PORTALE DI MARIOLOGIA - La ''Memoria obbligatoria'' del Cuore Immacolato di Maria
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 565
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 81
Iscritti: 0
Totale: 81
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
La ''Memoria obbligatoria'' del Cuore Immacolato di Maria
Culto

Da Corrado Maggioni, L'icona di Maria nella liturgia, in AA. VV.,  La Vergine Maria dal Rinascimento ad oggi, Centro di Cultura Mariana "Madre della Chiesa", Roma 1999, pp. 201-203.

 



La considerazione dell’eccellenza del Cuore di Maria, sottolineata già dai Padri della Chiesa, suscitò nel medioevo una devozione particolare. Il passaggio dalla devozione privata al culto verso il Cuore di Maria è legato all’opera di san Giovanni Eudes (1601-1680), nella cui bolla di beatificazione si dice di lui: «Coronò la sua benemerita opera in favore della Chiesa quando, acceso da singolare amore per i Santissimi Cuori di Gesù e di Maria, concepì per primo – non senza ispirazione divina – l’idea di rendere ad essi culto liturgico». Infatti l’Eudes iniziò a celebrare nella sua Congregazione la festa del Cuore di Maria verso il 1643 (vent’anni dopo anche quella del Cuore di Gesù). Qualche anno dopo, l’8 febbraio 1648, il vescovo di Autun autorizzò la festa per la sua diocesi, chiedendo allo stesso Eudes di comporre i testi per la Messa e l’Ufficio. Ma quando nel 1669 vennero presentati a Roma per essere approvati, i testi furono respinti dalla Sacra Congregazione dei Riti. Lo stesso avvenne una seconda volta nel 1729, nonostante le ripetute insistenze del padre gesuita Gallifet. Quando nel 1765 fu concessa dalla Santa Sede un’ufficiatura propria per la festa del Cuore di Gesù non si pensò di associarvi anche il Cuore di Maria. Sarà Pio VII a concedere nel 1805, con decreto della Sacra Congregazione dei Riti, la facoltà di celebrare la festa del Cuore purissimo di Maria a quanti ne avessero fatta richiesta, prescrivendo di usare per la Messa e l’Ufficio i testi della festa della Madonna della neve (5 agosto).

Si andavano intanto creando le condizioni per muovere un passo ulteriore, rappresentate dal diffondersi di Confraternite e Congregazioni religiose intitolate al Cuore di Maria e dalle rivelazioni avvenute in Rue du Bac a Parigi, nel 1830 (la medaglia miracolosa). Così, sotto Pio IX, nel 1855, furono approvati testi propri per la Messa e l’Ufficio della festa, rifacendosi a quelli composti da san Giovanni Eudes duecento anni prima. La possibilità di usarli era naturalmente riservata a quanti ne avessero fatta esplicita domanda alla Santa Sede. La spinta decisiva che maturò la diffusione della festa in tutta la Chiesa provenne dal movimento fiorito intorno alla «consacrazione al cuore immacolato di Maria». Nel 1864 alcuni vescovi si fecero promotori della consacrazione del mondo al cuore di Maria; e nei voti conclusivi del Congresso di Lione del 1900 si auspicò «che dopo la consacrazione del genere umano al Cuore di Gesù, sia fatta la consacrazione dell’universo alla Vergine, sotto l’invocazione di Regina dell’universo». L’Italia fu il primo paese che, col beneplacito del Papa, attuò tale consacrazione in occasione del Congresso mariano di Torino, nel 1897.

Nel secolo XX la devozione ed il culto cordimariano furono potenziati da nuovi eventi, tra cui risaltano le apparizioni avvenute a Fatima nel 1917, seguite da quelle di Pontevedra nel 1925 (la comunione riparatrice nei primi sabati del mese) e di Tuy (Spagna) nel 1929 (la consacrazione della Russia). Nel 1942, durante la seconda guerra mondiale, nel 25° anniversario delle apparizioni di Fatima, Pio XII consacrava la Chiesa ed il genere umano al cuore immacolato di Maria. Due anni dopo, con decreto del maggio 1944 la Sacra Congregazione dei Riti estendeva la festività del Cuore immacolato di Maria a tutta la Chiesa latina, fissandone la data al 22 di agosto, ottava dell’Assunzione. Nella revisione post-conciliare del Calendario romano la memoria facoltativa del Cuore di Maria è stata opportunamente fissata per il giorno successivo alla solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, in modo da porre in risalto la relazione tra i due Cuori. Con decreto del 1° gennaio 1996, sulla base di numerose richieste giunte alla Santa Sede, la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha disposto che sia celebrata col grado di memoria obbligatoria.

I testi liturgici convergono naturalmente a mettere in luce il cuore di Maria, perfettamente illuminato dal mistero di Cristo. Per il pensiero biblico, il cuore rappresenta il centro sintetico di tutta la vita interiore: è principio di vita, memoria, conoscenza, spiritualità. Dal cuore si sprigionano le energie psico-affettive ed intellettive; nel cuore fioriscono e maturano le relazioni personali con Dio e con gli altri, e si consumano le scelte buone o cattive. Riferito a Maria, il cuore è sinonimo del luogo in cui l’Eterno si è incontrato vitalmente con lei. Dio, infatti, parla al cuore, là dove uno è assolutamente e irripetibilmente se stesso. E Maria di Nazaret ha risposto al volere divino con tutta se stessa: spirito, intelligenza e corpo. Il sì decisivo l’ha pronunciato col cuore pieno di fede: del suo cuore, che ama anche quando non vede tutto chiaro, parla il testo evangelico del ritrovamento di Gesù al tempio, indicato per la messa: Lc 2,41-51.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Sabato 29 Giugno 2019, alle ore 10:07:09 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Culto
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Culto:
Solennità, Feste e Memorie della B. Vergine Maria

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Culto

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi