PORTALE DI MARIOLOGIA - Dimensioni mariane del mistero pasquale
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Iconografia e iconologia carmelitana. Atti del IV Convegno di Mariologia Carmelitana
  Con te Maria. Brani scelti di San Massimiliano Kolbe
  Mjriam di Nazaret, la donna che conduce a Dio. In dialogo fra cristiani e islamici
  L'annunciazione
  Le più belle icone mariane. Per una lettura teologica delle icone
  Salve Regina. Un commento biblico e teologico ad una preghiera antica e sempre attuale
  Io sono la madre di Gesù. Le apparizioni di Nostra Signora del Laus
  La Madonna mi è cara.Maria nella vita e negli scritti di Benedetta Bianchi Porro
  Perseveranti con Maria
  La Total pequeñez o la vida en María.
  Maria di Nazareth. Il suo sì, la nostra sequela
  Maria. La madre che salva
  L' Immacolata nella vita di don Dolindo Ruotolo, padre Pio e don Giuseppe Tomaselli, figlio spirituale di don Bosco
  Meditare e contemplare il Rosario
  Caterina Labouré, la veggente silenziosa
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Ave Maria


La Vergine Maria e la nascita della Chiesa


Pietà popolare. Da problema a risorsa pastorale


Maria ''Donna'' a servizio della vita


Maria è una sorgente viva di speranza


Mjriam di Nazaret. La Donna che conduce a Dio.


Il Santuario di Knock in Irlanda elevato a Santuario Internazionale


Maria, figura della speranza in Charles Péguy


Conquiste attuali della mariologia e loro impatto su pastorale del nostro tempo


Maria, ''nostra sorella''. Prospettive di Mariologia con occhi di donna.


Papa in Iraq: un viaggio all’insegna di Maria, ponte di dialogo con l’Islam


FRANÇAIS - La figure de la Vierge Marie dans l'histoire des femmes et du féminis


 PORTUGUÊS - A devoção mariana no Brasil


DEUTSCH - Die Marien Dogmen. Ein Überblick


Col suo amore materno rende le nostre lacrime preghiera silenziosa


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 510
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 218
Iscritti: 0
Totale: 218
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Dimensioni mariane del mistero pasquale 
Bibbia

Introduzione di Aristide Serra, in ID., Dimensioni mariane del mistero pasquale, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo 1995, pp. 7-11.



La Pasqua fu l'epicentro anche della questione mariana. In che senso?
La Risurrezione rivelo l'identità profonda di Gesù, come Figlio divino del Padre, nel quale è sigillata l'Alleanza nuova ed eterna. « In quel giorno - aveva detto Gesù stesso - conoscerete che io sono nel Padre, e voi in me e io in voi » (Gv 14,20). Perciò «in quel giorno», cioè «il terzo giorno» di Pasqua, in presenza del Risorto l'apostolo Tommaso esclama: «Signore mio e Dio mio» (Gv 20,28).
Parallelamente a questa rivelazione decisiva sulla persona di Gesù, la comunità cristiana delle origini cominciò a interrogarsi più a fondo sulla Madre di Gesù.
Anzitutto si imponeva una constatazione. La carne del Signore risorto era la carne che il Verbo divino aveva assunto dal grembo di Maria di Nazaret. La Chiesa, pertanto, imparava a venerare Maria come la Madre del suo Signore (cfr. Lc 1,43).
Vi fu poi la maniera con la quale Gesù uscì dalla tomba verso il Padre. Si trattò, in verità, di un fatto prodigioso che impressionò fortemente la Chiesa. Nel momento ineffabile della Risurrezione, la pietra del sepolcro non fu ribaltata, ma rimase sigillata (cfr. Mt 28,2). Inoltre le bende funerarie nelle quali era stata composta la salma del Crocifisso non furono sciolte o dipanate, ma giacevano afflosciate nella stessa posizione in cui erano state avvolte attorno al corpo del Signore (cfr. Gv 20,5-7).
Dunque: il Cristo rinacque dal grembo della tomba (il grembo della terra-madre) in modo miracoloso. E da questo segno la Chiesa fu sospinta a chiedersi in che modo Gesù di Nazaret, il Risorto, si rivesti della nostra carne nel grembo di Maria (il grembo della donna-madre).
A somiglianza dei pastori di Betlemme, anche i pastori della primitiva comunità cristiana (gli apostoli e i loro collaboratori), dopo che la gloria del Signore risorto rifulse al loro sguardo, presero a dirsi l'un l'altro: «Andiamo fino a Betlemme e vediamo... » (Lc 2,15). La Pasqua, in altre parole, rimandava al Natale, e il Natale si chiariva alla luce della Pasqua. La Chiesa, guidata dallo Spirito, giunse a comprendere che nell'uno e nell'altro evento « ...c'era la Madre di Gesù» (cfr. Gv 2,1).
Maria ebbe un ruolo nel mistero dell'Incarnazione. Nel grembo di lei, lo Spirito santo suscitò in maniera prodigiosa l'umanità del Verbo, cosi come nella Risurrezione avrebbe risuscitato in maniera egualmente portentosa quella stessa carne. La nascita diveniva profezia della rinascita.
E anche nel mistero della Risurrezione v'è un posto per Maria. Possono essere messi in risalto cinque aspetti della presenza della Madre di Gesù nell'economia pasquale: quella che Giovanni definisce come «l'ora di Gesù» (cfr. Gv 2,4; 7,30; 8,20; 12,23. 27; 13,1; 19,27), l'Ora in cui egli passa da questo mondo al Padre (Gv 13,1). Quindi: passione-morte-risurrezione.
1. Sul Calvario, Gesù condivide coi discepoli anche il dono della Madre. Da quell'Ora, la maternità di Maria si estende da Gesù alla Chiesa intera (Gv 19,25-27). E questo non per scelta dei cristiani, ma per volontà di Cristo. Accogliere Maria, di conseguenza, è un impegno della nostra fede.
2. Un'antica e persistente tradizione della Chiesa d'Oriente e d'Occidente - ricordata da Giovanni Paolo II il lunedì di Pasqua 4 aprile 1994 - ritiene che Gesù risorto abbia voluto onorare sua Madre con un'apparizione speciale. Varrà la pena spendere qualche parola per definire le modalità narrative e la portata dottrinale di questa opinione: familiare alla massa degli umili, ma condivisa altresì da illustri maestri del pensiero cristiano.
3. Secondo At 1,14, vediamo Maria nella Chiesa e con la Chiesa di Gerusalemme, in attesa orante dello Spirito santo promesso dal Cristo asceso presso il Padre (Lc 24,49; A t 1,4-5.8). La Pentecoste è l'atto di nascita della Chiesa. In essa confluiscono reminiscenze della genesi di Israele come popolo dell'Alleanza al Monte Sinai (Es 19, 3-8), e anche della genesi del Figlio dell'Altissimo nel seno di Maria ad opera dello Spirito (Lc 1,35).
4. A Gerusalemme (assicurano le attestazioni più venerande) Maria chiude i suoi giorni. Col suo esodo da questo mondo, la santa Vergine è assunta al cielo. Prima fra tutti, ella sperimenta i frutti della Pasqua nella completezza della propria persona. Glorificata in anima e corpo presso il Figlio risorto, «Maria è il frammento del cosmo, che lo Spirito ha già riportato compiutamente a Cristo» (Fate quello che vi dirà, p. 55, n. 55e, cfr. nota n. 31 del primo capitolo).
5. «Grandi cose», dunque, ha operato il Potente in Maria (cfr. Lc 1,49), dall'Incarnazione alla Risurrezione. A questi fatti salvifici renderà testimonianza la Vergine stessa, facendoli conoscere alla Chiesa. E la Chiesa, dal canto suo, da una generazione all'altra narra - celebrandole in sede liturgica - le meraviglie compiute dal Signore in Maria. Detto altrimenti: la Madre di Gesù è un capitolo della missione evangelizzatrice della Chiesa.
Confidava Jean Guitton nel 1949: «Mi sono accorto, strada facendo, nel corso del mio lavoro, che la riflessione sulla Vergine costituisce il punto di uno stupefacente incontro: gli stati della vita umana, i sentimenti più comuni e più vivi, le nozioni più profonde sulla storia della Chiesa, sullo sviluppo del pensiero cristiano, tutto vi si ritrova in prospettive assolutamente nuove» (La Vergine Maria, trad. it. di Renzo Fenoglio, Boria, Torino 1964, p. 13).
Da questa confessione di Jean Guitton scaturisce l'augurio che tutti i discepoli di Cristo - uomini e donne, anche se frammentati dalle divisioni delle rispettive Chiese - giungano a salutare in santa Maria il microcosmo della nostra salvezza. Gusteremo allora in misura più espansa la pienezza di quella gioia che Gesù, dal suo cuore, vuole riversare sul nostro (cfr. Gv 15,11; 17,13).


Inserito Domenica 22 Febbraio 2015, alle ore 8:53:27 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Bibbia
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Bibbia:
La profezia di Simeone (Lc 2,34-35)

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Bibbia

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi