PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO   
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali




























Nuovi in Biblioteca
  Il Rosario con Montfort
  Piccola corona della santa Vergine
  La Vergine Bruna di Oropa
  Maria nel Medioevo fra antropologia e teologia
  Il santo rosario: contemplazione e mistero
  Culti mariani nel basso Lazio
  Da donna a donna. Lettere a Maria di Nazareth
  Maria donna normale....
  Maria di Nazaret da conoscere ed amare
  Mater nostra. Un mese con Maria, donna della Pasqua
  Il Rosario con Papa Francesco
  La Madonna della Guardia
  Giuseppe e Maria. La nostra storia d'amore
  La lacrime di Civitavecchia. Quando «Maria» ha pianto fra le mie mani
  Maria mamma di tutti. Le mie riflessioni e le mie preghiere dedicate alla Madonna
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Storia del Santuario di Nostra Signora di Roverano


Lo spazio di Maria nella Storia della Salvezza


Grandi cose ha fatto in me il Potente (Lc 1,49a)


Passato, presente e futuro con Maria


L’insegnamento della mariologia, oggi. Anamnesi e Prospettive


La Sacra Liturgia e la devozione mariana


Natura della spiritualità mariana della Chiesa


Dimensioni del Rosario


La Madonna nella svolta “mistica” di Salvador Dalí


Multiforme presenza di Maria nella Chiesa


La ''Memoria obbligatoria'' del Cuore Immacolato di Maria


Consacrati al Vivente in Maria


Perché Maria è Regina


La figura di Maria in alcune omelie di Benedetto XVI - Parte I


La figura di Maria in alcune omelie di Benedetto XVI - Parte II


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 324
Contatore visite
contatore visite
F.A.Q.

Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 217
Iscritti: 0
Totale: 217
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
BORDINO LUIGI



Religioso della Congregazione dei Fratelli di San Giuseppe Benedetto Cottolengo, col nome di Fratel Luigi della Consolata, è stato beatificato il 2 maggio 2015.

1. Cenni biografici e processo di beatificazione
a) Terzogenito di quattro sorelle e di quattro fratelli, nacque il 12 agosto 1922. Nel gennaio 1942 si arruolò nell'Artiglieria Alpina della Cuneense, dove trovò il fratello Risbaldo, rientrato dalla Campagna di Albania. Il 15 agosto i due fratelli partirono per la Campagna di Russia, ma non raggiunsero le linee di fuoco. Il comando del 4º Reggimento di Artiglieria Alpina s'installò a Sollonscki, un villaggio tra Valujki e Rossosh. Mentre Andrea accudiva i sei muli del comando,  Risbaldo distribuiva vettovaglie e indumenti ai militoni. Caduti prigionieri nel gennaio 1943, i Bordino vissero insieme la tragica ritirata per circa un mese. Vennero separati ad Aklulak: Andrea destinato alla Siberia dove rimase per due anni, internato nel lazzaretto di Spassh, dove cercò di svolgere con sacrificio lavoro di assistenza per i malati e i moribondi, con i pochi mezzi a disposizione. Fu qui che, nella primavera del 1945, fu colpito da tifo petecchiale. Nell'autunno del 1945 i due fratelli poterono rientrare in patria. Il 23 luglio 1946 Andrea insieme alla sorella Ernestina, entrò a far parte della Piccola Casa della Divina Provvidenza di Torino. Indossato l'abito religioso assunse il nome di fratel Luigi della Consolata. Con i fratelli di San Giuseppe Cottolengo, iniziò a svolgere lavoro di assistenza, soprattutto infermieristica per i ricoverati dell'Istituto, malati di vari disturbi fisici o psichici. Nel 1975, fu colpito da leucemia mieloide e morì a Torino il 25 agosto 1977.
b) Tra il 1988 e il 1993 per fratel Luigi si svolse la fase del processo per la dichiarazione a Venerabile. Complessivamente il Tribunale Ecclesiastico tenne 76 sezioni ascoltando 58 testimoni oculari (14 dei quali ex prigionieri in Russia). La santa sede esaminò le duemila pagine del trasunto, fu redatto il “Summarium” e la “Positio”. Il 14 febbraio 2003 la commissione di teologi della Congregazione Vaticana per le cause dei santi studiò e votò "l'esercizio eroico delle virtù praticate dal servo di Dio fratel Luigi". I voti dei teologi (9 su 9) furono affermativi. Il 12 aprile 2003, papa Giovanni Paolo II lo dichiarò Venerabile. Successivamente tra il 2010 e il 2014 si svolse il processo diocesano per la beatificazione, su un miracolo avvenuto nel 1991. Il 3 aprile 2014 papa Francesco promulgò il decreto che riconosceva l'avvenuto miracolo con una guarigione attribuita per intercessione del Venerabile Luigi Bordino e ritenuta inspiegabile per i tempi, le modalità e la gravità della malattia. Il 2 maggio 2015 a Torino è stato proclamato beato nel corso di una celebrazione liturgica presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione per le cause dei santi, delegato di Papa Francesco. La sua memoria liturgica è stata fissata al 25 agosto.

