PORTALE DI MARIOLOGIA
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO   
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali





























Nuovi in Biblioteca
  Stabat Mater. La maternità alla prova del dolore
  Le Madonne di Leonardo
  A Cruna. Antologia di rosari siciliani
  E' stata Lei! La Madonna e le conversioni.
  La coraggiosa rivoluzione del Magnificat
  Dove sei tu, per sempre. Via Matris.
  Beata Vergine del Monte Carmelo
  Maria che scioglie i nodi
  Vita di Maria
  Maria
  Secundum Cor Mariae. Esercizi spirituali ai sacerdoti
  50 grani di cielo. Riscoprire il Rosario
  Il Vangelo di Maria
  Il santo viaggio con Maria
  Con gli occhi di Maria
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Il Dogma dell’Immacolata Concezione e il suo significato attuale


Maria e l'Antico Testamento in Giustino e Ireneo


Rinnovato l'inserto speciale ''La Vergine in 3D''


A Colei che ci ascolta


Come Maria, i credenti stanno presso la croce


In Maria ogni santità risplende


Contesto, testo e insegnamento della ''Marialis cultus'' di Paolo VI


Ti canto Maria


La donna rivelatrice di Maria nella comunità ecclesiale e nel mondo


Nostra Signora della bellezza


Il volto di Gesù  nel volto di Maria attraverso la cultura del visivo


PORTUGUÊS - Maria, uma vida junto de Jesus


ESPAÑOL - Bellas pàginas de los Padres de la Iglesia y la Virgen Maria


FRANÇAIS - La Vierge Marie: un modèle d'humilité


DEUTSCH - Maria und die Heiligen


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 378
Contatore visite

Dal 1999
free counter

F.A.Q.

Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 78
Iscritti: 0
Totale: 78
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
Meditazioni sull'Ave Maria

(4115 parole inserite)
(1091 letture)   Pagina Stampabile




Ave Maria

LETTORE: Dal Vangelo secondo Luca (Lc. 1; 26-38)

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: “Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te”. A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L’angelo le disse: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine. Allora Maria disse all’angelo: “Come è possibile? Non conosco uomo”. Le rispose l’angelo: “Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio”. Allora Maria disse: “Eccomi sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”. E l’angelo partì da lei.

Parola del Signore.
A: Lode a te, o Cristo.

GUIDA: “Ave Maria!”. Non si possono pronunciare queste parole, così semplici e così alte, senza rispettare il silenzio in cui sono discese per la prima volta. Con grande delicatezza Gabriele si fa presente a Maria, creatura di silenzio. Dal silenzio la chiama, e in questa culla silenziosa viene deposta la Parola del Padre. Silenzio è sul villaggio di Nazaret, che viene scoperto dalla Bibbia qui per la prima volta; silenzio sulle origini della Vergine. Ed in questo silenzio si svolge il dialogo divino - umano, la proposta, l’ascolto, la domanda e la risposta.

TUTTI: Salve, o piena di grazia, il Signore è con te! Salve, o nostra tanto bramata letizia! Salve, o esultanza della Chiesa! Salve, o madre novella e modellatrice della nuova nascita, o madre piena di mistero. Salve, o modesto spazio, che ha accolto in sé Colui che il mondo non può contenere.

C.: Preghiamo.
O Padre, tu hai colmato nella Santa Vergine Maria l’attesa dei poveri con l’ineffabile dono del tuo diletto Figlio: esaudisci le nostre suppliche secondo la grandezza della tua bontà. Per Cristo nostro Signore.
A.: Amen.

(Breve momento di silenzio)

Piena di grazia

SALMO RESPONSORIALE

R. Eccomi, Signore: si compia in me la tua Parola.

Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto.
Non hai chiesto olocausto e vittima per la colpa.
Allora ho detto: “Ecco, io vengo”.

Sul rotolo del libro, di me è scritto
di compiere il tuo volere.
Mio Dio, questo io desidero,
la tua legge è nel profondo del mio cuore.

Ho annunziato la tua giustizia nella grande assemblea;
vedi, non tengo chiuse le labbra,
Signore, tu lo sai.

Non ho nascosto la tua giustizia in fondo al cuore,
la tua fedeltà e la tua salvezza ho proclamato.
Non ho nascosto la tua grazie
e la tua fedeltà alla grande assemblea.

GUIDA: L’angelo dell’Annunciazione salutò Maria “piena di grazia”, quasi fosse questo il suo vero nome. Quando l’angelo saluta Maria “piena di grazia” fa intendere che in lei si tratta di una benedizione singolare fra tutte le benedizioni spirituali in Cristo, precisamente perché nel piano divino della salvezza Maria, già prima della creazione del mondo, era presente e amata, in modo del tutto speciale ed eccezionale, come futura Madre del Figlio di Dio. La “pienezza di grazie” indica così “tutta l’elargizione soprannaturale di cui Maria beneficia in relazione al fatto che è stata scelta e destinata ad essere Madre di Cristo… Maria è piena di grazia perché l’incarnazione del Verbo si realizza e si compie proprio in lei!”

TUTTI: Come chiamare te, o piena di grazia?
Ti chiamerò Cielo: perché hai fatto sorgere il Sole di giustizia.
Ti chiamerò Paradiso: perché in te è sbocciato il fiore dell’immortalità.
Ti chiamerò Vergine: perché sei rimasta inviolata.
Ti chiamerò Madre pura: perché hai portato in braccio un figlio, Dio di tutti.
Pregalo di salvare le nostre anime.

C.: Preghiamo.
Accogli, Padre, la supplica che sale da ogni cuore assetato di verità e di giustizia, e per intercessione di Maria, regina della pace, benedici la Chiesa e tutta la famiglia umana. Per Cristo nostro Signore.
A.: Amen.

(Breve momento di silenzio)


Il Signore è con te

GUIDA: Il messaggero divino dice a Maria: “Il Signore è con te”. Più volte, nei racconti biblici di vocazione, ritornano queste parole. “Io sarò con te” risponde Dio a Mosè intimorito. “Io sono con te per proteggerti” dice il Signore a Geremia. La Vergine dell’Annunciazione, scelta e chiamata alla maternità messianica, beneficerà di una particolare presenza di Dio. Dio l’assicura che le sarà data tutta la luce e la forza necessaria al fine di realizzare la missione che le viene affidata.
La particolare presenza di Dio in Maria si tradurrà in una misteriosa azione dello Spirito. Come nel primo giorno della creazione, lo Spirito compirà la sua opera creatrice: il Figlio che nascerà da Maria sarà pura creatura di Dio, nuovo tempio di Dio, nuova Arca dell’Alleanza.

PREGHIERA DEI FEDELI

C.: Fratelli, Dio Padre nella sua grande bontà ha chiesto per il suo piano di salvezza il consenso di una creatura: la beata Vergine Maria. A lui che sollecita la nostra collaborazione domandiamo con fiducia quanto lo Spirito ci suggerisce.
Preghiamo insieme e diciamo:
Padre buono, ascoltaci.
- Per la Santa Chiesa, perché sull’esempio di Maria, sappia accogliere con docilità e amore ogni parola di Dio, preghiamo
- Per gli uomini chiamati a governare i popoli, perché sappiano portare a compimento le attese di giustizia e di pace che sono nel cuore di tutti, preghiamo.
- Per la donna del nostro tempo, perché, guardando alla Vergine Maria che attese e portò in grembo con ineffabile amore il Figlio di Dio, riscopra il suo ruolo di madre e tutrice della vita nella Chiesa e nella società, preghiamo.
- Per quanti soffrono nel corpo e nello spirito, perché ottengano con l’intercessione di Maria serenità e salute e sappiano offrire i loro patimenti per l’annunzio del Vangelo a tutti i popoli, preghiamo.
- Per la nostra assemblea, perché ognuno di noi, sotto la guida di Maria, cresca nella fede e nel desiderio di andare incontro al Signore, intensificando la preghiera e l’impegno delle opere buone, preghiamo.

TUTTI: Il Signore è con te! Tu sei la Vergine dell’annunciazione, il Sì dell’intera umanità al mistero di salvezza. Tu sei la Figlia di Sion e l’Arca della nuova Alleanza nel mistero della Visitazione. Tu sei la Madre di Gesù nato a Betlemme, colei che lo ha mostrato ai semplici pastori e ai sapienti dell’Oriente. Tu sei la Madre che offre suo Figlio nel Tempio, lo accompagna fino all’Egitto, lo conduce a Nazaret. Vergine dei cammini di Gesù, della vita occulta e del miracolo di Cana. Madre dolorosa del Calvario e Vergine gloriosa della Risurrezione. Tu sei la Madre dei discepoli di Gesù nell’attesa e nella gioia della Pentecoste.

C.: Preghiamo.
O Dio, Padre misericordioso, esaudisci con bontà le preghiere che ti rivolgiamo per intercessione di Maria che mediante il suo “sì” è divenuta madre del tuo Figlio e Madre della Chiesa Per Cristo nostro Signore.
A. Amen

Canto: Lo chiamerai Gesù


 Benedetta tu fra le donne

LETTORE: Dal vangelo secondo Luca (Lc. 1;39-45)

In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore”.

Parola del Signore.
A. Lode a te, o Cristo.

GUIDA: “Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!”. Questa esclamazione o acclamazione è ora entrata a nell’Ave Maria come continuazione del saluto dell’Angelo, divenendo così una delle più frequenti preghiere della Chiesa. Con le parole di Elisabetta la Chiesa continua a benedire Maria lungo i secoli della sua storia. Sa bene, infatti, che come la donna aveva contribuito a dare la morte, così la donna doveva contribuire a dare la vita. Il che vale in modo straordinario per la Madre di Gesù, la quale ha dato al mondo la Vita stessa che tutto rinnova.

TUTTI: Benedetta tu sei, o Maria, perché hai creduto alla Parola del Signore, perché hai sperato nelle sue promesse, perché sei stata perfetta nell’amore, per la tua premurosa carità con Elisabetta, per la tua materna bontà a Betlemme, per la tua fortezza nella persecuzione, per la tua perseveranza nella ricerca di Gesù nel tempio, per la tua semplice vita a Nazaret, per la tua intercessione a Cana, per la tua materna presenza presso la croce, per la tua fedeltà nell’attesa della Risurrezione, per la tua assidua preghiera nella Pentecoste. Tu sei benedetta per la tua gloria nell’Assunzione al cielo, per la tua materna protezione sulla Chiesa, per la tua costante intercessione per tutta l’umanità.

C.: Preghiamo
Guarda, o Padre, a questa tua famiglia e fa che, sull’esempio di Maria, sappia sempre cercare e custodire la tua Parola per attuarla senza esitazione. Per Cristo nostro Signore.
A.: Amen.

(Breve momento di silenzio)


Benedetto il frutto del tuo seno Gesù

SALMO RESPONSORIALE

R. Dio ti ha scelta per essere santa e immacolata.

Io gioisco pienamente nel Signore,
la mia anima esulta nel mio Dio,
perché mi ha rivestito delle vesti di salvezza,
mi ha avvolto con il manto della giustizia,
come uno sposo che si cinge il diadema
e come una sposa che si adorna di gioielli.

Come la terra produce la vegetazione
e come un giardino fa germogliare i semi,
così il Signore Dio farà germogliare la giustizia
e la lode davanti a tutti i popoli.

Allora i popoli vedranno la tua giustizia,
tutti i re la tua gloria;
ti si chiamerà con un nome nuovo
che la bocca del Signore indicherà.
Sarai una magnifica corona nella mano del Signore,
un diadema regale nella palma del tuo Dio.

GUIDA: Nel mistero della visitazione, l’incontro delle due madri, Maria ed Elisabetta, è l’incontro dei due figli, Gesù e Giovanni. Al saluto di Maria, il piccolo Giovanni riceve lo Spirito Santo e inaugura la sua missione di precursore con la voce della madre, mentre Elisabetta rende testimonianza alla Madre del suo Signore, esclamando a gran voce: “Benedetto il frutto del tuo seno”.

TUTTI: In te si rallegra, o piena di grazia, tutto il creato, le schiere degli angeli e il genere umano. O tempio santificato e paradiso spirituale, vanto delle vergini. Grazie a te Dio si è incarnato divenendo bambino, Lui, il nostro Dio prima dei secoli. Del tuo seno infatti egli ha fatto un trono e lo ha reso più vasto dei cieli. In te, o piena di grazia, si rallegra tutto il creato. Gloria a te!

C.: Preghiamo.
Padre buono, che ci hai amati fino a donarci il tuo Figlio, fa che in unione con Maria sappiamo adorare in silenzio il mistero della tua volontà e cooperare alla salvezza di ogni uomo. Per Cristo nostro Signore.
A.: Amen.

