PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali




























 
Nuovi in Biblioteca
  Prego con Maria
  La storia di Maria
  Classici mariani. Vol. 3. Canti mariani della tradizione popolare
  La vera bellezza. Il volto di Gesù e Maria nell'arte
  Guadalupe, un'immagine viva
  Tutti a scuola di Maria per imparare la gioia
  La Vergine Maria "alfa e omega" della celebrazione liturgica bizantina
  Con Maria, Madre di Dio
  Siracusa. Le lacrime amare del cuore immacolato
  Kibeho. La Madre del Verbo e il genocidio africano
  La vita quotidiana di Maria di Nazaret
  Maria «La» credente
  È stata Lei. La Madonna e le conversioni
  Il santuario Nostra Signora dello Scoglio e fratel Cosimo
  Bartolo Longo....
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

La devozione mariana in Italia


Commento all'Ave Maria


La Beata Vergine Maria del Monte Carmelo e lo Scapolare


Decor et Flos Carmeli


La Vergine Maria nella Chiesa


Breve storia della Mariologia


La devozione a Maria nel magistero di Paolo VI


Partecipare alla missione di Maria


Mamajedda


Un Osservatorio permanente sulle apparizioni


Le apparizioni tra fede, teologia e scienza


Il Movimento del ''Focolare della Madre''


Alla Madonna della Mercede


Maria nei mosaici di Ravenna


La Madonna è apparsa a San Simone Stock?


 
Immagini
 
Santuari

Simbolismi
 

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 146
Iscritti: 0
Totale: 146
 
Contatore visite
contatore visite
 
F.A.Q.

 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
LAZIO - ARICCIA - Santa Maria di Galloro


Il Santuario è stato costruito fra il 15 agosto 1624 e il 15 maggio 1633 su disegno di un frate cappuccino, l’architetto P.F. Michele da Bergamo. Nel 1662, per ordine del Papa Alessandro VII, il grande architetto Lorenzo Bernini ampliò la chiesa aggiungendo 2 cappelle, rifacendo la facciata, rivestendo la cupola di piombo e soprattutto costruendo il tempietto dove è collocata l’immagine della Madonna, da tutti considerato un capolavoro. Fiancheggiato da due statue che rappresentano S. Benedetto e S. Giovanni Gaulberto, due Santi della congregazione dei monaci Basiliani, primi custodi del Santuario. Il Tempietto è formato da 4 colonne che sui loro capitelli corinzi sostengono una meravigliosa trabeazione sormontata dalle due statue della Mansuetudine e dell’Innocenza e da due candelabri a faci accese che danno slancio alla struttura e portano il visitatore a spaziare verso il cielo. L’altare maggiore è un vero gioiello d’arte, elegante e ricco di marmi preziosi. La navata della chiesa lunga 39 metri e larga 9, è fiancheggiata da sei cappelle, tutte di buona fattura e ricche di marmi preziosi. Le tre a sinistra sono dedicate a S. Tommaso da Villanova, a S. Antonio da Padova e a S. Giuseppe; le tre di destra a S. Francesco di Sales a S. Ignazio di Loyola, fondatore dei Gesuiti e al Sacro cuore di Gesù. Le due cappelle della crociera sono dedicate al SS. Crocifisso e alla natività del Signore. L’immagine della Madonna è stata dipinta nel X secolo su un sottile intonaco sopra un masso di peperino. Non è un capolavoro dell’arte ma ha un grandissimo valore di devozione. Ha nella mano sinistra un ramoscello di rose senza spine, simbolo del suo immacolato concepimento, con l’altra sorregge Gesù che benedice; sul manto sono rappresentate 13 stelle. Inizialmente questa immagine si trovava in una piccola edicola di legno in fondo alla vallata sottostante l’attuale santuario ed era venerata dai contadini che, per conto dei monaci Basiliani di Grottaferrata, si recavano a coltivare i campi della Valle d’oro (da cui è poi derivato il nome di Galloro). Nel corso dei secoli la zona venne abbandonata e l’edicola venne circondata da folte sterpaglie fino al marzo del 1621 quando un ragazzo, volendo raggiungere la S. Immagine, diede fuoco alle sterpaglie e notò che il fuoco aveva miracolosamente risparmiato il boschetto circostante e l’edicola di legno che custodiva l’immagine. Lo stesso ragazzo sperimentò poi la protezione della Madonna che lo salvò mentre stava per essere schiacciato da una catasta di legna ed altri eventi miracolosi accaddero a molti altri abitanti di Ariccia che iniziarono con sempre maggiore fervore a venerare la Madonna. Venne perciò costruita una cappella al posto della vecchia edicola in legno. Dopo poco tempo per i molti fedeli e sacerdoti che vi si recavano in pellegrinaggio anche questa cappella divenne insufficiente e così si decise di costruire l’attuale Santuario.







 






[ Indietro ]

SANTUARI MARIANI

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (588 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.18 Secondi