2. Maria e il suo Rosario nel cuore e nella vita di Fratel Luigi
Nessun testimone lo attesta, ma nulla ci vieta di credere che nelle tasche del giovane Andrea Bordino, ventenne alpino della Cuneense, quel giorno afoso dell'Assunta del '42, mentre la tradotta lasciava Cuneo per una guerra assurda, ci fosse la corona del Rosario. Nulla ci vieta di crederlo perché i testi sono concordi nell'affermare che era abitudine della famiglia Bordino recitare il Rosario nelle sere cariche di fatica e di lavoro, così come affermano che tale abitudine perdurò nel giovane soldato durante la prigionia, nelle giornate di Andrea divenuto Fratello Cottolenghino, fino alle lunghe ore in cui nel suo letto fratel Luigi veniva consumato dalla leucemia. La corona del Rosario! Non un amuleto né tanto meno un porta fortuna. La corona del Rosario, ovverosia quel semplice strumento che serviva al fratel Luigi per esprimere con affetto e devozione il proprio amore alla Vergine. Una devozione che accompagnerà fratel Luigi per tutta la sua vita e i cui contenuti subirono quella maturazione di fede che è tipica dell'uomo credente. Andrea imparò presto in famiglia a sgranare quella corona e ad assaporarne la dolcezza. Nelle lunghe sere fredde d'inverno, raccolti nel tepore della stalla o in cortile durante le stagioni più calde quando la brezza della sera lenisce la calura del giorno, la famiglia Bordino consegnava fiduciosa alle mani di Maria la molta fatica del lavoro. Se il giorno cominciava presto con la celebrazione della Messa, era ben giusto che si chiudesse la sera affidandosi alla Vergine. Non è dunque un caso che suor Chiara Cortinovis, collaboratrice per diversi anni di fratel Luigi in sala operatoria affermasse che «le due grandi devozioni di fratel Luigi erano Gesù Eucarestia e la Madonna, che venerava con il Santo Rosario». Possiamo anche pensare che negli anni della giovinezza, il Rosario serale di Andrea non fosse neppure l 'unico della giornata. Chissà quante volte la mano forte e virile di Andrea avrà cercato nella tasca quella corona che lo aiutasse ad intessere con la Madre del cielo una intima sintonia, chiedendole di accompagnarlo nel cammino della fede. E che Andrea tenesse sempre con sé la corona lo depone anche il suo parroco, don Gustavo Bianco: «Andrea ha sempre portato la corona del Rosario in tasca, che recitava ogni sera in famiglia e nei gruppi parrocchiali».

            a) Dalle Langhe alla Siberia
            Ma a quella corona si aggrappò con ancor maggiore energia quando il dovere gli impose di indossare la divisa degli Alpini e ancor più quel giorno dell'Assunta del '42 quando la tradotta che lo avrebbe portato al fronte partì da Cuneo. Una delle pagine più dolorose della nostra storia italiana. Probabilmente già in quell'istante Andrea aveva consapevolezza di cosa significasse la guerra, ma mai avrebbe immaginato un tale orrore di violenza, fame e freddo. E quelle mani forti afferrarono con tenacia i grani della corona, simboli del suo affetto per la Vergine. Giorno dopo giorno, con il venir meno delle possibilità di partecipare alla Messa quotidiana, il Rosario divenne l'unico strumento per rimanere in comunione con la Vergine e, insieme a lei, trovare consolazione nel Cristo. Sono gli stessi commilitoni ad attestarlo. Candela Battista rammenta come nelle sere cariche di fatica andasse con Risbaldo a cercare Andrea. Tra le baracche prive degli affetti famigliari, la compagnia dei commilitoni rimaneva l'unica consolazione. Ci si raccontava con nostalgia le storie di casa, si cantavano i canti di paese, si fantasticava sul futuro rientro a Castellinaldo. Ed egli rammenta come spesso gli capitasse di trovare Andrea dietro alla baracca, seduto o passeggiando che, solo o in compagnia, fingesse di riposarsi. In realtà sgranava la sua corona del Rosario, di nascosto, perché non era concesso dalle guardie. Privo del conforto dei sacramenti e della gioia delle celebrazioni vissute con intensità nella chiesa arroccata sul colle di Castellinaldo, il Rosario era per Andrea Bibbia, breviario e liturgia. In quei quindici misteri abbracciava tutto il mistero di Cristo, là in quelle sperdute e riarse terre di Siberia. L'Alpino Candela termina la sua deposizione affermando che se era vero che loro lavoravano anche per Andrea (nella sua condizione di distrofico era inabile al lavoro), era maggiormente vero che Andrea pregava anche per loro, e Dio solo sa quanto avessero bisogno del sostegno di quella preghiera. Tanta era la consolazione che egli traeva dai suoi Rosari quotidiani che, a mo' di esondazione, desiderava rendere partecipi anche gli altri. Afferma Toppino Francesco «Ricordo come fosse adesso che sovente Andrea ci faceva dire il Rosario, oppure ci animava a cantare. Lui sapeva la musica e aveva una bella voce. Senza tanti complimenti ci diceva: "Diciamo il Rosario". Qualche volta gli ho risposto: "Ma preghiamo sempre?" Invece di sempre pregare non sarebbe meglio darci da fare e andare da qualche parte a rubare qualcosa da mettere sotto i denti? Macchè, dove vuoi andare? E si cominciava il Rosario e poi si cantava ancora se avevamo fiato. Comunque, lo dico con tutta sincerità, ho mai detto tanti rosari in vita mia».

            b) Servo dei poveri a Torino
            Terminata la guerra e rientrato in famiglia fu ancora alla Vergine che Andrea affidò il compito di gettare luce sul proprio discernimento vocazionale anzi, potremmo dire che si aggrappò con tenacia alla Madre del Cielo e quelle quattordici ore di cammino che lo portarono in pellegrinaggio al santuario della Madonna dei Fiori a Bra - quanti rosari avrà detto in quattordici ore - gli permisero di fare chiarezza sul proprio futuro. A Bra decise la sua chiamata tra i poveri del Cottolengo. Alla Piccola Casa fratel Luigi si mise con tenacia alla scuola di San Giuseppe Cottolengo ed imparò cosa intendesse il Canonico Buono quando affermava: «Per me, dopo Dio so chi devo amare: è la mia Madre, è la vostra Madre, è la Madre di tutti gli uomini; se sapeste quanto la Madonna è dolce e graziosa! È per lei che abbiamo Gesù; è per lei che riceviamo le grazie, se non fosse di questa buona Madre che cosa sarebbe di noi poveretti?». Negli anni di servizio, densi di carità, Maria fu per fratel Luigi consolatrice nelle afflizioni, consigliera nelle scelte difficili, ausiliatrice nei momenti impossibili. Comunque e sempre Maria fu per fratel Luigi Madre tenerissima ed egli si beava della sua compagnia, in ogni momento. Durante gli interventi chirurgici più lunghi, quando a turno ci si staccava un momento dal tavolo operatorio per un momento di riposo, fratel Luigi si ritirava in un angolo e pregava il Rosario: Maria era il suo riposo! Quando attraversava i cortili con passo deciso e solenne, pregava il Rosario: Maria era sua compagna di viaggio! Quando il cammino della Congregazione verso l'approvazione pontificia rallentava o subiva delle battute d'arresto, fratel Luigi affidava tutto alla Vergine: Maria era il suo sostegno: se alcuni confratelli erano maggiormente impegnati a scrivere e riscrivere testi da inviare alla Santa Sede, fratel Luigi li sosteneva tutti con la sua preghiera: ed essi lo sapevano bene.

