PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO   
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali




























Nuovi in Biblioteca
  Il Rosario con Montfort
  Piccola corona della santa Vergine
  La Vergine Bruna di Oropa
  Maria nel Medioevo fra antropologia e teologia
  Il santo rosario: contemplazione e mistero
  Culti mariani nel basso Lazio
  Da donna a donna. Lettere a Maria di Nazareth
  Maria donna normale....
  Maria di Nazaret da conoscere ed amare
  Mater nostra. Un mese con Maria, donna della Pasqua
  Il Rosario con Papa Francesco
  La Madonna della Guardia
  Giuseppe e Maria. La nostra storia d'amore
  La lacrime di Civitavecchia. Quando «Maria» ha pianto fra le mie mani
  Maria mamma di tutti. Le mie riflessioni e le mie preghiere dedicate alla Madonna
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Storia del Santuario di Nostra Signora di Roverano


Lo spazio di Maria nella Storia della Salvezza


Grandi cose ha fatto in me il Potente (Lc 1,49a)


Passato, presente e futuro con Maria


L’insegnamento della mariologia, oggi. Anamnesi e Prospettive


La Sacra Liturgia e la devozione mariana


Natura della spiritualità mariana della Chiesa


Dimensioni del Rosario


La Madonna nella svolta “mistica” di Salvador Dalí


Multiforme presenza di Maria nella Chiesa


La ''Memoria obbligatoria'' del Cuore Immacolato di Maria


Consacrati al Vivente in Maria


Perché Maria è Regina


La figura di Maria in alcune omelie di Benedetto XVI - Parte I


La figura di Maria in alcune omelie di Benedetto XVI - Parte II


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 324
Contatore visite
contatore visite
F.A.Q.

Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 210
Iscritti: 0
Totale: 210
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
PICCARRETA LUISA



Serva di Dio e mistica pugliese.

1. Cenni biografici ed esperienze mistiche
Luisa Piccarreta, quarta dei cinque figli di Rosa Tarantino e di Vito Nicola Piccarreta, lavoratore di una tenuta della famiglia Mastrorilli, nacque a Corato nella provincia di Bari, il 23 aprile 1865 e lo stesso giorno fu battezzata. La domenica "in Albis" del 1874, a nove anni, ricevette la Prima Comunione e lo stesso giorno il Sacramento della Cresima. Già da piccola mostrava una forte inclinazione a dedicare lunghi periodi di tempo per la meditazione e preghiera, avendo come elementi fondamentali della sua vita interiore un acceso amore a Gesù sofferente nella sua Passione e prigioniero di amore nell'Eucaristia, ed una matura e solida devozione alla Santissima Vergine Maria. I suoi genitori non prestarono attenzione a queste inclinazioni, fino a che cominciò a manifestarsi nella loro figlia una misteriosa malattia che la obbligava a rimanere a letto. I medici non trovandone la causa e non potendo darne una diagnosi, suggerirono la visita di un sacerdote. Rimasero attoniti quando al segno della croce Luisa ritornò nel suo "solito stato", come lei stessa lo avrebbe chiamato dopo anni nei suoi scritti. Verso i diciotto anni, mentre, chiusa nella sua stanza meditava sulla Passione di Gesù, sentì il suo cuore oppresso e che le mancava il respiro. Presa da grande spavento, si affacciò sul balcone e da lì le sembro di vedere la strada piena di gente che spingeva Gesù che portava una pesante croce. Allora Gesù, sofferente ed insanguinato, alzò gli occhi verso di lei dicendole: "Anima, aiutami!". Luisa entrò nella sua abitazione con il cuore dilaniato dal dolore e, piangendo, rispose a Gesù: « Quanto soffri, o mio buon Gesù! Potessi io almeno aiutarti e liberarti da quei lupi rabbiosi, o almeno soffrire io le tue pene, i tuoi dolori e le tue fatiche, in vece tua, per darti così il più grande sollievo! Ah, mio Bene!, fa' che anche io soffra, perché non è giusto che tu debba soffrire tanto per amore mio e che io, peccatrice, stia senza soffrire nulla per te». Da quel momento, ripetendo sempre il suo Fiat, diventarono sempre più frequenti i periodi trascorsi nel letto fino alla completa immobilità per 62 anni. In questa "piccola prigione" Gesù le fece conoscere il gran desiderio del suo Cuore: che l'uomo viva nella sua Volontà, affinché ritorni all'ordine, al posto e allo scopo per cui fu creato da Dio; questo è ciò che Egli stesso ci insegnò a chiedere nel Padre Nostro: "Sia fatta la tua Volontà come in cielo così in terra". Così depositò in lei le sue meravigliose Verità, affinché a sua volta, come "araldo" del Regno, depositaria e segretaria dei tesori della Divina Volontà, facesse conoscere il decreto eterno della venuta del suo Regno nella Chiesa e nel mondo intero. A tal proposito scrive Sant’Annibale Maria Di Francia: «Nostro Signore che di secolo in secolo accresce sempre più le meraviglie del suo Amore, pare che di questa vergine, che Egli chiama "la più piccola che abbia trovata sulla terra", destituita di ogni istruzione, abbia voluto formare un istrumento adatto per una missione così sublime, cui nessun'altra si potrà paragonare, cioè il trionfo della Divina Volontà sull'Universo Orbe, in conformità a quanto è detto nel Pater Noster: "Fiat voluntas tua, sicut in coelo et in terra"». Luisa, come figlia della Chiesa, fu sempre sottomessa ed ubbidiente. Durante il periodo dal 1884 fino alla sua morte nel 1947, fu sottomessa alla cura ed obbedienza di vari confessori inviati dal Vescovo della sua Arcidiocesi. Il suo secondo confessore, Don Gennaro di Gennaro il 28 febbraio del 1899 le diede l'ordine di mettere per iscritto tutto quanto succedeva tra Gesù e lei e le grazie che continuamente riceveva. Fu allora che Luisa si decise a vincere la ripugnanza di rendere pubblico quello che viveva nel suo interno. E così, con gran sforzo, scrisse più di 2.000 capitoli, raccolti in trentasei volumi,senza contare centinaia di lettere, "Le Ore della Passione di Nostro Signore Gesu Cristo", e “La Vergine Maria nel Regno della Divina Volontà". Uno dei suoi confessori e promotore più importante della Divina Volontà (la dottrina che Gesù insegnò a Luisa), fu Sant’Annibale Maria Di Francia che fu Revisore Ecclesiastico dei volumi, (diede il suo Nulla Osta a 19 dei 36 volumi) e primo apostolo del Regno del Fiat Divino (come Gesù stesso lo definisce nel volume 20 del suo diario, il 6 novembre1926). Luisa morì prima di compiere ottantadue anni di età, il 4 marzo di 1947, dopo una breve ma fatale polmonite. Nel 1993, i suoi resti furono trasportati nel Santuario di Santa Maria Greca, grazie al suo ultimo confessore Don Benedetto Calvi. Il 20 novembre 1994 - nella Festa di Cristo Re -, la Santa Sede diede il suo "Nulla Osta" all'Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, guidata da S.E. Mons. Carmelo Cassati, per l'apertura ufficiale della Causa di Canonizzazione. Il 29 novembre del 2005 S.E. Mons. Giovan Battista Pichierri, chiuse la fase diocesana, raccogliendo una moltitudine di documenti ed attestazioni sulla fama di santità della Serva di Dio, iniziando così la fase romana della causa, dove il Santo Padre la eleverà agli onori degli altari.

2. Le pubblicazioni di Luisa Piccarreta e la Vergine Maria
a)
Nelle pubblicazioni di Luisa Piccarreta, possiamo distinguere tre tappe. di cui la terza riguarda la Vergine Maria:
-
la prima tappa, costituita dai volumi che vanno dal 1° al 12°, corrisponde al libro “Le ore della Passione di nostro Signore Gesù Cristo" (scritto da Luisa negli anni in cui componeva i volumi 11° e 12°). La finalità della prima tappa è ripercorrere le “24 ore della Passione”, per imitare Gesù, allo scopo di conoscerlo interiormente e fare nostra la sua vita interiore, accompagnandolo in essa per copiarla in noi e prendere possesso dell’opera della REDENZIONE;
- la seconda tappa, costituita dai volumi che vanno dal 13° al 24°, corrisponde allo scritto cosiddetto, "Giro dell’anima nella Divina Volontà", al quale il confessore di Luisa diede il titolo di “Pio Pellegrinaggio”. La finalità della seconda tappa è ripercorrere tutte le opere di Dio, a cominciare dalla creazione del mondo e continuando con la creazione dell’uomo (Adamo), quindi dell’umanità e del popolo di Dio (la storia sacra), per dare al Padre la dovuta risposta di adorazione, di lode, di ringraziamento e di amore a nome di tutti e di tutte le creature, copiando in noi la Sua Opera, per prendere possesso della CREAZIONE.
b) La terza tappa, costituita dai volumi che vanno dal 25° al 36°, corrisponde al libro “La Vergine Maria nel Regno della Divina Volontà”, scritto nel 1930. La finalità della terza tappa è ripercorrere tutta la vita della Ss.ma Vergine, seguendo i 31 giorni del mese mariano, allo scopo di imparare da Lei ed imitare la Sua vita interiore per fare nostra l’opera dello Spirito Santo, la SANTIFICAZIONE. Si tratta dunque di copiare nella nostra vita, la vita della SS.ma Trinità e le Tre Divine Persone: lo scopo per cui fummo creati, perché questo è il Regno di Dio. Il quaderno originale manoscritto autografo di Luisa fu conservato dal suo confessore, don Benedetto Calvi. La famiglia del defunto lo consegnò, insieme con altri scritti di Luisa, originali e copie, a richiesta dell’Arcivescovo di Trani Mons. Giuseppe Carata, a un gruppo di sacerdoti autorizzati a raccogliere scritti, oggetti personali e testimonianze nel marzo del 1976. La prima edizione fu pubblicata nel 1932 – col titolo “La Vergine Maria nel Regno della Divina Volontà” – Imprimatur della Curia Episcopale di Montepulciano, 30.III.1932 † Giuseppe, Vescovo di Montepulciano. La seconda edizione fu pubblicata nel 1933 – col titolo “La Regina del cielo nel Regno della Divina Volontà” – “Nihil obstat Quominus Reimprimatur” Taranto, 23.IX.1933 Delegato dell’Arcivescovo, Giuseppe Blandamura. La terza edizione fu pubblicata nel 1937 – col titolo “La Regina del cielo nel Regno della Divina Volontà” – “Nihil obstat Quominus Reimprimatur” Taranto, Festa di Cristo Re, 1937, Mons: Francesco M. della Queva. (Ha diverse Appendici: “Prodigi d’Amore che la Divina Volontà operò nella Regina del Cielo”, “Le ore della giornata nella Divina Volontà” ecc.
c) I 31 giorni del Mese di maggio sono così divisi:
1º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Il primo passo della Divina Volontà nell’Immacolato Concepimento della Mamma Celeste.
2º GIORNO
Il secondo passo della Divina Volontà nella Regina del Cielo. Il primo sorriso della Trinità Sacrosanta sopra del suo Immacolato Concepimento.
3º GIORNO
Il terzo passo della Divina Volontà nella Regina del Cielo. Il sorriso di tutta la Creazione per il concepimento della Celeste Bambina.
4º GIORNO
Il quarto passo della Divina Volontà nella Regina del Cielo. La prova.
5º GIORNO
Il quinto passo della Divina Volontà nella Regina del Cielo. Il trionfo nella prova.
6º GIORNO
Il sesto passo della Divina Volontà nella Regina del Cielo. Dopo il trionfo nella prova, il possesso.
7º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà prende lo scettro del comando e la Trinità Sacrosanta la costituiscono come sua Segretaria.
8º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà ebbe il mandato di mettere in salvo le sorti dell’umano genere dal suo Creatore.
9º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà viene costituita da Dio celeste Paciera, vincolo di pace tra il Creatore e la creatura.
10º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Alba che sorge, per mettere in fuga la notte dell’umano volere. La sua nascita gloriosa.
11º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà, (che) forma nei primi anni della sua vita quaggiù un’aurora splendidissima, per far sorgere nei cuori il giorno sospirato di luce e di grazia.
12º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà esce dalla culla e fa i primi passi. Coi suoi atti infantili chiama Dio a scendere sulla terra e chiama le creature a vivere nella Divina Volontà.
13º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà (si) parte al Tempio e dà esempio di totale trionfo nel sacrifizio.
14º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà giunge al Tempio, sua dimora, e si fa modello delle anime consacrate al Signore.
15º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Continua lo stesso argomento. La sua vita nel Tempio.
16º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà continua la sua vita nel Tempio e forma il nuovo giorno, per far spuntare il fulgido Sole del Verbo Divina sulla terra.
17º GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà esce dal Tempio. Sposalizio con S. Giuseppe. Specchio divino in cui chiama a specchiarsi tutti coloro che sono chiamati da Dio allo stato coniugale.
18° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà, nella casa di Nazaret. Cielo e terra stanno per darsi il bacio di pace. L’ora divina è vicina.
19° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Le porte del Cielo si aprono, il Sole del Verbo Eterno si mette alla vedetta e spedisce il suo Angelo per avvisare la Vergine che l’ora di Dio è arrivata.
20° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. La Vergine, cielo tempestato di stelle. In questo cielo il Sole Divino sfolgora coi suoi raggi fulgidissimi e riempie Cielo e terra. Gesù nel seno della Mamma sua.
21° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Sole che sorge. Pieno meriggio. Il Verbo Eterno in mezzo a noi.
22° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Il piccolo Re Gesù è nato. Gli Angeli Lo additano e chiamano i pastori ad adorarLo. Cieli e terra esultano, ed il Sole del Verbo Eterno, facendo il suo corso, divide la notte del peccato e dà principio al pieno giorno della Grazia. Dimora in Betlem.
23° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Suona la prima ora del dolore. Una stella con voce muta chiama i Magi ad adorare Gesù. Un Profeta si fa rivelatore dei dolori della Sovrana Regina.
24° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Un empio tiranno. Il piccolo Re Gesù viene portato dalla sua Mamma e da San Giuseppe in terra straniera come poveri esiliati. Ritorno in Nazaret.
25° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Nazaret, simbolo e realtà del Regno del ‘FIAT Divino’. Vita nascosta. La Depositaria, Sorgente e Canale perenne.
26° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. L’ora del dolore si approssima. Dolorosa separazione. Gesù nella sua vita pubblica e apostolica.
27° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Suona l’ora del dolore: la Passione, un deicidio. Pianto di tutta la natura.
28° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Il Limbo, Aspettazione, Vittoria sulla morte, la Resurrezione.
29° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. L’ora del trionfo. Apparizioni di Gesù. I fuggitivi si stringono intorno alla Vergine come Arca di salvezza e di Perdono. Gesù parte per il Cielo.
30° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà, Maestra degli Apostoli, sede di centro della Chiesa nascente, barca di rifugio. La Discesa dello Spirito Santo.
31° GIORNO
La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà. Passaggio dalla terra al Cielo. Ingresso felice. Cielo e terra festeggiano la nuova arrivata. Offerta della volontà umana alla Regina Celeste.

3. Sintesi della presenza di Maria Santissima in Luisa Piccarreta

a) Maria santissima, dopo aver dato inizio, cooperando, all’opera eccelsa della discesa dell’Uomo-Dio, «compirà anche le più grandi cose che avverranno negli ultimi tempi. La formazione e l’educazione dei grandi santi, che vivranno verso la fine del mondo, sono riservate a lei, perché soltanto questa Vergine singolare e miracolosa può produrre, insieme allo Spirito Santo, le cose singolari e straordinarie».
Ci siamo mai chiesti perché san Luigi Maria Grignion de Montfort ha scritto queste parole: «Chi vuol avere il frutto di vita, deve avere l’albero di vita, che è Maria. Chi vuol avere in sé l’operazione dello Spirito Santo, deve avere la sua Sposa fedele e indissolubile, la divina Maria, che lo rende fertile e fecondo» (Trattato della vera devozione a Maria, P. II, c. II)? Forse sarà difficile comprendere appieno queste espressioni ricchissime, ben radicate nella sacra Scrittura, senza tener conto anche di quanto Luisa Piccarreta ci manifesta riguardo alla vita vissuta nella divina Volontà, che, cioè «la mia [di Dio] Volontà è principio, mezzo e fine d’ogni virtù… l’albero della mia Volontà, essendo il più prezioso, il più nobile e divino, il più alto, ci voleva il tempo per crescere e far conoscere i suoi frutti, sicché la Chiesa ha conosciuto il germe, e non c’è santità senza di esso; … ora deve conoscere i frutti per nutrirsi e goderseli, e questo sarà tutta la mia gloria, la mia corona» (vol. 16, 15 luglio 1923). Da queste parole comprendiamo che, col procedere dei secoli, con l’approfondirsi della vita di grazia, con lo sviluppo pieno dei doni dello Spirito santo nelle anime, si deve formare in esse quel “frutto” che l’“agricoltore divino, il Padre, desidera, perché, come dice Gesù a Luisa, «solo in quell’anima che fa in tutto il nostro Volere … godiamo il frutto completo della Creazione» (vol. 11, 8 febbraio 1915).
b) É ancora il Montfort che ci spiega che Maria santissima, dopo aver dato inizio, cooperando, all’opera eccelsa della discesa dell’Uomo-Dio, «compirà anche le più grandi cose che avverranno negli ultimi tempi. La formazione e l’educazione dei grandi santi, che vivranno verso la fine del mondo, sono riservate a lei, perché soltanto questa Vergine singolare e miracolosa può produrre, insieme allo Spirito Santo, le cose singolari e straordinarie… Infine, Dio vuole che la sua santa Madre sia conosciuta, amata e onorata ora più che mai. Ciò accadrà sicuramente se con la grazia e la luce dello Spirito Santo, i predestinati … si consacreranno interamente al suo servizio in qualità di sudditi e schiavi d’amore. … Ma chi saranno questi servi, schiavi e figli di Maria? … metteranno dappertutto il fuoco del divino amore … molto purificati dal fuoco di grandi tribolazioni e molto uniti a Dio … saranno veri apostoli degli ultimi tempi» (Trattato, P. I, c. III). Tra questi rifulge la figura di Luisa Piccarreta. Infatti, il suo cammino spirituale, descritto nei minimi particolari nel suo Diario, presenta delle caratteristiche straordinarie, segnate da una profonda azione dello Spirito santo e da tribolazioni continue, insostenibili da creatura umana, se non sorretta da forza divina; un’unione con Dio che oltrepassa di gran lunga quella che san Giovanni della Croce indicava come il vertice raggiungibile in terra, il matrimonio mistico, da lei ricevuto in giovane età; una devozione mariana a tutta prova fin dalla più tenera età. Entrò tra le “Figlie di Maria” a 11 anni e tutta la vita meditò i misteri della sua vita, la amò, la glorificò, colloquiò con lei, sempre stretta alla corona del Rosario. A Luisa, dunque, fu spiegato che «una semplice creatura ruppe i rapporti che c’erano tra la Volontà Divina e la creatura, questa rottura distrusse i piani che la Divinità teneva nella Creazione dell’uomo, ora, ad un’altra semplice creatura … fu dato l’ufficio di dover rannodare, cimentare e mettersi in rapporti con la Volontà del suo Creatore, per riparare la prima rottura di quella prima creatura; donna la prima, donna la seconda» (Diario, vol. 16, 13 agosto 1923). La Vita divina di cui fu ricolma la Madonna crebbe in lei fino a diventare un grande “albero”, fino a che “il Verbo Eterno si sentì rapito a riposarsi sotto all’ombra del suo Eterno Volere, e restò concepito, formando la sua Umanità in quel seno verginale, in cui regnava come Re dominante il suo Supremo Volere” (ibidem). In tal modo, Ella “fu l’inizio, l’origine, il germe del Fiat Voluntas tua come in Cielo così in terra”, vale a dire, preparò la realizzazione del Regno di Dio, secondo l’invocazione del Padre Nostro.
c) Appare chiaro in questi scritti che l’eccellenza della figura della sempre Vergine fu dovuta, in modo fondamentale e primario, al fatto che nella sua anima ha sempre regnato Dio, poiché fin dal suo immacolato concepimento Ella non fece mai un solo atto mosso da una volontà ribelle al suo Dio. E questo a motivo del fatto che, dice Gesù a Luisa, «non appena fu formato il suo concepimento, le diedi l’uso di ragione, la dotai di tutte le scienze, le feci conoscere le nostre gioie ed i nostri dolori a riguardo della Creazione; e fin dal seno materno Lei veniva nel Cielo, ai piedi del nostro trono, per darci … il ricambio del suo amore, i suoi teneri baci ... Oh! Come era bello vedere questa innocente e privilegiata creatura, … tutta fiducia, senza paura, perché il solo peccato è quello che mette distanza tra Creatore e creatura, … e Noi … la costituimmo Regina del Cielo e della terra…. Lei conobbe che tutto il male dell’uomo era stato la rottura tra la volontà sua e quella del suo Creatore, … e senza frapporre tempo in mezzo legò la sua volontà ai piedi del mio trono, senza neppure volerla conoscere, e la mia Volontà si legò a Lei e si costituì centro di vita… Il secondo atto fu offrirsi a qualunque sacrificio per amore nostro. Il terzo, di restituirci l’onore, la gloria di tutta la Creazione, che l’uomo ci aveva tolto col fare la sua volontà» (vol. 15, 8 dicembre, 1922). Col nascere, la celeste Regina cominciò a chiedere con insistenza la venuta del Verbo sulla terra per la salvezza dei suoi fratelli e si dispose al grande sacrificio di accettare di vivere sulla terra per fare solo e sempre la Volontà di Dio. In questo modo la Mamma celeste si costituì modello per i suoi figli, coloro cioè che si disporranno a voler vivere immersi nella Volontà divina, attimo per attimo.
d) Se anche San Vincenzo Ferrer, San Bernardino da Siena, San Francesco di Sales, Sant’Alfonso, Suarez e con loro comunemente i teologi moderni confermano l’uso del libero arbitrio fin dal concepimento della Madonna, per scienza infusa, almeno in modo transitorio, tuttavia è chiaro che non in questo consisteva la sua santità che supera quella di tutti i santi in cielo. E’ la decisa “consegna” della sua volontà a Dio che ha attirato le compiacenze della Trinità, la quale le ha fatto dono della Sua stessa Vita divina, la grazia, in modo pieno, vale a dire nella forma della Vita della divina Volontà. Volontà per volontà, Vita per vita, Amore per amore: «tutto il valore degli atti della mia Mamma Celeste, fu perché uscivano dal seno immenso della mia Volontà Divina, cui Lei ne possedeva il suo regno, la sua Vita; non vi era moto, atto, respiro e palpito che non era pieno di Voler Supremo fino a sboccarne fuori; … così solo restai appagato, ché la mia Mamma possedendo la mia Volontà Divina, mi poteva dare baci, abbracci, amore e tutti i suoi atti che davano dell’infinito» (vol. 28, 18 ottobre 1930). Ecco, dunque, che il concepimento immacolato di Maria fu opera della Volontà divina in Lei, in questo modo: «non fece un altro germe umano, né lo distrusse, ma lo purificò, e col suo calore e luce gli tolse tutti gli umori che aveva contratto questo germe dal peccato d’Adamo, e fece ritornare il germe umano in Lei come aveva uscito dalle nostre mani creatrici» (vol. 24, 16 settembre 1928); «si schierarono intorno al suo concepimento tutti i miei meriti, le mie pene, il mio sangue, tutto ciò che conteneva la Vita d’un Uomo e Dio …. In virtù di essi restò Immacolata, bella e pura; al nemico sbarrato il passo dagli incalcolabili meriti miei e non potette recarle nessun nocumento. Era giusto che chi doveva concepire il Figlio d’un Dio, doveva essere prima Lei concepita nelle opere di questo Dio, per poter tenere virtù di concepire quel Verbo che doveva venire a redimere il genere umano» (vol. 16, 8 dicembre 1923). Alla domanda di Luisa, stupita del fatto che la Madonna era nata pura da una madre contaminata dal peccato di origine, Gesù rispose dicendo: «l’essere concepita in una creatura della razza umana non le recò nessun nocumento, perché la sua anima era immune da ogni colpa, tra la sua volontà e quella del suo Dio non c’era divisione, le correnti divine non trovavano intoppo né opposizione per riversarsi su di Lei, in ogni istante stava sotto la pioggia dirotta di nuove grazie… ed in virtù di questa Volontà Divina che agiva in Lei, si può dire che ciò che Dio è per natura, Lei è per grazia» (ibidem).
f) Ora, come tutte le altre creature, anche la volontà dell’Immacolata fu messa alla prova «fin dal primo istante del suo Concepimento; non appena ebbe il suo primo atto di ragione, conobbe la sua volontà umana da una parte, e la Volontà Divina dall’altra, e fu lasciata libera a quale delle due volontà doveva aderire, e Lei, senza perdere un istante e conoscendo tutta l’entità del sacrificio che faceva, ci donò la sua volontà, senza volerla più conoscere, e Noi le facemmo dono della nostra, ed in questo scambio di donazione di volontà d’ambo le parti, affluirono tutti i pregi, le bellezze, i prodigi, i mari immensi di grazia nell’Immacolato Concepimento della più privilegiata di tutte le creature… ed il nostro più grande prodigio fu che in ogni suo pensiero, parola, respiro, palpito, moto e passo, il nostro Volere sboccava su di Lei e Lei ci offriva l’eroismo d’un pensiero, d’una parola, d’un respiro, d’un palpito divino ed eterno operante in Essa» (vol. 17, 8 dicembre 1924). Ecco perché la Vergine Maria ha partecipato perfettamente anche a tutto ciò che Cristo ha fatto nella Sua vita, comprese le riparazioni, e così ha acquisito la perfetta partecipazione alla Sua regalità, in questo modo: «come mi concepì prese l’ufficio di Corredentrice e prese parte, ed abbracciò insieme con Me tutte le pene, le soddisfazioni, le riparazioni, l’amore materno verso tutti; sicché nel cuore della Madre mia c’era una fibra d’amore materno verso ciascuna creatura» (vol. 17, 1 maggio 1925). Maria, così, costituì «l’anello di congiunzione tra il Creatore e la creatura, spezzato da Adamo menoché qualcuno ingrato rifiuti di ricevere il cemento dell’amore della Mamma sua» (vol. 30, 8 dicembre 1931).
g) Ella così acquistò la Maternità divina volta, con amore universale, a tutti i figli del Padre suo, fino a consentirle di possedere «la sovranità su tutte le creature e su ciascuno degli atti e beni che possono fare, in modo che se esse pensano santamente, Lei è come canale dei santi pensieri, e quindi tiene la sovranità su di essi, se parlano, se operano, se camminano santamente, il principio di tutto ciò scende dalla Vergine, e … non c’è bene che si faccia che da Lei non discenda…. Ciò successe anche di Me, che dovendo essere il Redentore di tutti, dovevo contenere in Me tutti i beni della Redenzione, Io sono il canale, la fonte, il mare dove partono tutti i beni dei redenti e posseggo per natura il diritto di sovrano sopra di tutti gli atti e beni che fanno le creature; il nostro regnare non è come il regnare delle creature, che dominano e regnano sugli atti esterni di esse, … invece da Me esce la vita di tutto l’operato interno ed esterno delle creature» (vol. 23, 20 febbraio 1928). Viene qui con precisione delineata la struttura del Corpo mistico di Cristo, nel quale la grazia affluisce da Capo, quale sommo Principio e unico Mediatore, attraverso la Vergine che partecipa a questa mediazione, quasi “collo” del Capo del Corpo mistico. Ecco in che senso la regalità di Maria si esprime nelle nostre anime e perché è decreto che il Suo Cuore immacolato trionfi. Ella ha già trionfato nella Volontà di Dio, la quale, invincibile, ha già vinto sulla storia, sul male, sul demonio e sulla volontà umana ribelle, nella Croce. Noi, dunque, siamo chiamati ad imitare Maria santissima precisamente nell’atto di “consegna”, offerta totale, sacrificio completo della nostra volontà a Dio, così da lasciarci “vincere” da Dio e, nel contempo, da “vincerLo” per amore. Questo atto sarà più agevole e perfetto se compiuto in Maria, per Maria e con Maria, nella piena consacrazione di noi stessi a Lei.
h) Ecco che i richiami costanti fatti dalla Madre celeste in particolare dall’800 in poi, nelle varie apparizioni, trovano ampio eco negli scritti di Luisa, dove si ritrovano pressanti appelli alla conversione, alla frequenza ai Sacramenti, alla pratica delle virtù e dei doni, della penitenza, della preghiera perseverante. Pure in essi la centralità della figura di Maria santissima nel cammino di santità, la mediazione universale della Madre di Dio nella via della salvezza si collegano strettamente con il richiamo alla realizzazione del Regno di Dio in noi, secondo la preghiera del Padre nostro. E se la nostra Madre ha tanto sofferto ed impetrato la Redenzione, non farà lo stesso perché il suo Cuore regni in noi? Ora, se il suo Cuore è totalmente sottomesso a Quello di Dio, così che Ella non vuole se non quello che vuole Dio, il suo Regno potrà essere diverso dal Regno della Volontà divina nelle creature, così che la loro volontà non sia altro che Quella di Dio e, di conseguenza, quella di Maria? Il vero nemico dell’uomo non è, in definitiva, la sua volontà quando si allontana da Dio? Il demonio e il mondo potrebbero qualcosa sull’uomo se la sua volontà fosse strettamente legata e orientata a Quella di Dio?
i) Il Montfort ci conferma: «l’Altissimo e la sua santa Madre intendono plasmare dei santi così eccelsi, da superare in santità la maggior parte degli altri santi, quanto i cedri del Libano sorpassano gli arbusti» (Trattato, P. I, c. II, Conclusioni). Ecco che cosa scrisse, in proposito, Luisa Piccarreta in riferimento a quanto Gesù le insegnò: «voglio che venga a regnare la mia Volontà sulla terra. A questo si unisce la mia Mamma Celeste, la quale senza mai cessare mi dice… : “Figlio, fa presto, non più indugiare, usa i tuoi stratagemmi d’amore, fatelo da quel Dio Potente che siete, fa che il tuo Volere investa tutti, e con la sua Potenza e Maestà, uniti ad un Amore che nessuno li potrà resistere, prenda possesso di tutti e vi regni come in Cielo così in terra”. … “Figlio mio, Figlio del mio cuore, mi hai fatto Regina e Madre, ed il mio popolo, ed i miei figli, dove sono? … posseggo il mio regno e non ho il mio popolo che vivano della stessa Volontà della loro Regina, … dove troverò la gioia, la felicità della mia Maternità? Perciò fa che regni il Fiat Divino, e allora la Mamma tua sarà felice e avrò il popolo ed i figli miei che vivranno insieme con me, con la stessa Volontà della Madre loro”. Credi tu che a questo parlare della Madre mia che mi fa risuonare continuamente all’orecchio … io possa restare indifferente? Non lo posso, e neppure lo voglio. Molto più che Lei mai mi ha negato nulla …; tu unisciti con Noi e sospira e prega che la mia Volontà sia conosciuta e venga a regnare sulla terra”…. In questo mentre me la sono sentita vicina, che nascondendomi sotto il suo manto azzurro e prendendomi nel suo grembo materno, con un amore che non so dire mi ha detto: “Figlia del mio materno cuore, il regno della Divina Volontà sarà regno mio, a Me la Trinità Sacrosanta me lo ha affidato, … perciò i miei sospiri sono ardenti, le mie preghiere incessanti, … affinché il mio regno trionfi sulla faccia della terra … ognuno di questi figli che vivranno in esso, mi darà tanta gloria, da raddoppiarmi la gloria che posseggo … perciò nel mio cuore li chiamo sempre e vo’ ripetendo: “Figli miei, figli miei, venite alla Mamma vostra, amatemi da Madre come Io vi amo da figli, se non vivrete di quella stessa Volontà che Io visse, non possiate darmi l’amore di veri figli, né possiate conoscere dove giunge il mio amore per voi”» (vol. 34, 10 febbraio 1937).

Bibliografia
PANNUTI F., Maria Santissima in Luisa Piccarreta, dal sito www.culturacattolica.it, venerdì 11 gennaio 2019; MARTIN P., La Vergine Maria negli scritti di Luisa Piccarreta. Selezione di testi tratti dai Volumi del suo diario (dei quali i primi 19 volumi ricevettero il “Nulla Osta” di S. Annibale Maria Di Francia, censore ufficiale dei suoi scritti, e l’ “Imprimatur” del suo Arcivescovo, Mons. Giuseppe Maria Leo); PICCARRETA L., Il ruolo di Maria nella redenzione e santificazione dell'umanità, Edizioni Segno, Tavagnacco 2017; IDEM, Il santo rosario nella divina volontà, Edizioni Segno, Tavagnacco 2013; IDEM, La Regina del Cielo nel Regno della Divina Volontà, Edizioni Segno, Tavagnacco 2013; IDEM, Lettere, Edizioni Segno, Tavagnacco 2018;  IDEM, Nel Segno della Divina Volontà, Edizioni Segno, Tavagnacco 2018; STANZIONE M., Luisa Piccarreta e la devozione agli angeli, Gribaudi., Milano 2019; I libri di cielo di Luisa Piccarreta commentati da Padre Saverio Gianotti, Edizioni Segno, Tavagnacco 2017; PANNUTI F., Il cammino spirituale di Luisa Piccarreta nelle profondità del divino volere. Una risposta alle domande di oggi, If Press, Roma 2018; DEL GENIO M. R., Il Sole della mia volontà. Luisa Piccarreta, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2014; PRESACCO P., Tutto esce dalle dita di Dio. Maria, madre di Dio, piange di gioia dove trova i figli della Sua Divina Volontà, Edizioni Segno, Tavagnacco 2019; MARINO F. M., Una vita al rovescio. Luisa Piccarreta: terziaria domenicana, Edizioni Segno, Tavagnacco 2018.






[ Indietro ]

DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DI MARIOLOGIA

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (78 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.28 Secondi