Maria una sorgente viva di speranza
Data: Domenica 4 Aprile 2021, alle ore 19:53:41
Argomento: Magistero


Lettera Pastorale di Mons. Paolo Pezzi, Arcivescovo Metropolita della Diocesi della Madre di Dio a Mosca per l'Anno Pastorale 2020/2021.



«[...]"Vergine Madre, figlia del tuo Figlio": con queste parole inizia l'ultimo canto della "Divina Commedia" di Dante, il celebre inno alla Madre di Dio. La verginità e la maternità di Maria riflettono la natura della Santissima Trinità e il modo di comunicare questa natura è l'amore. L'amore è prima di tutto tendere al bene di tutti coloro che il Signore ci invia. L'amore non cerca di risolvere "tutto" i problemi di povertà, migrazione o guerra; l'amore cerca un modo per aiutare una persona specifica: un vecchio bisognoso, un rifugiato. L'amore ci fa abbandonare l'odio per l'altro, perché quest'altro è Cristo stesso: “Ho fame e mi hai dato da mangiare; assetato, e mi hai dato da bere; Ero uno straniero e mi avete accettato ... Come avete fatto a uno di questi miei minimi fratelli, l'avete fatto a me” (Matteo 25: 34-40).[...]»








Questo Articolo proviene dal PORTALE DI MARIOLOGIA


L'URL per questa storia è:
/modules.php?name=News&file=article&sid=2130