PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria e la Chiesa nascente
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 562
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 203
Iscritti: 0
Totale: 203
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
Maria e la Chiesa nascente
Bibbia

Dal libro di Jean Cantinat, La Madonna nella bibbia, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo 1987, pp. 163 - 166.



1. Maria e la Risurrezione

La sera del venerdì santo, prima del riposo sabatico che cominciava al calar del sole, le pie donne sedute di fronte al sepolcro seguono attentamente l'opera di Nicodemo e di Giuseppe d'Arimatea che procede alla sepoltura di Gesù; esse notano particolarmente il modo in cui viene sistemato il corpo nella camera mortuaria. Hanno infatti l'intenzione di ritornare sul posto, il mattino dopo il riposo sabatico, per esprimere al Signore il loro attaccamento personale: al regale omaggio di Nicodemo (32 kg di profumo), vogliono aggiungere quello dei loro aromi. L'uso palestinese autorizzava questo gesto nei tre giorni che seguivano la morte. E infatti la domenica, al levar del sole, si mettono in cammino verso il sepolcro sperando di trovare qualche aiuto tra i passanti per rimuovere la pesante pietra che era stata rotolata davanti all'entrata. La loro decisione testimonia che non pensano di trovare un risuscitato ma un cadavere; del resto non si potrebbe spiegare diversamente le intense sorprese che le attendono (Mr 15,46ss; 16,1ss).
Maria, presente alle scene del Calvario, è assente dal gruppo che si reca a rendere l'ultimo omaggio al cadavere di suo Figlio. Questa assenza stupisce. Molti autori, e sembra a giusto titolo, vi scorgono la prova che Gesù risorto si è già mostrato a sua madre nelle prime ore del giorno. Perciò Maria crede inutile recarsi al sepolcro, cosa che altrimenti le s'imponeva. Le ragioni di convenienza che accreditano questa prima apparizione s'immaginano facilmente: Gesù, modello di pietà filiale, poteva abbandonare sua madre cosi piena di fede, quando stava per apparire ai discepoli che erano fuggiti, l'avevano rinnegato, o se ne ritornavano scoraggiati a casa loro? Se il Vangelo non parla di questa prima apparizione, è forse perché la testimonianza di una madre in favore di suo figlio non è legalmente attendibile; ma forse è anche per altre ragioni ignorate da noi.

2. Maria e la Pentecoste

Dall'Ascensione alla Pentecoste Maria vive a Gerusalemme, nel Cenacolo, in compagnia degli apostoli, delle pie donne e dei suoi parenti definitivamente conquistati alla causa di suo Figlio (At 1,12-14). Ella si unisce alla preghiera comune per la venuta dello Spirito Santo promesso e prepara cosi la nascita della Chiesa. Ricordiamo l'efficacia della sua preghiera a Cana. Presente all'inizio del Vangelo, lo è anche all'inizio della Chiesa. Nel pensiero di san Luca, autore del terzo Vangelo e del libro degli Atti, la presenza di Maria nel Cenacolo riveste forse un significato tutto speciale, quello di una preparazione unica all'effusione dello Spirito sulla Chiesa nascente. All'inizio del suo Vangelo egli ci parla della discesa dello Spirito Santo su Maria il giorno dell'Annunciazione e dell'allegrezza di Elisabetta il giorno della Visitazione (Lc 1,35.41); all'inizio del libro degli Atti ci racconta la discesa dello Spirito sugli apostoli il giorno della Pentecoste e i felici risultati di questa discesa (At 2,1ss). Non stabilisce dunque una analogia tra le due serie di avvenimenti? Non vede nei primi il preludio dei secondi? La nascita verginale del Cristo appare «come la prima irruzione escatologica dello Spirito nel mondo... (l'inizio) della creazione nuova» (J. Schmitt), e Maria, con il suo ruolo di primo piano, appare come lo strumento e anche, in un certo senso, come il tipo della salvezza definitiva. Per questo la sua presenza e la sua azione al Cenacolo avrebbe un'importanza particolare. San Luca non lo suggerisce quando nomina Maria a parte nel gruppo delle pie donne riunite nel Cenacolo (At 1,14)?. Noi non ne abbiamo la certezza, perché la sola stima portata alla famiglia naturale di Gesù, stima che si manifesterà ben presto con la scelta di un « fratello del Signore» come primo vescovo di Gerusalemme, bastava a dare a Maria un posto di preminenza nella comunità primitiva. Comunque sia nel ruolo preciso di Maria nell'effusione dello Spirito Santo sulla Chiesa nascente, non si può dubitare che nel giorno della Pentecoste la sua anima, da sempre oggetto del favore divino, beneficia di un grande accrescimento di santità, in luogo di una trasformazione radicale che non occorreva.

3. Maria sorgente d informazione evangelica

Anche dopo la venuta dello Spirito fino alla sua morte Maria, senza mai avere nella Chiesa il ruolo di capo devoluto a Pietro e agli altri apostoli (Mt 16,17ss; 18,18), vi esercita un influsso di primo piano, con la sua preghiera e col suo spirito, ma anche con le informazioni che soltanto lei poteva dare su Gesù. Non è lei che ha fornito la maggior parte degli elementi di cui sono composti i «vangeli dell'infanzia»? (Lc 1-2; Mt 1-2). San Luca ce lo fa pensare quando dice che «Maria serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore» (Lc 2,19.51). Non è forse lei che, dopo essere stata presa con sé da Giovanni, comunicò a questo apostolo un tale spirito d'interiorità che il suo Vangelo divenne straordinariamente «spirituale», secondo l'espressione di Clemente d'Alessandria? Infatti «più e meglio degli apostoli, Maria ha potuto dire durante la sua vita mortale, parlando di Gesù, "Noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre pieno di Grazia e di verità" ».

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Venerdi 17 Aprile 2015, alle ore 12:26:20 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Bibbia
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Bibbia:
La profezia di Simeone (Lc 2,34-35)

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Bibbia

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.33 Secondi