PORTALE DI MARIOLOGIA - La Madonna della pappa di Gerard David
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 563
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 147
Iscritti: 0
Totale: 147
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
La Madonna della pappa di Gerard David
Arte

Un articolo sulla rivista La Madonna della Neve, n. 7 /agosto-settembre 2015, pp.26-27.



La Madonna con il bambino è uno dei soggetti più rappresentati della storia dell'arte. Possiamo dire che le figure della Vergine e di Gesù siano state rielaborate ed interpretate in moltissimi modi diversi. Per la naturalezza e per il senso di intimità che trasmettono si distinguono quelle rappresentazioni di Maria colta nell'atto di nutrire la sua creatura. Non tanto le numerosissime raffigurazioni della «Madonna che allatta», ma quelle che vedono Maria mentre dà da mangiare a un Gesù bambino ormai svezzato.
Il Guercino, Lorenzo Lippi, lo Scarsellino, Bernardo Strozzi si sono impegnati su questo tema pittorico, spesso collegato a quello del Riposo durante la fuga in Egitto o a quello della Sacra Famiglia, come per Paolo Veronese. Tra le immagini, la Madonna della Pappa di Gerard David, pittore olandese vissuto a cavallo tra '400 e '500 (Oudewater, c. 1455 - Bruges, 1523), è quella che maggiormente si distingue per la naturalezza del gesto e il senso d'intimità che trasmette. Del soggetto sono state realizzate diverse copie, con lievi varianti, esposte nei musei di Bruxelles, Strasburgo, San Diego, New York, Haarlem.
La Vergine è raffigurata come una semplice mamma nell'atto di dare da mangiare al proprio bambino. L'atmosfera è serena e intrisa di semplicità, nella stanza ci sono alcuni oggetti comuni che contribuiscono a rafforzare questa sensazione e sopratutto la tazza con la minestrina, la mela e il pane in primo piano, e lì accanto un coltello, posti su un tagliere. La visione di queste cose semplici e comuni in tutte le case, come anche il piedino del bimbo che sembra uscire fuori dal quadro, servono allo spettatore ad immedesimarsi nella scena, a viverla con maggiore partecipazione, a sentirla più vicina. Il Bambino si comporta come un bambino vero, tiene in mano un cucchiaino e si agita attratto dalla pappa: una naturalezza assoluta, molto distante dalle numerosissime raffigurazioni di Gesù Bambino nell'atto di benedire o mentre dialoga con i santi o comunque atteggiato come un uomo in miniatura.
Anche lo scorcio di paesaggio che si vede dalla finestra, quasi come se fosse un quadretto appeso al muro, partecipa al clima di pace e serenità che pervade il piccolo dipinto; e separa e insieme unisce l'ambito privato a quello pubblico. Senza voler introdurre forzature, ma una madre che dà da mangiare al proprio figlio svolge un'opera altamente sociale al pari di quella di un medico o di un vigile urbano.
C'è poi chi vuole a tutti i costi cercare significati simbolici nascosti dietro questo velo di serenità, ed allora ecco che la mela in primo piano diventa simbolo del peccato originale, mentre la fetta di pane simboleggia l'eucarestia e via di questo passo. Qualche autore dice che questo non è altro che un complicarsi la vita e non saper apprezzare a pieno la bellezza e la semplicità del quadro. Ma disdegnare riferimenti simbolici è caratteristica del nostro tempo, non di quello in cui operava David: bellezza e semplicità non contrastano con la ricchezza di simboli che si possono riconoscere. Così come l'idea che il quadro richiama la madre Chiesa che nutre, con la parola e il pane eucaristico, i suoi figli. La borsa, il libro, la cesta posti sul tavolino addossato alla parete: tutti oggetti di uso quotidiano, a documentare la normalità con cui una madre di famiglia si prende cura della sua creatura. Il bambino siede sulle ginocchia della madre: la posizione naturale che facilità il contatto fisico tra colei che nutre e colui che riceve il cibo. Tenerissimo quel cucchiaino in mano al bambino: non ha lo scopo didattico di insegnargli a mangiare da solo - per quello ci sarà tempo -, ma quello di accompagnarlo nel rito del pasto facendogli compiere un gesto che è di imitazione di quello della mamma. Le mamme di ogni epoca istintivamente questo lo hanno sempre capito: un bambino guarda l'adulto per copiare quello che fa, prima ancora di percepirne l'utilità pratica.
Non abbiamo alcun resoconto evangelico del comportamento del piccolo Gesù quando veniva imboccato, ma forse accadeva per lui quello che succede con tutti gli altri bambini: che quando mangiano devono avere qualcosa tra le mani! E insieme il colore rosso è simbolo della dolorosa passione che subirà per la nostra salvezza. «Secolarizzazione della Vergine» - come qualche autore sostiene - oppure un nuovo tipo di religiosità? È probabile la seconda soluzione, legata a quel movimento di pensiero definito come devotio moderna, attenta alle dimensioni individuali, quotidiane, costruita attorno alla meditazione della sacra Scrittura, e al raccoglimento, piuttosto che agli aspetti più spettacolari della fede. Tuttavia non bisogna forzare eccessivamente il contrasto: la vita cristiana prevede diversi momenti, quello cultuale come quello personale; quello pubblico che manifesta visibilmente la fede e quello più privato ed interiore. Tutti stati che il Figlio di Dio ha percorso nei giorni della sua vita terrena. E i trent'anni di vita nascosta a Nazaret qualcosa vorranno pur dire.
 

Inserito Mercoledi 9 Settembre 2015, alle ore 16:17:16 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Arte
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Arte:
L'assunzione di Maria nell'arte

 
Sondaggio
Punteggio medio: 4.5
Voti: 2


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Arte

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi