PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO   
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali




























Nuovi in Biblioteca
  La Madre di Gesù e la Parola di Dio nella «Verbum Domini» di Benedetto XVI
  Ecco tua Madre. Meraviglie della Madre Di Dio invocata sotto il titolo di Maria Ausiliatrice
  Il Rosario con Montfort
  Piccola corona della santa Vergine
  La Vergine Bruna di Oropa
  Maria nel Medioevo fra antropologia e teologia
  Il santo rosario: contemplazione e mistero
  Culti mariani nel basso Lazio
  Da donna a donna. Lettere a Maria di Nazareth
  Maria donna normale....
  Maria di Nazaret da conoscere ed amare
  Mater nostra. Un mese con Maria, donna della Pasqua
  Il Rosario con Papa Francesco
  La Madonna della Guardia
  Giuseppe e Maria. La nostra storia d'amore
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Canti carmelitani a Maria


Devozione all’Addolorata e partecipazione al dolore degli altri


Nel tuo pianto vediamo la luce


La missione dei santuari mariani nel tempo presente


Le religioni native africane e Maria


Le donne alla luce di Maria


Totus tuus: la consacrazione a Maria nella Scuola francescana


Il pianto di Maria a Siracusa


Maria di Nazareth nel cuore ardente dell'Alleanza


Premio Letterario sulla Madonnina del Parco Sciarone di Randazzo (CT)


L'amore preferenziale di Maria per i poveri


Maria, donna del discernimento


Lo Spirito Santo e Maria nel magistero di Paolo VI e Giovanni Paolo II


Mors beatae Virginis Mariae


Maria modello di contemplazione del mistero di Cristo


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 345
Contatore visite
contatore visite
F.A.Q.

Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 188
Iscritti: 0
Totale: 188
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
ANDREOLI MARIA ELISA



Fondatrice delle Serve di Maria Riparatrici, Venerabile dal 10 dicembre 2010.

1. Cenni biografici
Madre Maria Elisa Andreoli nasce il 10 luglio 1861 ad Agugliaro (VI) da Marco e Margherita Ferraretto. Non aveva ancora sei anni quando tristi vicende familiari costringono madre e figlia a trasferirsi ad Este (PD). Dopo la scuola elementare, Elisa compie gli studi superiori presso le Madri Canossiane di Venezia, dove nel 1878 consegue il diploma di maestra elementare. Giovane diciassettenne sente il vivo desiderio di consacrarsi al Signore. Il lungo cammino di ricerca della volontà di Dio la porta nel 1891 a Vidor (TV) dove, insieme alla mamma Margherita e ad altre due compagne, M. Agnese Vimercati e M. Carmela Regonesi, dà inizio alla Congregazione delle Serve di Maria Riparatrici. Con le prime sorelle, promuove la conoscenza e l'amore verso la Vergine Maria; risponde ai numerosi bisogni emergenti in campo educativo e caritativo e a molte richieste della Chiesa in Italia; animata da spirito missionario, invia nel 1921 le sue suore nell'Amazzonia (Brasile) rassicurandole con queste parole: «Quanto più siete lontane, tanto più vi penso e vi tengo strette al cuore». Ama teneramente le sue suore: «la mia felicità - dice - sta nella bontà delle mie figlie». E a loro ripete ciò che davvero è essenziale: «in voi sia sempre viva la carità». Guida la Congregazione con illuminato amore, rara prudenza e vigore spirituale. Nella sua grande fiducia e ardente amore al Signore, esclamava: «Dio solo è capace di riempire il mio cuore. Mi sento spesso ardere il cuore di viva riconoscenza verso il mio Signore Gesù Cristo, che non so cosa farei per dimostrargliela; vorrei farlo amare da migliaia di milioni di cuori». E nei momenti di difficoltà che non le sono mancati, amava ripetere: «Sia benedetto il Signore». Muore santamente il 1° dicembre 1935 a Rovigo ripetendo: «Gesù, Gesù, Gesù», suggellando così il compimento di tutta la sua vita a lui dedicata. Il 10 dicembre 2010 il papa, Benedetto XVI, riconoscendone le virtù eroiche ne ha dichiarato la venerabilità; ora è in corso il processo di beatificazione.

