PORTALE DI MARIOLOGIA - Splendore della Santità di Dio
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 624
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 65
Iscritti: 0
Totale: 65
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Splendore della Santità di Dio 
Culto

Una riflessione litugico-pastorale sulla solennità dell'Immacolata Concezione di Gabriele Maria Pellettieri, in Missio Mariae 9 (2004) n. 34, pp. 8-9.

 



L'8 dicembre la Chiesa celebra la Solennità dell'Immacolata Concezione di Maria. Con gioia inesprimibile la Chiesa, in tal modo, c'invita ad unirci al coro degli Angeli ed al giubilo delle anime beate del Paradiso per festeggiare la Vergine Maria in uno dei suoi privilegi più eccelsi che fa di Lei la creatura più santa che la terra abbia mai conosciuto e l'immagine più sublime della santità di Dio. La solennità mariana non disdice affatto con il tempo liturgico dell'Avvento, anzi, nella luce radiosa dell'Immacolata, l'Avvento viene compreso nella pienezza del suo vero significato, come tempo gioioso di attesa e di intensa preparazione alla nascita di Gesù. La Vergine Maria ha vissuto in modo unico l'attesa della Nascita del Redentore, che portava nel suo grembo verginale. Per questo possiamo affermare che l'Avvento è il tempo liturgico più mariano dell''anno.
Il privilegio dell'immacolata Concezione è una verità di fede definita dogmaticamente nel 1854 dal beato Pio IX. Il Papa, nel decreto di definizione, affermava: «è dottrina rivelata da Dio che la Vergine Maria fu preservata immune da ogni macchia del peccato originale dal primo istante della sua concezione». Questa definizione era il coronamento di un culto tributato dal popolo di Dio che, da tempi remotissimi, invocava e celebrava la Madonna col titolo di «Immacolata».
La Vergine Maria, nel suo privilegio di esenzione da ogni macchia di peccato originale, costituisce il segno concreto del compimento da parte di Dio della volontà di salvare l'uomo e della sua fedeltà alle promesse antiche. Inoltre, l'Immacolata, che già sulla terra brillava radiosa nello splendore della sua santità, rappresenta il modello sublime della nostra meta finale, ossia di ciò che noi diventeremo al termine del nostro cammino terreno: «santi e immacolati» (Ef 1,4) al cospetto di Dio, come afferma san Paolo nella seconda lettura della Messa del giorno.
Il privilegio dell'Immacolata Concezione di Maria, non dice solo assenza da ogni macchia di peccato, ma significa soprattutto pienezza della grazia di Dio. L'Immacolata, infatti, è il trionfo della grazia e della santità di Dio. La sua bellezza, lo splendore dei suoi privilegi e delle sue virtù, fanno di Lei una creatura più divina che umana, l'unica, sbocciata sulla terra, degna di attirare lo sguardo e la compiacenza di Dio. L'Immacolata è la Donna vagheggiata all'inizio dei tempi e da Dio promessa come Madre del Redentore: «Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: questa ti schiaccerà la testa e tu le insidierai il calcagno» (Gn 3,15); è la Donna che, nella pienezza dei tempi, diventa la Madre di Gesù e, per la sua piena collaborazione alla Redenzione del Figlio, la Corredentrice universale del genere umano; è la Donna che appare «vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle» (Ap 12,1), la Vincitrice del «drago rosso», di satana, Colei che porterà le schiere dei figli di Dio alla vittoria finale.
Nel nome dell'Immacolata, segno grandioso di speranza per l'umanità, si apre e si chiude la storia della salvezza. Di Lei parla la Bibbia all'inizio dei tempi (Genesi), nella pienezza dei tempi (Vangeli) e alla fine dei tempi (Apocalisse). Il Vangelo proclamato all'assemblea radunatasi per celebrare la solennità, propone  una pagina fondamentale della nostra salvezza: il racconto dell'Annunciazione. Dio ha trovato nella Vergine immacolata la nuova Eva disposta ad accettare il suo piano e a fare sempre la divina Volontà. Alla proposta dell'Angelo di diventare la Madre del Verbo Incarnato, Ella risponde con profonda umiltà: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto» (Lc 1,38). In quel momento l'Immacolata, riparando il peccato e la disobbedienza di Eva, dava inizio all'opera della Redenzione, con l'incarnazione del Verbo di Dio nel suo seno verginale.
Guardando alla Vergine Maria nello splendore della sua eccelsa santità, ci appare ancora più evidente la terribile realtà del peccato, di cui solo i Santi avvertono fino in fondo la bruttezza, la gravità e i terribili effetti che produce nell'anima e sull'umanità intera.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Sabato 1 Ottobre 2011, alle ore 16:56:30 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Culto
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Culto:
Solennità, Feste e Memorie della B. Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Culto

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.16 Secondi