PORTALE DI MARIOLOGIA - Una lacrima dall'occhio destro
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 548
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 139
Iscritti: 0
Totale: 139
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Una lacrima dall'occhio destro 
MariofanieL'evento miracoloso di Dongo del 6 settembre 1553 in un articolo di Mario Morra, in Maria Ausiliatrice, Anno XXXII, n 5 2011, pp. 46-47

Dongo è un comune di circa 3.500 abitanti, in provincia di Como, posto sulla costa nord-occidentale del Lago, presso la foce del torrente Albano. Il semplice nome richiama alla nostra memoria i tragici avvenimenti per l’Italia della seconda guerra mondiale. La città di Dongo però è conosciuta in modo speciale per il Santuario della Madonna delle Lacrime.

Il fatto miracoloso

 Fin dal 1500, sul muro ad angolo che racchiude una vecchia vigna, si trova una modestissima Cappella sulla quale è dipinta ad affresco l’Immagine di Maria che sorregge il Bambino Gesù. Per il fatto di trovarsi vicino al torrente Albano è chiamata la Madonna del Fiume. In una esondazione del torrente le acque invadono ogni cosa circostante; il muro di cinta della vigna crolla, ma rimane intatta la Cappella della Madonna. Questo fatto è ritenuto quasi miracoloso dai fedeli. Il 6 settembre 1553 verso sera, l’Immagine è vista stillare una lacrima dall’occhio destro. A quella lacrima ne seguono altre, notate da alcuni passanti i quali, ricolmi di stupore, gridano subito al miracolo. La prima ad avvedersene ed a promulgare la notizia è una certa Maria de’ Matti; ella corre ad avvisare il curato don Bernardo Bonizio il quale pone un calice sotto l’immagine per raccogliere le lacrime. Il fatto prodigioso viene sottoposto a regolare esame ed a processo canonico istituito dal vescovo di Como mons. Filippo Archinti; ad esso sono chiamati i testimoni oculari che depongono con giuramento la verità delle loro dichiarazioni. La devozione alla Madonna che pian - ge si propaga in modo straordinario. Da ogni sponda del lago i fedeli accorrono ad implorare grazie e protezione. Dal giorno della lacrimazione la Madonna del Fiume viene chiamata Madonna del Miracolo, ed in seguito Madonna delle Lacrime. Ben presto, la piccola Cappella con l’Immagine della Madonna si rivela troppo angusta a contenere il concorso dei devoti, sempre più numerosi. Lo stesso anno del miracolo, la cappella viene racchiusa in una chiesa più ampia di forma semicircolare, intitolata alla Natività di Maria che, con il tempo assume le dimensioni del Santuario attuale.

Le lacrime di una Madre

 La storia ci ricorda altri casi nei quali la Madonna piange: a Treviglio, a Lezzeno e a Dongo, quasi nel medesimo periodo di tempo. Viene quindi spontanea la domanda: perché la Madonna piange? E la risposta non può che essere una sola: perché è mamma e soffre per le sventure che colpiscono i suoi figli; per richiamarli sulla via del bene, ricordando loro che il peccato rinnova la morte del suo amato Gesù, causa del suo dolore ai piedi della Croce. Proprio in quel tempo, si stanno diffondendo in Europa dottrine contrarie alla fede cattolica, di ribellione e di odio contro il Papa di Roma. La Madonna, con le lacrime, supplica i suoi figli a rimanere fedeli al Vangelo del suo Gesù, vincendo l’odio ed ogni divisione. Numerose sono le grazie, esaminate e riconosciute dalle autorità, che la Madonna delle Lacrime ha concesso nel corso degli anni. Particolare protezione hanno sperimentato gli abitanti di Dongo durante la terribile peste che tante vittime ha causato attorno al 1630. Durante la seconda guerra mondiale il vescovo di Como, mons. Alessandro Macchi, si rivolge alla Madonna delle Lacrime: implora ed ottiene che la popolazione sia risparmiata dai massacri. Per questo la Statua di Maria, incoronata la prima volta nel 1904, viene incoronata una seconda volta il 21 ottobre 1945 dal beato cardinale Alfredo Ildefonso Schuster.

Inserito Giovedi 23 Agosto 2012, alle ore 11:26:49 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Mariofanie
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Mariofanie:
Medjugorje: Comunicazione del Nunzio Apostolico USA Mons. Carlo Maria Viganò

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Mariofanie

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.18 Secondi