2. Centralità di Maria nella Congregazione, secondo la Venerabile Andrioli
a) Per la santa Fondatrice, la Vergine Maria è la discepola più perfetta e la prima cristiana perché, nelle concrete situazioni della vita, ha aderito liberamente e totalmente alla volontà di Dio. Nell’accogliere la parola di Dio e metterla in pratica, ella è stata ispirata dalla carità e dallo spirito di servizio. La sua figura interpella ogni giorno le Serve, che a lei devono ispirarsi per incarnare gli atteggiamenti e i valori cristiani, per seguire il suo Figlio e servirlo nei fratelli e nelle sorelle, come invitano le Costituzioni: «Per servire il Signore e i fratelli, noi, Serve di Maria Riparatrici, ci dedichiamo alla Madre di Dio» (art. 6). La Vergine Maria, così come la trasmette Madre Andreoli nei suoi scritti e nei suoi insegnamenti, che fanno comprendere il posto di Maria nella spiritualità della congregazione, diventa un riferimento vitale e permanente per la vita religiosa e per il servizio ai poveri. Guardando agli aspetti del suo ritratto spirituale, le Serve devono trovare la fonte cui attingere il senso del loro servizio. La sua vita tutta donata a Dio fin dall’Annunciazione, deve spingerle alla disponibilità senza esitazioni; la sua prontezza nell’evento della Visitazione, deve ispirare loro l’urgenza della carità; la sua mediazione nell’episodio delle nozze di Cana, deve insegnare loro a dire di sì al Signore in tutte le circostanze e ad essere attente ai bisogni degli altri; dalla sua presenza ai piedi della Croce, infine, le Serve devono imparare la compassione, il coraggio e il senso del sacrificio. Il vero carisma, secondo la Venerabile, deve invitare le consacrate ad essere serve, a porsi accanto all’altro con semplicità, in ascolto e in accoglienza. La loro presenza deve dare al fratello fiducia, speranza, la certezza che non è e non rimarrà mai solo nella lotta e nella sofferenza. Per questo, la Venerabile invita le sue Serve a invocare sempre la Madre di Dio, perché interceda per loro, affinché sappiano compatire quanti sono nel bisogno e ottenga loro di essere presenza d’amore al servizio della vita.
b) La conseguenza è che nel servizio che esse svolgono in ogni angolo della terra, tra i poveri, soprattutto i bambini, santa Maria è e deve essere sempre loro aiuto e modello. Imitando il suo "Si" a Dio, le Serve imparano ad ascoltare la parola di Dio, ad accogliere la gente che incontrano e ad essere attenti allo Spirito nella vita quotidiana. Dalla presenza della Vergine nella Chiesa delle origini, esse imparano a rimanere fedeli alla loro vocazione di servizio, di preghiera e missione ecclesiale. Secondo la Venerabile, la Serva Riparatrice, deve sempre rivolgersi alla Madre di Dio, perché conservi in lei un cuore di discepola, di fanciulla, semplice, puro, trasparente, fedele e grande nel donarsi, felice di perdersi per l’Altro. Proprio la Vergine Maria, l’eletta dall’eterno Consiglio ad essere la Madre del Verbo e la tesoriera delle divine grazie, deve essere sempre la guida e la consigliera delle Serve Riparatrici, perché tengano sempre fisso lo sguardo in Gesù Cristo, Amore donato, per poter svolgere bene il servizio loro affidato. In definitiva lo stile della sequela di Maria secondo la Venerabile Andrioli, è rendersi totalmente disponibile  al servizio; è essere presenti in tutte le situazioni di povertà con gli atteggiamenti semplici e intraprendenti di Maria; è portare sempre avanti l'impegno di riparazione nella pastorale rivolta ai poveri, ai malati, agli anziani, illuminati dallo Spirito e sostenuti dalla presenza materna di Maria. Solo questo carisma "mariano" della fraternità e della comunione, deve caratterizzare le Serve di Maria Riparatrici, per alleviare quella sofferenza che il male porta nel mondo.

Bibliografia
BRANCHESI P. M., Misteri gaudiosi, dolorosi e gloriosi delle Serve di Maria Riparatrici. Quindici brani sulla storia centenaria della Congregazione come mistico rosario nelle mani della Vergine Maria. Con un proemio e un epilogo, Roma 1990; CITTADIN M. L. (a cura di), Le Serve di Maria Riparatrici. Significato di una presenza. Atti del convegno di studio per i cent’anni del riconoscimento come famiglia religiosa. Adria, sabato 29 marzo 2003, Curia generalizia SMR, Roma 2004; IDEM, Abbiano la vita in abbondanza (cf. Gv 10, 10). Atti del convegno di spiritualità in occasione del primo centenario di fondazione delle Serve di Maria Riparatrici. Rovigo, 7-10 settembre 2000, Curia generalizia SMR, Roma 2005; IDEM, Dialogo sulla santità nella diocesi di Adria-Rovigo. Atti del forum nella ricorrenza del 1° centenario dell’approvazione diocesana delle Serve di Maria Riparatrici e nel 75° anniversario della morte della Serva di Dio Maria Dolores Inglese. Rovigo, 27 dicembre 2003, Curia generalizia SMR, Roma 2007; ROSCHINI G. M., Una donna forte. Madre Maria Elisa Andreoli. fondatrice e prima superiora generale delle Serve di Maria Riparatrici, Curia generalizia, Roma 1961; PAVARIN A. F., È questione d'amore. Profilo biografico della Serva di Dio sr. Maria Elisa Andreoli, Fondatrice della Congregazione delle Serve di Maria Riparatrice, Curia generalizia, Roma, Ed. Porciuncula, Assisi 1966; AA. VV., Madre Elisa ci parla, Tip. De Giuli, Rovigo 1968; DEL GÊNIO M. R., La forza della fragilità. Una biografia di Elisa Andreoli, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2008; VALLE A. C., I tuoi occhi su di me: Elisa Andreoli, Curia Generalizia S.M.R., Roma 2010; BRANCHESI P. M. - FABBRI M. R. (a cura di), Serve di Maria Riparatrici. Fonti e documentazione, Curia generalizia S.M.R., Roma 1990.

 
VEDI ANCHE
INGLESE MARIA DOLORES
SERVE DI MARIA RIPARATRICI







[ Indietro ]

DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DI MARIOLOGIA

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (17 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi