


Breve storia della Mariologia


La devozione a Maria nel magistero di Paolo VI


Partecipare alla missione di Maria


Mamajedda


Un Osservatorio permanente sulle apparizioni


Le apparizioni tra fede, teologia e scienza


Il Movimento del ''Focolare della Madre''


Alla Madonna della Mercede


Maria nei mosaici di Ravenna


La Madonna è apparsa a San Simone Stock?


Maria al centro della mia vita


 
Immagini
 
Santuari

Simbolismi
 

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 157
Iscritti: 0
Totale: 157
 
Contatore visite
contatore visite
 
F.A.Q.

 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
LAZIO - SORA - Beata Vergine delle Grazie


Non vi sono ad oggi attestazioni ufficiali circa l’anno di fondazione. Il primo documento certo che ne attesti l’esistenza è datato 1583, anno nel quale il vescovo sorano Ciceroni decretò che la Cappella in culmine montis della Madonna delle Grazie, con i suoi diritti e beni, fosse unita alla morte del suo cappellano, don Curio Regoli, alla Chiesa di Santa Restituta. Sicuramente l’edificio sacro fu costruito poco prima di quella data, forse proprio dallo stesso Cappellano, infatti la chiesa non compare in nessun documento del XV secolo. Una prima descrizione accurata del tempio la ritroviamo nella visita pastorale del 29 aprile 1706 da parte del vescovo Matteo Gagliano. In chiesa vi erano tre altari, il maggiore, elegante e lavorato in stucco, conservava il venerato affresco della Madonna; alla sua destra vi era l’altare della Madonna del Carmine, mentre a sinistra quello di san Gerardo confessore. Dietro la chiesa vi era l’abitazione dell’eremita-custode. La Cappella era ovviamente di dimensioni ridotte rispetto all’attuale, terminava all’altezza dei due altari laterali. Sono del 1861 i primi lavori di ampliamento con la sopraelevazione della fabbrica della chiesa. Purtroppo in quest’anno l’edificio fu occupato dal Corpo di Guardia della nascente Italia unita, che vi rimarrà fino al 1863. Il 2 luglio di quest’anno, con grandi festeggiamenti, l’edificio fu riaperto al culto. Nel 1867 ripresero i lavori di restauro. Mediante la vendita di ex voti d’oro e d’argento, si riuscì a prolungare la chiesa ed a costruire un atrio davanti alla medesima. I lavori terminarono il 29 giugno del 1868, con l’apposizione della campana sulla estremità della facciata. Altri lavori nel 1934 ed infine nel 1951, per volere della famiglia sorana Alonzi, emigrata in America del Nord. Per ciò che concerne l’esterno, fino all’inizio del Novecento, la Chiesa della Madonna delle Grazie era raggiungibile (oltre ai due sentieri che passavano l’uno dinanzi la chiesa di Sant’Antonio, l’altro dinanzi San Silvestro) grazie ad un sentiero di montagna, un po’ accidentato, che si snodava più o meno lungo il tracciato degli odierni 409 gradini; quest’ultimi saranno realizzati nel 1908 grazie allo zelo del Preposto di Santa Restituta don Filippo Loffredo. In quest’anno sarà costruita anche la Cappella di san Gaetano da Thiene per volontà della famiglia Boimond. Nel 1913 furono piantate su piedistalli di pietra cinque Croci di ferro, alle quali nel 1974 se ne aggiunsero altre nove più la grande Croce dietro la Chiesa, a memoria del Secondo Congresso Eucaristico Interdiocesano, svoltosi a Sora nel giugno di quell’anno. Nel 1971 si svolsero i lavori di rifacimento della facciata dell’edificio, che fu rivestita di un bianco travertino. Nell’occasione fu sistemato, con pavimentazione, l’intero piazzale antistante la chiesa. Nel corso dei secoli i sorani hanno da sempre tributato una forte devozione alla Madonna delle Grazie, sia nel mese mariano di maggio, che nel giorno della sua festa il 2 luglio. A tal proposito è utile ricordare che nella Diocesi di Sora la festa liturgica della Madonna delle Grazie, a questa data, fu introdotta dai Borboni. Le uniche due città che la recepirono, e che ancora oggi la mantengono, furono Sora e Roccavivi.








 






[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (351 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.14 Secondi