            c) Uomo di Dio per l'umanità
            Fino al periodo della malattia, quando il suo rapporto con la Madre di Dio raggiunse tutta la sua purezza. Molto è già stato scritto circa il periodo della sofferta malattia di fratel Luigi. Lo stato d'animo di fratel Luigi è molto ben sintetizzato da una suora: «Andai a trovarlo più volte, ma sul suo letto non ho mai scorto tristezza; sul suo labbro il cenno solito di sorriso non mancava mai, il suo sguardo rimase sempre buono, i suoi occhi continuarono ad elargire serenità». È ovvio pensare che tale serenità era frutto della intensa e costante comunione con Dio. Anche in questi anni egli ricorre alla corona del Rosario per alimentare la sua intimità con Dio e affida alla Vergine il duro impegno di compiere la volontà di Dio. Rimane struggente la testimonianza di un confratello: «Mi è rimasto impresso un caro ricordo: fratel Luigi era già avanti nel male leucemico, ma si muoveva ancora con le sue gambe; era il mese di maggio, la festa dell'Ausiliatrice e come tutti gli anni (tempo permettendo), alla sera si svolgeva la processione per le vie di Torino, passando anche per via Cottolengo. Io ero sul cavalcavia - una sorta di passerella che unisce i fabbricati della Piccola Casa separati da via Cottolengo - e ad un certo momento mi vidi fratel Luigi al fianco; egli era in pigiama, essendo ricoverato nell' infermeria San Pietro: rimase immobile tutto il tempo della processione sino al passaggio della Madonna, dicendo delle Ave Marie; i suoi occhi e il suo volto sprizzavano gioia». Cosa ci resta da aggiungere? Nessuno di coloro che ha conosciuto fratel Luigi afferma di averlo mai sentito parlare della Madonna, neppure coloro che trascorrevano con lui lunghi tempi durante il servizio in corsia o durante la vita fraterna in comunità. Eppure egli appare a tutti come uno dei maggiori devoti della Vergine, dimostrando una maturità di fède altissima. Dal Cottolengo fratel Luigi ha appreso che la Madonna va amata dopo Dio e non al posto di Dio, ma il venerabile ci insegna anche che Maria Santissima è la mano sicura a cui affidarsi per chi vuole percorrere con intensità il cammino della fede.

Bibliografia
COLICO R., Maria nel cuore di fratel Luigi: Un rosario per le strade dell'Europa, in Fratel Luigi è una proposta, XX (2008), n. 39 pp. 11-15; AGASSO D., Fratel Luigi Bordino, Effatà Editrice, Cantalupa 2010; CARENA D., Fratel Luigi la Roccia, San Paolo, Cinisello Balsamo 2003; IDEM, Dalla Siberia al Cottolengo, Elledici, Leumann 1984; SALCITO M., L'infermiere dei poveri, Effatà Editrice, Cantalupa 2007; IDEM,  Fratel Luigi degli ospedali. Le virtù del Beato Bordino (1922-1977) dei Fratelli di san G. B. Cottolengo, La Fontana di Siloe, Torino 2015; CAVICCHIOLI C., Il santo che venne dal freddo, Edizioni Paoline, Milano 1992.






[ Indietro ]

DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DI MARIOLOGIA

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (60 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi