PORTALE DI MARIOLOGIA - Storia e significati del Mese di Maggio dedicato a Maria
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 546
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 213
Iscritti: 0
Totale: 213
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Storia e significati del Mese di Maggio dedicato a Maria 
Multimedia

Un intervento del mariologo Antonino Grasso nella trasmissione NON UN GIORNO QUALSIASI del 1 maggio 2018 condotta da Federico Piana, in occasione della vita del Papa al Santuario del Divino Amore per l'inizio del mese mariano.



TESTO DELL'INTERVENTO

1. Il Santuario del Divino Amore

Secondo una leggenda, nella primavera del 1740 un pellegrino, diretto a Roma, si smarrisce nelle campagne di Castel di Leva e viene assalito da un minaccioso branco di cani. Alzando lo sguardo, vede sulla torre del vicino castello, un'icona raffigurante la Vergine con il Bambino. Invoca perciò la Madre di Dio affinché lo salvi da quel branco che, all’improvviso si ferma e si dilegua. Da quel giorno, diffusasi la notizia, l'icona della torre diviene meta di pellegrinaggio e cinque anni dopo, il 9 aprile 1745, essa viene intronizzata sull’altare di una nuova chiesa. Anche i drammatici eventi della seconda guerra mondiale coinvolgono la Madonna del Divino Amore la cui icona, il 24 gennaio 1944 viene portata a Roma e sistemata nella chiesa di San Lorenzo in Lucina. Pio XII, vista l'imminenza della battaglia per la conquista di Roma tra nazisti e Alleati, invita i romani a pregare la Vergine per la salvezza della città. Il 4 giugno, nell’imminenza della battaglia, viene fatto un voto solenne, con cui si promette alla Madonna che, se avesse risparmiata Roma dalla distruzione, le sarebbe stato eretto un nuovo santuario. Ottenuta la liberazione, l'11 giugno, Pio XII può recarsi nella chiesa di Sant'Ignazio e celebrare una messa di ringraziamento, nel corso della quale proclama la Madonna del Divino Amore Salvatrice dell'Urbe. Finita la guerra, sotto l'impulso del Servo di Dio don Umberto Terenzi, il santuario a Castel di Leva rinasce e vi sorgono accanto anche il seminario degli oblati e la Congregazione delle figlie della Madonna del Divino Amore. Superate molte difficoltà, l'8 gennaio 1996, verrà posta la prima pietra del promesso santuario che può essere inaugurato durante il  Giubileo del 2000. Il santuario rimane sempre molto caro ai romani e ogni anno, dal primo sabato dopo Pasqua all'ultimo sabato di ottobre, si tiene anche un pellegrinaggio notturno a piedi che partendo a mezzanotte da piazza di Porta Capena, nei pressi del Circo Massimo, giunge all'alba, dopo aver percorso 14 km, al Santuario, dove viene celebrata la messa del pellegrino.

2. Le origini del mese di Maggio dedicato a Maria

Il mese di maggio dedicato a Maria in Occidente, è una devozione sorta verso la fine del XVI secolo. Questa devozione affonda le sue radici nell’usanza rinascimentale, secondo la quale gli innamorati si scambiavano omaggi cortesi proprio a maggio, quando la natura in fiore appare ricca di spunti e suggestioni per celebrare l’amore. Il tentativo di superare gli abusi e cristianizzare queste feste, apparirà come il nobile gesto di rivolgere l’omaggio della natura e dei cuori a Maria, la creatura più alta e più bella tra tutte le donne. Il primo ad associare la figura di Maria con il mese di maggio, sembra essere stato il re di Castiglia e León, Alfonso X il Saggio che in una sua “Cantigas” dedicata a celebrare le feste stagionali di maggio, vede nella devozione a Maria il modo per coronarle e santificarle degnamente. Intanto a Roma S. Filippo Neri era solito invitare i suoi ragazzi a compiere “ossequi” a Maria in questo mese, ornando di fiori le sue immagini. I veri ispiratori del mese di maggio vengono considerati, per le loro opere, tre padri gesuiti: Annibale Dionisi che, con il suo Mese di Maria, pubblicato a Verona nel 1725, lancia la struttura celebrativa del mese; Francesco Latomia che, nel 1758, pubblica a Palermo un Mese di Maggio con una serie di meditazioni giornaliere di contenuto mariano e Alfonso Muzzarelli che pubblica nel 1785 a Roma “Il mese di maggio” che termina con la consacrazione a Maria. Nella prima metà del XIX secolo il mese di maggio è già affermato in tutta l’Europa e in America e si diffonde anche nei paesi di missione. Viene indulgenziato da Pio VII, Gregorio XVI e Pio IX. Nello stesso secolo e nella prima metà del XX, sacerdoti e altri centri religiosi, parrocchie, santuari, cappelle ecc., vedono nel mese di maggio l’occasione propizia per cicli di predicazione e formazione religiosa. Anche il magistero recente dei Sommi Pontefici ha riconosciuto con vari documenti l’importanza di questa pia pratica per tutta la cattolicità.

3. Come vivere intensamente con Maria il Mese di Maggio

Nell’Udienza Generale del 29 maggio 1968 Paolo VI affermava: «Il nostro pensiero si rivolge a Maria, che la pietà popolare della Chiesa onora in modo particolare durante il mese di maggio, e noi non lasceremo terminare questo periodo, che collega la primavera della natura a quella religiosa che dovrebbe fiorire nelle nostre anime, contemplando e venerando il più bel fiore dell’umanità redenta da Cristo, senza riaccendere la nostra devozione verso la vergine Madre di Cristo e nostra Madre spirituale.»  Secondo il papa è, perciò, la “Via della bellezza”, la via del mese di maggio. Maria, infatti, deve essere riletta in questo mese alla luce del mistero di grazia e di amore che l’ha avvolta e ne ha fatto la nuova Arca dell’Alleanza. La Vergine di maggio, col suo contorno di fiori, canti, splendore umano, ci invita a farci avvolgere dalla sua stessa luce, quella vera che illumina ogni uomo, quella che ci fa sentire l’intima gioia di esserle un po’ simili. La gioia di Maria deve coinvolgerci, deve diventare la nostra gioia, perché abbiamo ritrovato nella rigenerazione sacramentale voluta dalla Chiesa nel tempo pasquale, la “bellezza” della luce ineffabile che avevamo offuscato. Maria, infatti, ci spinge tra le braccia del Risorto venuto a rompere le catene della schiavitù dell’uomo, a liberarlo dalle sue brutture, instaurando quel regno di giustizia e di pace,  in cui ogni creatura, rigenerata allo splendore della vera bellezza, riacquista la pari dignità di figlio che gli permette di chiamare Dio col nome di “Padre”. Proprio dalla contemplazione di Maria che accoglie il Figlio di Dio e lo dona al bisogno e all’esultanza degli uomini, come ci invita a fare la Festa della Visitazione che chiude il mese di maggio, e del mistero di Cristo fattosi uomo morto e risorto che celebriamo nel Tempo Pasquale, scaturisce l’arricchimento spirituale del mese di maggio, che deve animare quel servizio che noi stessi, fedeli imitatori di Maria, siamo chiamati a compiere a favore di una umanità, così povera di bellezza, così necessitante di aiuto, così desiderosa di amore e, in sostanza, così bisognosa dello splendore e della bellezza di Dio.

 

Inserito Martedi 1 Maggio 2018, alle ore 9:55:55 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Multimedia
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Multimedia:
La Cappella delle apparizioni di Fatima

 Sondaggio 
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Multimedia

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.15 Secondi