Canto: Magnificat


Santa Maria

LETTORE: Dal Vangelo secondo Luca (Lc. 1,46-56)

Allora Maria rispose ad Elisabetta:
“L’anima mia magnifica il Signore,
e il mio spirito esulta in Dio, mio Salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia
si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato a mani vuote i ricchi.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri,
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre”.
Parola del Signore.
A. Lode a te, o Cristo.

GUIDA: L’Ave Maria è come l’eco del Padre nostro. Nella preghiera insegnataci da Gesù, dapprima alziamo lo sguardo contemplativo verso il Padre che è nei cieli, per dirgli quanto ci sta a cuore il suo nome, il suo regno e la sua volontà. Gli chiediamo, poi, con animo fiducioso, quanto ci è necessario per il passato, il presente ed il futuro: il perdono, il pane e la protezione. Anche la preghiera dell’Ave Maria si apre con un saluto filiale alla Vergine, Madre di Dio, ma anche Madre nostra. Poi ci affidiamo alla sua materna e potente intercessione perché ella ci ottenga quanto ci occorre per la vita passata, presente e futura. Santa Maria! E’ la prima invocazione che rivolgiamo a Colei che ci ascolta. Affidiamoci con fede e fiducia alla Stella del mare, perché vegli sul nostro cammino.

TUTTI: Santa Maria! Regina della Pace! Madre misericordiosa! Madre degli uomini e dei popoli! Tu che conosci tutte le nostre sofferenze e le nostre speranze, tu che senti maternamente tutte le lotte tra il bene e il male, tra la luce e le tenebre che scuoto il mondo contemporaneo, accogli il nostro grido che, mossi dallo Spirito Santo, rivolgiamo direttamente al tuo Cuore. Abbraccia con amore di Madre e di serva del Signore, questo nostro mondo umano, che ti affidiamo e consacriamo, pieni di inquietudine per la sorte terrena ed eterna degli uomini e dei popoli. Dona a tutti la Pace, la vera pace di Cristo. Ascoltaci, o Madre mediatrice di Pace.

C.: Preghiamo.
Accogli, Padre, le nostre suppliche e donaci la luce del tuo Spirito, perché sull’esempio della Vergine Maria, sappiamo magnificare il tuo nome con la santità della vita. Per Cristo nostro Signore.
A.: Amen.
(Breve pausa di silenzio)


 Madre di Dio

LETTORE: Dal libro del Siracide (Sir. 24, 23-31)

Io, come vite, produco germogli di grazia,
e i miei fiori danno frutti di gloria e di rettitudine.
Io sono la madre del bell’amore e del timore,
della conoscenza e della santa speranza.
In me è la grazia per ogni via e verità,
in me ogni speranza di vita e di virtù.
Avvicinatevi tutti a me, voi che mi desiderate
e saziatevi dei miei frutti.
Poiché il mio insegnamento è più dolce del miele,
e il possedermi è più dolce del favo di miele.
Il mio ricordo durerà di generazione in generazione.
Quanti si nutrono di me, avranno ancora fame;
e quanti da me si dissetano, avranno ancora sete.
Chi mi ascolta, non sarà deluso;
e chi compie le mie opere non peccherà.
Chi mi rende onore, avrà la vita eterna.

Parola di Dio
A. Rendiamo grazie a Dio

GUIDA: Invocare Maria quale Madre di Dio è chiederle con l’animo pieno di filiale fiducia di rivolgere a noi gli occhi suoi misericordiosi: quegli occhi che sono da Dio diletti e venerati, in quanto sono per Lui occhi materni. Preghiamo con fiducia la Madre di Dio, sotto il cui presidio i fedeli imploranti si rifugiano sin dai tempi più antichi nei pericoli e necessità. “Non disprezzare, o Maria, le supplice di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta”!.

TUTTI: O Santa Madre di Dio che, accogliendo il messaggio dell’angelo, hai concepito il Verbo, hai dato il consenso con la fede, hai generato il Figlio con la carne, trepidando per la presenza divina, ma fiduciosa nell’aiuto della grazia: accogli le richieste del tuo popolo, tu che puoi, ed esaudisci ampiamente le preghiere di ciascuno, affinché, accogliendo nel tuo grembo materno tutti coloro che, esuli nel viaggio della vita, si rifugiano in te con speranza sicura, li presenti salvi al Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio.

C.: Preghiamo.
O Padre, che ci hai amati per primo, esaudisci per la materna intercessione di Maria, il sincero desiderio di vivere come tuoi figli nella docilità al tuo Spirito d’Amore. Per Cristo nostro Signore.
A.: Amen.

Canto: Madre della speranza


Prega per noi peccatori

GUIDA: L’Ave Maria raccomanda alla Madre di Dio tutta l’umanità: prega per noi peccatori! Né potrebbe essere diversamente. Maria è Madre dell’umanità, specialmente dei fedeli, e in lei si sente più vivo il legame fraterno che unisce i discepoli di Cristo.
Al Padre noi chiediamo di perdonare le nostre offese come noi perdoniamo chi ci ha offeso; di non farci cadere nella tentazione, ma di liberarci dal maligno. E’ quanto noi peccatori chiediamo fiduciosi anche alla santa Madre di Dio: a colei che nel Magnificat proclamò la misericordia di Dio di generazione in generazione.

PREGHIERA DEI FEDELI

C.: Cristo, uomo dei dolori, porta sulla croce i peccati e le sofferenze dell’umanità. Maria, associata alla sua passione, ci chiama ad unirci nella fede all’offerta redentrice del suo Figlio.
Preghiamo insieme e diciamo:
Convertici a te o Signore.

- Padre santo, che hai dato a Maria la grazia di essere discepola della Parola, ancor prima di essere madre del Verbo incarnato, dona alla comunità ecclesiale lo spirito dell’ascolto, per obbedire nella fede ad ogni cenno della tua volontà. Noi ti preghiamo.
- Padre buono, che hai affidato al cuore della Vergine Madre tutti gli uomini redenti dal tuo Figlio, dona ai tuoi discepoli la capacità di vedere e condividere le angosce e le speranze di ogni uomo. Noi ti preghiamo.
- Padre giusto, che hai associato Maria al sacrificio del tuo Figlio, sostieni quanti sono nella sofferenza, nella malattia e nella solitudine, perché possano sperimentare la gioia e la speranza che germogliano ai piedi della croce. Noi ti preghiamo.
- Padre misericordioso, che nella memoria viva del nostro Battesimo ci chiami a camminare verso il tuo Regno, fa che guardando a Maria, madre e modello della Chiesa, ci lasciamo convertire a te, che attendi senza stancarti il nostro ritorno. Noi ti preghiamo.


TUTTI: O santa Madre del Redentore, porta dei cieli, stella del mare, soccorri il tuo popolo che anela a risorgere. Tu che accogliendo il saluto dell’angelo, nello stupore di tutto il creato, hai generato il tuo Creatore, madre sempre vergine, pietà di noi peccatori.

C.: Preghiamo
Padre onnipotente, che in questo tempo favorevole ci chiami alla conversione del cuore e al rinnovamento della vita, fa che a imitazione di Maria gustiamo la beatitudine di essere discepoli del tuo Figlio, Gesù Cristo nostro Signore. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
A. Amen.

(Breve pausa di silenzio)


Prega per noi...adesso

SALMO RESPONSORIALE

Dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.

Tu, Signore, abiti la santa dimora,
tu, lode di Israele.
In te hanno sperato i nostri padri,
hanno sperato e tu li hai liberati;
a te gridarono e furono salvati,
sperando in te non rimasero delusi.

Sei tu che mi hai tratto dal grembo,
mi hai fatto riposare sul petto di mia madre.
Al mio nascere tu mi hai raccolto,
dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.

Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli,
ti loderò in mezzo all’assemblea.
Lodate il Signore, voi che lo temete,
gli dia gloria la stirpe di Giacobbe,
lo tema tutta la stirpe di Israele.

GUIDA: Tra il tempo della venuta del Cristo e quello del suo ritorno, passa un tempo intermedio che l’apostolo Paolo chiama il “momento favorevole”, il “giorno della salvezza”. E’ tutto questo tempo intermedio che noi affidiamo a Maria nella preghiera, precisamente perché esso sia per noi “momento favorevole”, “giorno di salvezza”. A Maria chiediamo di renderci vigilanti nell’attesa, così che, finito l’unico corso della nostra vita terrena, possiamo entrare al banchetto nuziale ed essere annoverati tra i beati. A le, da noi contemplata nella gloria della città di Dio, chiediamo “la vittoria delle prospettive eterne su quelle temporali, della vita sulla morte” .

TUTTI: Santissima Madre di Dio, non abbandonarci per tutto il tempo della nostra vita, non lasciarci mai, protettrice degli uomini; ma vieni in nostro aiuto, abbi pietà di noi! Vergine Santa, Madre di Dio, noi ricorriamo alla tua protezione perché sappiamo di trovare la salvezza, perché tu hai il potere di aiutarci, o tutta pura!

C.: Preghiamo.
O Dio, fortifica in noi il desiderio del bene, sostienici nella speranza, rafforzaci nella carità, per intercessione di Maria, che ci precede nella peregrinazione della fede. Per Cristo nostro Signore.
A.: Amen.


Canto: Grazie, Maria


E nell'ora della nostra morte

GUIDA: L’adesso della vita e l’ora della morte! Tutto l’arco dell’esistenza terrena viene affidato a Maria, perché ella ci insegni a contare i nostri giorni e ci ottenga la sapienza del cuore vigilante. L’ora della morte, come il passaggio dal tempo all’eternità della vita, è il momento decisivo di ogni creatura umana. Ci rivolgiamo quindi a Maria. A lei affidiamo l’ora, il momento della nostra morte. Con l’assiduità della preghiera si deve fare di Maria la quotidiana mediatrice, la nostra vera avvocata, sicché possiamo sperare che Ella, assunta nella gloria del Cielo, nell’ora del nostro trapasso, possa essere nostra Avvocata presso la divina bontà e misericordia.

TUTTI: O Vergine Immacolata, Madre di Dio e Madre degli uomini! Confidiamo che i tuoi occhi misericordiosi si posino sulle nostre miserie ed angosce, sulle nostre lotte e debolezze; che le tue labbra sorridano alle nostre gioie e vittorie; che tu senta la voce di Gesù dire di ognuno di noi, come già del suo discepolo amato: “Ecco tuo figlio”. Noi, che ti invochiamo nostra Madre ti prendiamo per guida, forza e consolazione della nostra vita mortale. Da questa terra ove passiamo pellegrini, confortati dalla fede nella futura risurrezione, guardiamo verso di te, vita dolcezza e speranza nostra; attiraci con la soavità della tua voce, per mostrarci un giorno, dopo il nostro esilio, Gesù frutto benedetto del tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

PREGHIERA DEI FEDELI

Rivolgiamo la nostra preghiera a Dio, Padre misericordioso, che nella sua provvidenza ci ha donato Maria come premurosa Madre. Preghiamo insieme e diciamo:
Ti preghiamo, ascoltaci.

- Per la Chiesa, perché sull’esempio di Maria, sappia prodigarsi per tutti i figli dispersi nel mondo, generandoli alla fede e raccogliendoli nell’unità, preghiamo.
- Per tutti i cristiani, perché, come Maria, cerchino prima di tutto il regno dei cieli e sperimentino la tua protezione nel momento della prova, preghiamo.
- Per quanti si consacrano al servizio dei fratelli, perché nel contatto quotidiano con la debolezza e la sofferenza imparino a riconoscere in ogni creatura umana il volto di Cristo, preghiamo.
- Per i perseguitati e per quanti subiscono violenza a causa del Vangelo, perché nulla li possa separare da Cristo e in lui godano della vera libertà, preghiamo.

Accogli o Padre, le nostre preghiere, e rendi il nostro cuore compassionevole come quello di Maria, madre del tuo Figlio, perché siamo sempre più attenti alle necessità dei fratelli. Per Cristo nostro Signore.
A. Amen.


 Conclusione

C.: (benedizione)


TUTTI: Salve, o stella del mare, gloriosa Madre di Dio;
o vergine santa, Maria, o porta spalancata sul cielo!
L’angelo che il cielo ti manda, porta un messaggio di Dio.
Tu lo accogli; cambia allora il destino di Eva e al mondo sorride la pace.
Spezza le catene di ogni oppressione, offri la luce a chi non vede,
allontana il male da ogni uomo, chiedi per ciascuno il bene.
Senta ognuno che sei nostra Madre;
presenta tu a Cristo le nostre preghiere;
ed egli, che si è fatto tuo figlio, clemente le accolga.
Vergine eccelsa, dolce amata, liberaci dalle nostre colpe,
rendici umili e puri, donaci giorni tranquilli,
veglia sul nostro cammino fino a che incontreremo il tuo Figlio,
lieti, nel cielo.

C.: (saluto)

Canto finale: Giovane donna



  

[ Torna su Preghiere | Indice Sezioni ]
IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi