PORTALE DI MARIOLOGIA - In cammino verso il cielo con l’aiuto della Madre
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 624
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 62
Iscritti: 0
Totale: 62
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  In cammino verso il cielo con l’aiuto della Madre 
Spiritualità

Dal libro di Antonino Grasso, Maria, madre di Misericordia. Sotto il tuo manto c'è posto per tutti. Meditazioni, Edizioni Segno, Tavagnacco 2016, pp. 96.99.



Al mondo senza pace e senza amore, Ella continuamente ricorda, come diceva Pio XII, che «nulla mai deve prevalere sul fatto e sulla consapevolezza di essere tutti figli di una medesima Madre Maria, che vive nei cieli, vincolo di unione per il Corpo mistico di Cristo, quale novella Eva e Madre dei viventi, che tutti gli uomini vuole condurre alla verità e alla grazia dei suo Figliuolo divino». E San Giovanni Bosco aggiunge: «Ricordatevi, o miei cari figlioli, che la Vergine ha messe in serbo tutte quelle grazie, che sono necessarie a ciascuno di noi per la nostra anima, per il nostro corpo, per i nostri genitori, parenti e amici, per tutti gli uomini. Per darcele aspetta solamente che le domandiamo». E ancora, scrive il Santo: «Dopo Gesù non abbiamo miglior appoggio su questa terra, né consolazione più gioconda, che affidarci ai patrocinio di lei, che, dal cielo, è la dispensatrice delle celesti grazie». A Lei lo stesso Pontefice Pio XII si rivolge pregandola: «O Maria, da questa valle di lacrime, ove passiamo pellegrini, confortati dalla fede nella futura risurrezione, guardiamo versò di te, nostra vita, nostra dolcezza, nostra speranza; attiraci con la soavità della tua voce, per mostrarci un giorno dopo il nostro esilio Gesù, frutto benedetto del tuo seno, o clemente, o pia, o dolce Vergine Maria».

La Madre glorificata, indica all’umanità la via del cielo e nello splendore del suo mistero, sembra ripetere continuamente ad ogni uomo le parole di Agostino: «Figlio mio, sei fatto per il cielo, ma Dio, che ti ha creato senza di te, non può salvarti senza di te». Maria, quindi, ci invita a partecipare alla sua stessa dignità di Madre di Dio ed alla predilezione divina verso di Lei, realizzando in noi, secondo le nostre possibilità, soprattutto la sua purezza immacolata e la sua totale adesione a Dio, che saranno la sorgente anche della nostra stessa gloria eterna. Il suo esempio, di Colei, cioè, che più di ogni altra creatura è stata fedele alla volontà di Dio e il suo potente aiuto materno, faranno sì che anche noi, ripieni di grazia e fedeli a Dio, ci possiamo unire per sempre al Signore Gesù, secondo la sua stessa promessa: «Chi compie la volontà di Dio, costui è mio fratello, sorella e madre» (Mc, 3,35). Solo chi lo segue, infatti, ed ama come la sua e nostra Madre, parteciperà alla gloria dell’”Assunta”. Per questo Pio XII la pregava ancora così: «O Vergine gloriosa, noi confidiamo che le tue pupille misericordiose si abbassino sulle nostre miserie e sulle nostre angosce, sulle nostre lotte e sulle nostre debolezze; che le tue labbra sorridano alle nostre gioie ed alle nostre vittorie; che Tu senta la voce di Gesù dirti di ognuno di noi, come già del suo discepolo amato,"Ecco il tuo Figlio! "; e noi che ti invochiamo nostra Madre, noi ti prendiamo come Giovanni per guida, forza e consolazione nella nostra vita mortale... affinché apprendiamo fin da quaggiù a gustare Iddio solo».  

Accanto ad ogni creatura che affronta le battaglie della vita e il mistero della sofferenza, della morte e della separazione, c’è vicina la “Madre di Misericordia” che nella sua luce di “Assunta”, infonde la speranza di giungere come Lei alla meta e, come scrive Aldo Ferrabino «quantunque anche non pregata, Ella prega certamente per noi nell’ora della nostra morte. Anche non pregata, Maria è a tutti misericorde, a tutti perdonatrice: intercede per tutti, Colei che è piena di grazia». Ma, dal profondo del nostro cuore di credenti, si può levare con consapevolezza la supplica che lo stesso autore, parafrasando l’invocazione dell’”Ave Maria”: «prega per noi peccatori adesso e nell’ora della nostra morte», così le indirizza: «Prega per noi nell’ora che morremo; prega in quest’ora stessa in cui ti preghiamo: presaghi della morte eppure forti della nostra speranza. La tua preghiera, o Maria, confidiamo che ci valga per quell’ora estrema, quando noi non più potremo pregare, quando con la voce e la luce ci verrà meno il mondo, ma non la speranza che fu tua, non la carità che è tua, e non la tua preghiera: vicaria della nostra, migliore della nostra, pur al di là della nostra. Prega per noi, Maria. T’invochiamo: prega per noi nell’ora della nostra morte. Sì: e Tu pregherai per noi, e con Te pregheranno per noi anche le creature d’amore, dalle quali ci rapisce l’ora della morte, e alle quali ci ricongiunge, presso di Te, con la speranza l’amore, con l’amore la fede: la fede di Cristo, o Madre di Cristo». E Sant’Antonio di Padova, così invocava la Vergine Assunta: «Noi ti supplichiamo, dunque, o nostra Signora, speranza nostra, affinché Tu, Stella del mare, faccia risplendere la tua luce su di noi agitati dalle tempeste di questo mare, ci conduca al porto, conforti con la tua presenza l'ultima nostra ora, così che possiamo uscire con sicurezza da questo carcere e giungere lieti all'ineffabile beatitudine del cielo. Questo ci sia concesso da Colui, che Tu hai portato nel tuo grembo benedetto e che tu hai nutrito con il tuo santo seno». Resti, perciò, viva in noi la raccomandazione che il Beato Giacomo Alberione faceva alle suore da lui fondate: «Maria accompagna l’anima in tutta la vita. E l’assisterà in punto di morte, e l’accoglierà in Paradiso. Quindi, non fate a meno di Maria! Non siate orfane di questa Madre! Siate figlie di Maria, costantemente figlie di Maria».

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Venerdi 8 Giugno 2018, alle ore 8:47:40 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
Offrire e soffrire con Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi