PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO   
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali




























Nuovi in Biblioteca
  La Madre di Gesù e la Parola di Dio nella «Verbum Domini» di Benedetto XVI
  Ecco tua Madre. Meraviglie della Madre Di Dio invocata sotto il titolo di Maria Ausiliatrice
  Il Rosario con Montfort
  Piccola corona della santa Vergine
  La Vergine Bruna di Oropa
  Maria nel Medioevo fra antropologia e teologia
  Il santo rosario: contemplazione e mistero
  Culti mariani nel basso Lazio
  Da donna a donna. Lettere a Maria di Nazareth
  Maria donna normale....
  Maria di Nazaret da conoscere ed amare
  Mater nostra. Un mese con Maria, donna della Pasqua
  Il Rosario con Papa Francesco
  La Madonna della Guardia
  Giuseppe e Maria. La nostra storia d'amore
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Premio Letterario sulla Madonnina del Parco Sciarone di Randazzo (CT)


L'amore preferenziale di Maria per i poveri


Maria, donna del discernimento


Lo Spirito Santo e Maria nel magistero di Paolo VI e Giovanni Paolo II


Mors beatae Virginis Mariae


Maria modello di contemplazione del mistero di Cristo


Maria e la speranza cristiana


La ''Quaresima'' e la ''Quindicina'' dell'Assunta in Oriente e in Occidente


Maria nell'età patristica: sguardo sintetico


DEUTSCH - Die Jungfrau Maria und ihr Haus bei Ephesus


Maria donna delle beatitudini


Credere e vivere come e con Maria


A Madonna v'accumpagna!


Le apparizioni della Vergine Maria


Fondamenti e significati della multiforme ''presenza'' di Maria


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 334
Contatore visite
contatore visite
F.A.Q.

Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 202
Iscritti: 0
Totale: 202
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
SPAGNOLI BATTISTA



Carmelitano, grande letterato e poeta, denominato il "Virgilio cristiano", beatificato da Leone XIII nel 1885.

1. Cenni biografici e opere
a) Il Beato Battista Spagnoli nacque a Mantova il 17 aprile del 1447 da padre di origine spagnola. Entrò tra i Carmelitani di Ferrara, professando i voti religiosi nel 1464. Maestro in teologia a Bologna, a partire dal 1475, svolse numerosi incarichi in vari conventi e per ben sei volte ricoprì l'ufficio di Vicario Generale della sua Congregazione di riforma, nota come "mantovana" e sul finire della sua vita, dal 1513 al 1516, fu Priore Generale di tutto l'Ordine. La sua attività non si limitò alla famiglia religiosa. Nel 1513 fu invitato a partecipare al Concilio lateranense; e nel 1515 incaricato da Papa Leone X della missione diplomatica per comporre la pace tra il re di Francia e il duca di Milano. Si distinse essenzialmente nello spirito e nella finalità di denuncia della dilagante corruzione dei tempi, ed espresse la sua ansia riformatrice con felici spunti letterari e con un vibrante discorso nel 1489 nella basilica vaticana davanti al Papa e ai cardinali. Tutto ciò non lo distoglieva dalla vita interiore e dalla speciale devozione alla Madonna. Visse per parte della sua vita nel Santuario di San Felice del Benaco, ove ne partecipò alla vita spirituale e artistica, lasciando suoi segni quali una delle forme nella composizione di Sant’Alberto. Morì a Mantova il 20 marzo 1516. Il corpo, incorrotto, si conserva nella chiesa cattedrale di quella città. Il culto di beato venne confermato da Leone XIII il 17 dicembre 1885. La sua memoria liturgica si celebra il 17 aprile.
b) Fu amico di insigni umanisti e di illustri personaggi dell'epoca, ben figurando nel mondo della cultura. Autore di trattati religiosi (De vita beata, 1463), di otto libri di Selve e di poemi encomiastici (Alphonsus, 1502, in onore di Alfonso V di Aragona; Trophaeum pro Gallorum ex Italia expulsione, 1502, in onore di Francesco Gonzaga), lo Spagnoli legò il suo nome a dieci ecloghe, le Parthenicae, che gli valsero da Erasmo da Rotterdam l'epiteto di “Virgilio cristiano”. La novità delle ecloghe di Spagnoli consiste nell'introduzione di modi realistici e popolari nella poesia bucolica, con effetti di particolare vivacità nella rappresentazione del mondo contadinesco e un gusto figurativo che richiama la pittura di un grande amico di Spagnoli, il Mantegna.

2. Con il cuore legato a Maria
Tante volte il beato Battista riservò nei suoi poemi le più alte e belle espressioni alla Vergine Maria. I continui richiami alla dimensione mariana fa vedere meglio di ogni altra considerazione fino a che punto la Famiglia Carmelitana vive un carisma nel quale è compresa necessariamente Maria. Ogni talento – nel nostro caso la vena poetica del beato Battista – era posto al servizio di questo tesoro ed eredità di famiglia. Il beato, considerava Maria uno degli elementi costitutivi della Famiglia Carmelitana: “Il Carmelo sogna da tempo di ricevere da te grandi onori e alleva nelle sue grotte beate dei figli che testimoniano a te perpetua castità coi mantelli bianchi e leghino il tuo nome di quel monte in alleanza eterna. Tu, Maria, sei più pura dell’oro, più bianca della neve, più luminosa della stella di Venere. La tua verginità non fu offuscata dalla maternità né il tuo candore oscurato da macchia”. Cantare Maria per il beato Spagnoli, significava immergersi nel suo mistero, indissolubilmente legato al mistero di Dio. La sua poesia, non nasce, perciò soltanto da motivazioni letterarie,  ma dalla consapevolezza di una presenza sempre attiva e operante, non solo nell'ordine carmelitano, ma nella storia stessa. Cantando la Vergine, Spagnoli, ha percorso un cammino di unificazione interiore, di elevazione, perché Maria, lo ha guidato e portato a conoscere, amare, desiderare l’assoluta "Poesia" che è Cristo. Maria sua e nostra Madre, infatti, è colei che, guidandoci nella nostra mistica ascesa verso di Lui, ci fa sentire pienamente espressi e pienamente immersi nello splendore della sua infinita "Bellezza".

3. "Supplica alla beatissima Vergine Maria Gloria del mondo"
Il beato, compose anche una tenera Supplica" alla Vergine: «Regina del cielo, Madre dell’Onnipotente, porto del genere umano, dolce brezza nelle avversità, se richiamo alla mente i miei peccati, mi vergogno di aprire le labbra dinanzi a te. Tu infatti non hai macchia alcuna. Sei più splendente dell’oro che l’orafo ha sottoposto dieci volte al fuoco ardente. Infatti io sono sbattuto dalle onde logoranti del basso mondo, e le mie membra sono infangate di melma infernale. Ma ogni volta che richiamo alla mente il tuo cuore di misericordia, la mia vergogna si attenua. La speranza mi dà la certezza che tu vorrai essere buona e gentile e mi promette il tuo aiuto. Perciò non disgustarti della mia impurità, concedimi sempre il tuo favore davanti al tuo Figlio. Sottometti i miei sensi che cercano il piacere nei beni terreni che avvelenano la mente e spingono a male operare. Fa’ che il celeste nutrimento sia gustoso alle mie labbra, fa’ che l’amor di Dio trafigga il mio cuore. Fa’ che disprezzi la terra; fammi vincere l’inferno, con grande ira degli spiriti malvagi. Sii la mia guida nei momenti critici dell’esistenza e non permettere che nessuno attenti alla mia vita. Per la tua cura possa io ritornare al regno dei cieli e, toltomi il giogo di dosso, possa presentarti i miei voti. Che il tuo Figlio, per la tua intercessione, custodisca me e la mia casa in ogni avversità».

Bibliografia
PESENTI G., Beato Battista Spagnoli detto il Mantovano, Velar, Gorle 2017; CILIA A., Il beato Battista Spagnoli, su Internet.






[ Indietro ]

DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DI MARIOLOGIA

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (20 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi