PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali




























 
Nuovi in Biblioteca
  La Vergine del silenzio. La devozione di papa Francesco
  La Salette. Testimonianze di devoti, autori, pastori e santi
  La "Benedetta" e il "maledetto". Tra mariofanie e demonologia
  Prego con Maria
  La storia di Maria
  Classici mariani. Vol. 3. Canti mariani della tradizione popolare
  La vera bellezza. Il volto di Gesù e Maria nell'arte
  Guadalupe, un'immagine viva
  Tutti a scuola di Maria per imparare la gioia
  La Vergine Maria "alfa e omega" della celebrazione liturgica bizantina
  Con Maria, Madre di Dio
  Siracusa. Le lacrime amare del cuore immacolato
  Kibeho. La Madre del Verbo e il genocidio africano
  La vita quotidiana di Maria di Nazaret
  Maria «La» credente
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

La Madonna Odegitria


Il mistero di Maria nella vita religiosa


La devozione mariana in Italia


Commento all'Ave Maria


La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo e lo Scapolare


Decor et Flos Carmeli


La Vergine Maria nella Chiesa


Breve storia della Mariologia


La devozione a Maria nel magistero di Paolo VI


Partecipare alla missione di Maria


Mamajedda


Un Osservatorio permanente sulle apparizioni


Le apparizioni tra fede, teologia e scienza


Il Movimento del ''Focolare della Madre''


Alla Madonna della Mercede


 
Immagini
 
Santuari

Simbolismi
 

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 61
Iscritti: 0
Totale: 61
 
Contatore visite
contatore visite
 
F.A.Q.

 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
TRENTINO-ALTO ADIGE - PIETRALBA - Beata Vergine Addolorata


Il Santuario si trova a più di 1500 metri di altezza, in mezzo ad una bellissima cornice di boschi. Risale alla metà del Cinquecento. Esso è legato all’apparizione della Madonna ad un contadino di nome Leonardo Weissensteiner, e al ritrovamento da parte dello stesso di una statua di alabastro raffigurante la Pietà. Leonardo dimorava con la sua famiglia nel boscoso monte, ove oggi si erge il Santuario, dove possedeva un grande podere, detto Weissenstein. Colpito da malattia mentale, precipitò in un burrone, dove la Vergine gli apparve, promettendogli la guarigione completa se egli avesse costruito una Cappella in suo onore. E così avvenne. Leonardo, però, dimenticò ben presto la promessa e fu assalito nuovamente dal terribile male. Da quel momento, di notte fu vista una luce, sempre nello stesso luogo, e nessuno sapeva rendersene ragione. Leonardo ricordò tutto, riacquistando ancora la salute, e così si mise subito al lavoro. Scavando le fondamenta, trovò una statuetta della Madonna raffigurante la "Pietà": pensò fosse un segno del cielo e, terminata la cappella nel 1553, ve la collocò perché fosse venerata. Diffusasi la notizia dei fatti miracolosi, molti devoti, o semplicemente curiosi, accorsero a prostrarsi davanti a questa statuetta della Vergine Addolorata, che continuò a concedere i suoi favori e l’affluenza dei pellegrini fu tale che, già nel 1638, al posto della Cappella si progettò la Chiesa ora esistente che, terminata nel 1654 e consacrata il 1 Giugno 1673, fu successivamente affidata alla cura dei "Servi di Maria", anche per la loro particolare devozione alla Vergine Addolorata. Dopo la soppressione del Santuario che durò dal 1787 al 1836, i Servi di Maria tornarono ad essere i custodi del Santuario. Il Tempio è in stile barocco rococò. L’altare maggiore è in legno dipinto, opera di Giacomo Poder di Caldano del 1703 e custodisce la venerata immagine della Madonna della Pietà, incoronata il 24 agosto 1885. Gli affreschi del soffitto, dipinti nel 1753 da Adam Molckh, hanno valore non solo artistico ma raro per il contenuto: vi è illustrato il significato del Santuario dal punto di vista della pietà popolare, della devozione mariana e della Chiesa locale. Nel 1884 furono ricostruite le due torri e la cupola, e nel 1894 Alfonso Siber rifece la decorazione interna della chiesa. Nel 1953, in occasione del IV centenario, fu abbellita la facciata e costruita una monumentale gradinata d’accesso. Sopra la porta del convento si trova una statua di Cristo dolente di arte bizantina che risale al 1400 circa.

 













[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (750 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi