PORTALE DI MARIOLOGIA - La concezione immacolata e l'assunzione al cielo
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 565
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 155
Iscritti: 0
Totale: 155
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
La concezione immacolata e l'assunzione al cielo
Dogmi

Dal libro: Pontificia Academia Mariana Internationalis, La Madre del Signore. Memoria presenza speranza, Città del Vaticano 2000, pp. 61-78.



1. IL DONO E IL SEGNO DELLA CONCEZIONE IMMACOLATA DI MARIA

1.1. Il Dogma
L’8 dicembre 1854 Pio IX definì in questi termini la concezione immacolata di Ma-ria: "la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria nel primo istante della sua concezione, per singolare grazia e privilegio di Dio onnipotente, in vista dei meriti di Gesù Cristo, salvatore del genere umano, è stata preservata immune da ogni macchia di pec-cato originale, è stata rivelata da Dio e perciò si deve credere fermamente e inviolabil-mente da tutti i fedeli". Quell’atto definitorio chiuse un lunghissimo processo storico che, in vario modo, coinvolse tutta la Chiesa cattolica: i fedeli con il loro sensus fidei, i teologi con una travagliata elaborazione dottrinale, i papi con un’azione di vigilanza e moderazione, di chiarificazione e promozione. Questo dogma definito nel 1854 è, in quanto tale, vincolante e irriformabile. Ma esso, come ogni altra definizione dogmatica, è stato formulato in un preciso contesto culturale, condizionato sia dal divenire storico che dai processi linguistici. Aprendo il Concilio Ecumenico Vaticano II, Giovanni XXIII ebbe a dire: "una cosa è….il deposito stesso della fede, vale a dire le verità contenute nella nostra dottrina, e altra cosa è la forma con qui quelle vengono enunciate, conservando ad esse tuttavia lo stesso senso e la stessa portata". Nulla vieta, dunque che, salvo il senso originale del dogma, esso sia ulteriormente approfondito e riproposto in un linguaggio consono alle va-rie culture.

1.2. L’odierna riflessione teologica
L’odierna riflessione teologica è impegnata ad approfondire alcuni punti di vista nuovi riguardo al dogma del concepimento immacolato di Maria e ne prospetta una rilettura:
- alla luce dell’amore salvifico di Dio Trinità. La concezione immacolata è, infatti, frutto della sola grazia, un puro dono della Trinità santa per cui l’evento testimonia che Maria fu giustificata dalla sola grazia e non dai suoi meriti;
- in chiave cristologica, soteriologica e pasquale: cristologica, perché evidenzia l’impossibilita per il Verbo di Dio, il Totalmente Santo, di prendere l’umana natura da una creatura soggetta, sia pure per brevissimo tempo, al dominio del maligno, per cui la conce-zione immacolata appare un requisito preliminare all’incarnazione del Verbo, la prepara-zione della sua degna dimora sulla terra; soteriologica, perché mette in luce l’universalità della redenzione rivelando che la Vergine è di essa il frutto più eccelso, dato che è santa e immacolata al cospetto di Dio, proprio in virtù del sangue versato dal Figlio che l’ha redenta in modo sublime; pasquale, perché l’espressione della definizione "in vista dei meriti di Gesù Cristo" è da riferire soprattutto all’evento della Pasqua, per cui la concezione immacolata non è altro che l’anticipazione e la primizia dell’efficacia salvifica della Pasqua;
- in chiave pneumatologica ed ecclesiologica: pneumatologica, perché mettendo in rilievo la presenza santificatrice dello Spirito Santo nel concepimento di Maria, supera l’insufficienza dell’impostazione negativa – preservazione dal peccato originale – tipica del percorso storico che determinò la definizione del 1854, a vantaggio dell’impostazione positiva – pienezza di grazia/dono dello Spirito – a cui la teologia orientale è molto sensibile; ecclesiologica, perché la Chiesa riconosce nell’immacolata, la realizzazione del progetto di Dio sul nuovo popolo messianico, nella sua espressione più alta che è quella sponsale, di cui è il prototipo. La liturgia dell’8 dicembre, infatti, pone sulle labbra di Maria le parole del Cantico: "Esulto e gioisco nel Signore[…..] perché mi ha avvolto con il manto della giustizia, come una sposa adorna di gioielli", perché la sua concezione immacolata ha segnato l’inizio della Chiesa, sposa di Cristo, senza macchia e senza ruga, splendente di bellezza.

1.3. Il dogma e la dottrina del peccato originale
Uno dei compiti dell’odierna riflessione teologica è anche quello di dare una solu-zione ai nodi in cui il dogma definito da Pio IX viene a trovarsi nei confronti della dottrina sul peccato originale, la quale, pur prescindendo dalle posizioni più radicali che negano l’esistenza stessa di tale peccato, è oggetto di una vasta rivisitazione ermeneutica. Più che sotto l’aspetto negativo del peccato, la Concezione Immacolata deve essere letta sotto l’aspetto positivo, come segno forte della grazia di Dio operante nella creatura e come dono trinitario di amore che origina un’esistenza tutta protesa all’accoglienza rico-noscente e all’amore senza limiti. Questa lettura attribuisce alla concezione immacolata quattro significati fondamentali:
1. Maria compie in sé l’esistenza umana quale Dio l’ha voluta: ella è donna orientata verso l’alto, non piegata dal peso del peccato, non ripiegata su se stessa ma aperta totalmente all’amore di Dio, degli uomini, della creazione; non è schiava segnata dal marchio del nemico di Dio e del genere umano, ma è la figlia prediletta del Padre e porta fin dall’inizio il suo sigillo sulla fronte (Ap 9,4; cf 7,3);
2. In Maria, donna storica dal cuore puro e ignaro della discordia, si è resa viva e concreta la speranza dell’umanità che cerca un futuro di pace e di giustizia, di fraternità e di armonia;
3. Maria è lo specchio dell’esistenza discepolare perché l’essere immacolata e piena di grazia, non la esime dalla sua condizione terrena con tutto ciò che essa comporta di sof-ferenza e opacità, di lotta interiore e di partecipazione alle passioni dell’esistenza. Anche lei ha dovuto crescere nella fede, progredire nella speranza posta a dura prova, orientare il suo amore verso Dio e verso Giuseppe di Nazaret, verso il Figlio di Dio e la comunità ecclesiale, verso tutti gli uomini e tutte le donne, suoi fratelli e sue sorelle;
4. In Maria risplende la forma vera e pura della bellezza senza menzogna, senza turbamento, ma come riverbero della bontà e splendore della verità, una bellezza che è perfe-zione e armonia, semplicità e trasparenza.

2. IL DONO E IL SEGNO DELL’ASSUNZIONE AL CIELO DI MARIA

2.1. La definizione dogmatica
Anche l’Assunzione al cielo di Maria è un evento che appartiene alla storia della sal-vezza, dono di Dio e segno di grazia per la Chiesa, le donne e gli uomini di ogni tempo. La definizione dogmatica di Pio XII (1° novembre 1950), ratifica una dottrina sufficiente-mente elaborata sulla sorte finale di Maria e professata dalla Chiesa fin dai tempi antichi. La definizione dogmatica di Pio XII suona così: "….Per l’autorità di Nostro Signore Gesù Cristo, dei santi a apostoli Pietro e Paolo e Nostra pronunciamo, dichiariamo e defi-niamo essere dogma di fede che: l’Immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della sua vita terrena fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo….".
Questa formulazione dogmatica che fu motivo di grande gioia per la Chiesa Cattolica, causò un grave disappunto nella Chiesa Ortodossa, nella Comunità Anglicana e nelle Chiese della Riforma e aprì in campo ecumenico un nuovo contenzioso dottrinale. Presen-tare la dottrina dell’Assunzione al cielo di Maria è oggi particolarmente difficile non tanto a motivo dell’oggetto preciso della definizione di Pio XII, quanto a causa delle molteplici implicazioni che essa ha con l’escatologia, una disciplina piena di fermenti e proposte, spesso non condivise da tutti i teologi e poco armonizzate con l’insegnamento della Chiesa. In ogni caso una ordinata esposizione del mistero dell’Assunta:
- non può ignorare l’indole dell’intervento magisteriale di Pio XII, né svuotarlo di significato;
- non può esimersi dall’affrontare i numerosi problemi suscitati dall’enunciato dogmatico, come la morte di Maria, la natura del privilegio dell’Assunzione e il fondamento biblico del dogma;
- non può sottovalutare la sua multiforme natura di segno per gli uomini e le donne di ogni tempo.

2.2. La morte di Maria
Mentre la Tradizione asserisce comunemente la morte di Maria, Pio XII volle tuttavia lasciarla fuori dalla definizione dogmatica, rafforzando con questo il movimento immortalista che ancora sussiste ma che oggi ha perso molto terreno. L’ipotesi, infatti, che la Vergine non sia morta intacca pesantemente lo stretto parallelismo che viene invocato per suffragare, dal punto di vista della consonanza con le altre verità rivelate, la dottrina della glorificazione corporale di Maria. Come per Gesù, l’Assunta è un evento implicante una morte e una resurrezione, non intesa semplicemente come rianimazione di un cadavere ma come un atto creativo di Dio, del quale tuttavia sconosciamo le modalità. Molti teologi e lo stesso Giovanni Paolo II, parlano di "morte naturale" di Maria che, vista però dal punto di vista dell’atteggiamento spirituale con cui la Madre di Dio l’ha affrontata, è perfettamente compatibile con la visione della "Dormitio" tipica delle liturgie orientali e della "morte d’amore" di cui parlano non pochi mistici e una corrente teologica. Qualunque sia il "fatto organico e biologico" che causò, sotto l’aspetto fisico, la cessazione della vita del corpo, si può dire che il passaggio da questa all’altra vita, fu per Maria una maturazione della grazia nella gloria, così che mai, come in quel caso, la morte può essere concepita come una "dormizione", una morte "nell’amore, a causa dell’amore e per amore", come afferma S. Francesco di Sales. A prescindere quindi dai motivi naturali, Maria morì totalmente nell’amore e morì d’amore per suo Figlio.

2.3. Natura del "privilegio" dell’Assunzione
a) Alcuni teologi ritengono che il "privilegio" dell’Assunzione, non consista nella glorificazione corporale di Maria sia per il fatto che tutti i cristiani sono chiamati ad essere glorificati nel loro corpo e nella loro anima e sia perché non si può in assoluto escludere che alcuni giusti siano anch’essi corporalmente glorificati in cielo come si crede di Enoch (Gn 5,24), di Elia (2 Re 2,1; Sir 48,9), dei Patriarchi (tradizione giudaica) e dei martiri cristiani (Ap 6, 9-11).
In risposta a questa ipotesi, considerando anche seriamente la tradizione teologica dell’Oriente e dell’Occidente e, in primo luogo, i testi della santa Liturgia, dobbiamo invece affermare che:
- L’evento dell’Assunzione riguarda anche il corpo di Maria, dimora verginale del Verbo incarnato e che proprio per questo, secondo il sensus fidei, non poté subire la corruzione e il disfacimento conseguenti alla morte ma fu, in un modo che ignoriamo, portato in cielo;
- Nella piena e totale sua glorificazione, Maria anticipa la sorte futura di tutti i giusti: nella sua condizione di Assunta, la Vergine è già quello che la Chiesa tutta desidera e spera di essere.
b) Altre teologi negano il "privilegio" dell’Assunzione perché affermano che tutti i morti in Cristo risorgono nella morte, raggiungono cioè immediatamente dopo il decesso la loro pienezza escatologica.
Contro questa posizione il Magistero della Chiesa:
- ha più volte ribadito la dottrina tradizionale che propugna la singolarità del caso di Maria, escludendo ogni spiegazione che toglierebbe il suo senso all’Assunzione in ciò che essa ha di unico, ossia il fatto della glorificazione corporea come anticipazione della glorificazione riservata a tutti i giusti;
- ha rilevato l’importanza dell’Ultimo giorno, la Parusia di Cristo, in cui avrà luogo la resurrezione dei morti;
- ha sostenuto l’esistenza di un tempo di attesa o distanza escatologica tra il mo-mento della morte (qui, ora) e l’evento della resurrezione dei morti (alla fine dei tempi) proclamata dai simboli di fede con le parole: "Aspetto la resurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà".
La Vergine Santissima, l’Immacolata, dunque – come afferma Paolo VI nella Solem-nis Professio fidei del 30 giugno 1968 - "associata ai misteri dell’Incarnazione e della Redenzione con un vincolo stretto e indissolubile, al termine della sua vita terrena, è stata elevata in corpo e anima alla gloria celeste e configurata a suo Figlio risorto, anticipando la sorte futura di tutti i giusti".

2.4. Fondamento biblico del dogma dell’Assunzione
Quello del fondamento biblico del dogma dell’Assunta è un altro dei numerosi pro-blemi suscitati dalla definizione di Pio XII. L’argomento decisivo che consentì il pronun-ciamento fu la constatazione dell’assenso unanime dei pastori e dei fedeli. Pio XII afferma, tuttavia, che però questa verità è fondata sulla S. Scrittura, introducendo una distin-zione, ancora oggi poco valutata, tra verità asserite e verità che trovano in essa il loro fondamento, come senza dubbio è il caso dell’Assunzione. Oggi bisognerebbe ammettere che non è affatto contro la Scrittura ammettere che in alcuni casi essa segna un orientamento costante il quale, sotto l’assistenza dello Spirito di verità, viene sviluppato dalla riflessione teologica e dalla meditazione ecclesiale. Necessario sarebbe, invece, approfondire teologicamente la natura, il valore, i limiti e le leggi di questo orientamento o lettura globale della S. Scrittura.

2.5. L’Assunta "segno" di un destino di gloria
Dopo il Cristo risorto, la Vergine assunta è segno della dignità dell’uomo e del suo destino di gloria. Ambedue gli eventi ci dicono che il destino dell’uomo, creato a immagine e somiglianza di Dio (Gn 1,26-27) non è il disfacimento dell’essere e il suo dissolvi-mento nel nulla, ma la sua piena realizzazione e la totale conformità a Cristo, fino a rag-giungere lo stato di uomo perfetto o, come dicono gli orientali, la divinizzazione (Ef 4,13). Unita strettamente al Figlio, Maria è immersa nella vita trinitaria e indica alle schiere infinite dei santi quell'umanità gloriosa di Cristo che ha loro permesso di conoscere la sal-vezza e di inabissarsi anch’essi nel divino. Maria assunta è la piena realizzazione della vocazione dell’uomo, la sola degna di lui: come essere avvolto dalla gloria del Dio vivente e riverberarla in un canto di piena lode, in incessante risposta d’amore.

2.6. L’Assunta "segno" del valore del corpo
Secondo i racconti simbolici della Genesi, Dio ha plasmato il corpo dell’uomo e della donna (Gn 1,26-27; 2,7.21-33) e, secondo il suo misericordioso piano di salvezza ha voluto che il Figlio, nella pienezza del tempo, prendesse un vero corpo da una donna (Gal 4,4), Maria di Nazaret. Contro ogni docetismo la Chiesa ha rivendicato sempre la realtà storica di questo evento: nel suo utero la Vergine ha concepito realmente il Verbo secondo la natura umana, lo ha portato in grembo durante la gravidanza, lo ha dato alla luce e lo ha allattato al suo seno. Il corpo di Maria è stato perciò veramente lo "spazio" abitato dal Verbo, per cui la pietà cristiana ha a Lei applicato i più alti simboli cultuali dell’antico po-polo dell’alleanza che definiscono il luogo della presenza di Dio: arca, nube, tenda, tempio, santo dei santi. Ma la presenza del Verbo, ha reso il corpo di Maria uno "spazio soteriolo-gico" perché Dio ha liberato e salvato l’uomo con i misteri della carne del Salvatore, quella carne assunta dal corpo immacolato di Lei. L’Incarnazione del Verbo e l’Assunzione di Maria hanno riscattato il corpo umano, in articolare il corpo femminile dalla sprezzante considerazione in cui era tenuto in molti settori della cultura antica: Celso riteneva l’immagine del Figlio di Dio nel corpo di una donna una cosa aberrante, impensabile, as-surda e indegna di Dio. Il Padre, invece, nel suo imperscrutabile disegno di salvezza, aveva iscritto proprio nell’abbassamento del suo Unigenito il trionfo della Resurrezione e la glo-ria dell’Assunzione. La donna che contempla l’Assunta, vede:
- restituita la sua dignità;
- reso santo il suo corpo, oggetto di molte profanazioni;
- ribadito il valore della corporeità femminile integrata in seno al mistero di Dio;
- anticipato il destino che sarà di tutte le donne.

2.7. L’Assunta "primizia" e "immagine escatologica" della Chiesa
La Chiesa non ha sulla terra una stabile dimora ma è un popolo in cammino verso il suo compimento che avrà luogo solo nella gloria del cielo, quando tutta la creazione – uo-mo e cosmo – saranno ricapitolati in Cristo (Ef 1,10; Col 1,20; 2Pt 13,10-13). Mentre la Munificentissimus Deus di Pio XII metteva in risalto i profondi risvolti cristologici dell’Assunzione, il Concilio Vaticano II e la teologia odierna mettono in luce, invece, la dimensione ecclesiologica, per cui l’Assunta è:
- Primizia della Chiesa: in senso teologico e cronologico. In lei, primo membro del popolo sacerdotale e santo entrato nel santuario del cielo, la Chiesa ha raggiunto quella pienezza di perfezione che la rende senza macchia e senza ruga e perfettamente unita al Signore. In Maria santa, vergine, madre, sposa, discepola e assunta, la Chiesa vede riflessa se stessa, nella sua missione sulla terra, nel suo compiersi escatologico;
- Icona della Chiesa: dinanzi alla Chiesa ancora pellegrina sulla terra, l’Assunta risplende come la creatura umana giunta alla pienezza della sua vocazione divina, come il prototipo della Chiesa escatologica. Maria però non è un’icona statica ma dinamica: è sin-tesi del progetto di grazia che Dio per Cristo nello Spirito ha compiuto e compie a favore del genere umano ed è soprattutto incitamento e stimolo a percorrere con gioia la via tracciata da Dio per l’attuazione del suo disegno salvifico.

2.8. L’Assunta "segno" di speranza e di consolazione
La Chiesa proclama che Cristo è la nostra suprema speranza, la speranza della gloria (Col 1, 26-27); tuttavia essa accoglie anche altri segni di speranza e consolazione che il Signore ha disseminato lungo il suo cammino, in particolare la santa Madre di Gesù. Sulla terra – afferma la Lumen Gentium al n. 68 – ella brilla come un segno di sicura speranza e di consolazione per il popolo di Dio in marcia, fino a quando verrà il giorno del Signore. La Chiesa in cammino, nei secoli della sua storia, ha sperimentato l’intervento materno di Maria che indica a tutte le generazioni Gesù quale via, verità e vita e risplende, nel buio della storia come la "stella del mare" che orienta i naviganti verso Cristo, ultimo e sicuro approdo.

2.9. L’Assunta "segno" centrale della Comunione dei santi
La Chiesa del cielo e quella della terra non sono due realtà divise, ma due fasi dell’unico mistero ecclesiale e, secondo la fede perenne della Chiesa, comunicano tra di loro. I membri della Chiesa celeste intercedono in favore degli uomini ancora in cammino in mezzo a pericoli ed affanni; i membri della Chiesa terrestre venerano e invocano i fratelli e le sorelle giunte nella patria beata. In modo particolare essi invocano "la gloriosa e sempre vergine Maria Madre del nostro Dio e Signore Gesù Cristo" che prolunga nella Chiesa celeste la posizione centrale che ebbe nella Comunità orante del Cenacolo. Per la sua condizione di Assunta, pienamente glorificata e per la sua somma vicinanza al Figlio, Maria è il punto centrale dell’incontro tra gli abitanti del cielo e quelli della terra; è la voce più pura della lode e la più efficace nell’implorazione; è presenza materna e benigna che fa crescere nelle comunità discepolari il senso di fraternità e di famiglia; è presente dove è presente il Figlio quale Sommo Sacerdote della Liturgia eterna; è segno che la liberazione del cosmo è già in atto, perché nel suo corpo glorioso di Assunta, la creazione materiale comincia ad essere parte del corpo resuscitato di Cristo.

2.10. L’Assunta "segno" dello stile di Dio
Infine l’Assunta dimostra la continuità dell’agire di Dio che predilige i piccoli e gli uomini, che solleva l’indigente dalla polvere per farlo sedere tra i principi del suo popolo (Sal 113,7-8; 1Sam 2,8; Sal 107,41). Egli volse dunque il suo sguardo sull’umile serva (Lc 1,48) che riconosce che tutto in li è opera di Dio (Lc 1,49). L’Assunzione è la conseguenza estrema dello sguardo che Dio rivolse a Maria e realizza la parola del Signore: "chi si umi-lia sarà esaltato" (Lc 14,11). Maria si è abbassata dichiarando di essere la "serva del Si-gnore", Egli, secondo il suo stile, l’ha innalzata: la creatura, insignificante agli occhi del mondo, è divenuta per grazia, la più significativa nella storia e nella gloria.

Inserito Lunedi 14 Settembre 2009, alle ore 15:39:38 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Dogmi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Dogmi:
Il dogma della perpetua verginità di Maria

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Dogmi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi