PORTALE DI MARIOLOGIA - Il patronato di Maria
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 541
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 143
Iscritti: 0
Totale: 143
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Il patronato di Maria 
Medioevo

Un articolo su La Madonna della Neve, n. 2 - febbraio 2021, pp. 4-5.

 



Maria è avvocata di tutti i fedeli ma tutti vogliono averla tutta per sé - Nel medioevo si spiega così la categoria della elezione - E i Carmelitani non sono da meno rispetto alle altre famiglie religiose - Tra essi emergono teologi e umanisti come John Baconthorpe e Arnoldo Bostio.

Nel medioevo, se è condivisa la convinzione che Maria si è assunta il compito di proteggere e difendere il popolo cristiano al cospetto del tribunale divino, sono gli Ordini religiosi quelli che vantano di possedere una particolare attenzione della Madre di Dio nei loro confronti. E all'interno degli Ordini mendicanti, si distinguono i Carmelitani. Questa convinzione si diffonde attraverso il racconto dei benefici e dei miracoli che la Vergine ha riservato all'Ordine, che vanta di averla avuta, quando era ancora su questa terra, come ospite sul monte Carmelo. Lì, infatti, prima ancora della venuta di Cristo si erano raccolti quei "figli dei profeti" che, a imitazione di Elia, custodivano la presenza del Signore. Ma non mancano più accurate riflessioni sulla missione di Maria come "avvocata". Tra i numerosi autori, si distingue in modo particolare John Baconthorpe, filosofo e teologo scolastico, detto "doctor resolutus", vissuto in Inghilterra nella prima metà del XIV secolo (†1346 ca), "magister" a Oxford e Cambridge. Maria, nei confronti dei suo "fratelli", si mostra un incomparabile esempio da imitare e una potente mediatrice: «Perciò è davvero opportuna fra i Carmelitani l'usanza di invocare Maria, loro speciale avvocata, dopo ogni ora canonica, recitando, in ginocchio, la "Salve Regina". Giustamente questo Ordine è ancor più venerato per il fatto che possiede un'avvocata così grande; perciò tutti potranno dire, riferendosi ad esso: "Grazie a Lei riceverai lode"» (Laus religionis carmelitanae).

Clementissima avvocata

E Spiega: «Se Maria è già Mediatrice fra Dio e l'umanità ed è clementissima avvocata di tutti, in uno sguardo di fede stabile e riconoscente, essa appare come colei che si prende speciale cura di coloro che le sono particolarmente affidati, ritenendoli suoi familiari a diritto speciale. Come ogni stella differisce da un'altra, così ci sono diversi gradi in ogni famiglia; quelli che possiedono un titolo speciale, si trovano più vicini al Signore della casa. Davvero i Carmelitani hanno ottenuto, a titolo speciale, che Maria fosse loro avvocata, senza altro intermediario celeste, dopo il Signore, come dimostra il vincolo della loro professione. Perciò, per diritto e per gratitudine, lei sarà più vicina a loro che a tutti gli altri. E poiché essi sono più cari a Maria e di conseguenza più vicini al Figlio suo, a questi Fratelli essa può dire "Fratelli miei carissimi e tanto desiderati, rimanete saldi nel Signore (Fil 4,1)"» (Laus religionis carmelitanae). Un altro autore che con grande abilità retorica ha evidenziato la cura di Maria per i Carmelitani, è stato il fiammingo Arnoldo Bostic (1445-1499). Grazie alla sua preparazione teologica e culturale e all'esemplarità della sua vita, i Carmelitani furono attivamente coinvolti nel movimento umanistico della seconda metà del XV secolo. La riflessione sull'azione di protezione esercitata da Maria sui suoi fedeli è resa, secondo lo stile tipico del tempo, nella forma del dialogo tra Gesù (la giustizia) e Maria (la misericordia). Nell'opera, il "Patronato e il patrocinio della beata Vergine Maria", Bostio scrive: «Maria è zelantissima nel proteggere i suoi figli; a tal punto che quelle parole del più soave dei profeti, Mosè: "lo dò la morte e dò la vita" (Dt 32,39) possono essere intese come dialogo tra nostro Signore Gesù Cristo e la sua dolcissima Madre. Se il Figlio di Dio, per esigenze di giustizia, dicesse: "Farò morire questo ingiusto fedele", risponderebbe la Vergine clementissima: "E io lo farò vivere, per mezzo della misericordia, perché sono la Madre della misericordia". Se egli, un po' rabbonito, ancora insistesse: "Lo percuoterò perché sono gravemente offeso, ella, che è la fonte della pietà, aggiungerebbe: "E io lo salverò, perché sono piena di grazia, e non c'è chi me lo possa strappare dalle mani". Solo lei, fra le creature, può dispensare doni in abbondanza a chi vuole e come vuole».

Misericordia e giustizia

E il richiamo alla Scrittura giustifica i benefici compiuti da Maria: «La preghiera della Vergine Maria poggia sulla giustizia, perché non è lecito a un figlio negare qualcosa a sua madre; come Salomone dice a sua madre Betsabea: "Chiedimi quello che vuoi perché non è lecito che io ti neghi qualcosa" (1Re 2,20). E perciò a quella sublime e potentissima Signora canta la Chiesa: "Il Figlio ti onora, non negandoti niente. Le preghiere dei santi e degli angeli, invece, si fondano sulla grazia e sulla pura liberalità di Dio. Maria, per i suoi meriti e per le sue preghiere, ha ottenuto la grazia della conversione a innumerevoli peccatori induriti e maligni. Ha salvato tanti già sicuri della loro dannazione; molti annegati nelle acque; tanti sorpresi da morte improvvisa, poiché si erano raccomandati al suo patrocinio quando erano in vita. Tanti che erano morti senza un salutare pentimento li sottrasse potentemente alle fauci del diavolo e li riportò in vita perché potessero fare penitenza». Insomma, ella è più abile nel salvare i peccatori di quanto non sia il diavolo nel procurare la loro dannazione. «Chi sarebbe in grado di spiegare con quanta giustizia o con quale diritto ella salvi quelli che potrebbero dannarsi e quelli che sono morti in peccato mortale senza avere fatto penitenza? É certo però che lo fa senza ledere la giustizia.[...] É così esuberante questa fontana di misericordia, che i suoi gesti di pietà sono inesauribili, pur rimanendo sempre integro e intaccato il sigillo della giustizia. Con arte e ingegnosità ella sa dispensare la misericordia senza nuocere alla giustizia». Salvare la misericordia, senza nuocere alla giustizia, questa è la missione di Maria. «Non si può dubitare che ella sia sempre disposta a soccorrere i suoi devoti, poiché è lei che genera la vita, procura il perdono; è Madre di grazia, Fonte di pietà, Imperatrice di clemenza, Regina di misericordia. La Trinità divina la scelse a condividere il suo regno, perché quelli che hanno paura della giustizia possano accorrere al trono della Madre di misericordia: decretò di non negar nulla ai suoi meriti e alle sue suppliche. "É meglio che non parli chi dice di aver avuto la sensazione che la soavissima Maria, invocata nelle necessità, abbia fatto mancare la sua misericordia". Così si esprime il devoto Bernardo, nutrito in modo particolare del suo latte. In lei sta ogni speranza di vita e di virtù».

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Giovedi 25 Febbraio 2021, alle ore 9:39:10 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Medioevo
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Medioevo:
05. Alcuni aspetti della Mariologia medievale - Madonna e cultura medievale

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Medioevo

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi