PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  Login o Registrazione
 
 Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Mp3 Player
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie










 Inserti Speciali





























 Nuovi in Biblioteca
  Maria. La madre che salva
  L' Immacolata nella vita di don Dolindo Ruotolo, padre Pio e don Giuseppe Tomaselli, figlio spirituale di don Bosco
  Meditare e contemplare il Rosario
  Caterina Labouré, la veggente silenziosa
  Un dono dall'alto. Il voto mariano della consacrazione illimitata all'Immacolata
  Maria nella storia salvifica. Mariologia
  Il Natale di Maria. Nove meditazioni con i colori di Giotto
  Medjugorje. Segreti e messaggi
  A Maria. La Sicilia devota
  Uomini e Maria
  Le Madonne di Raffaello
  L' Annunciazione nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Newman Opere. Maria
  Maria. La sua vita tra storia e incanto
  Parola di donna. La figura di Maria in don Tonino Bello
 Pensieri
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Santa Maria dell'Avvento


Maria modello della donna: antropoanalisi della ''Mulieris Dignitatem''


La mediazione salvifica della Madre di Dio:


Culto e pietà mariana nel medioevo (secoli XI-XVI)


Nove popolari canti mariani


Salve Regina


Unicità della cooperazione di Maria alla salvezza


Totus tuus: la presenza di Maria nella vita del cristiano


Maria, ''Porta del cielo''


DEUTSCH - Marienmotive in derdeutschsprachigen Literatur nach 1918


Martin Lutero e la riscoperta di Maria


Benedetto XVI e il mistero della Madre di Dio


Ave Maria: una preghiera che assicura l'equilibrio del mondo


Santa Maria, donna ecumenica


Sub tuum praesidium


 Immagini
 Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 473
 Contatore visite

Dal 1999
free counter

 F.A.Q.

 Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 126
Iscritti: 0
Totale: 126
 Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
FATIMA, L'ULTIMO MISTERO



Documento-Film di Andrés Garrigò del 2017.

1. Informazioni generali sul  film - documentario
La storia è solo un fatto materiale o vi si agitano forze superiori? Cosa volle rivelare la luminosa Signora apparsa ai poveri ragazzi della sperduta Fatima nell’anno 1917? Queste sono solo alcune delle domande che pone Fatima, l’ultimo mistero, del regista e produttore spagnolo Andrés Garrigó fondatore di Goya Producciones, leader mondiale nella produzione di film e documentari legati alla fede e ai valori. Dopo la anteprima alle Giornate Internazionali del Film Religioso di Todi dirette da Alberto Di Giglio, distribuito in Italia da Arca Cinematografica di Maurizio Minchella, fresco di 18 candidature ai Goya, il massimo premio cinematografico spagnolo, il docufilm è stato presentato nella cornice della 77ma Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia.
Un film, realizzato nel 2017 in occasione del centenario delle apparizioni mariane arrivato nelle sale italiane alla fine di ottobre. «Siamo orgogliosi di proporre questo film per la consapevolezza della attualità e dell’urgenza di questo tipo di messaggio della Vergine, un richiamo a un’umanità distratta e un po’ persa che ha bisogno di riferimenti e di riscoprire la militanza ella preghiera» ci spiega Di Giglio, direttore del doppiaggio in lingua italiana e della promozione nelle sale.
Cosa accadde un tragico giorno di maggio del 1981, con la mano che sparò a Giovanni Paolo II sicura di colpire a morte? Quanti drammi del XX secolo, sarebbero stati evitati ascoltando gli inviti della Madonna alla preghiera e alla conversione? A tutte queste domande il film cerca di rispondere con testimonianze di esperti internazionali cucite da una trama di fiction contemporanea. Monica una montaggista in cerca di lavoro, viene ingaggiata per un documentario sulle conseguenze delle apparizioni di Fatima. Sebbene riluttante per il suo agnosticismo, accetta di collaborare. Durante il montaggio delle immagini, scorrono davanti ai suoi occhi eventi straordinari che si intrecciano con la grande Storia e fanno crollare le sue certezze. La sua vita ne uscirà segnata per sempre.
Fatima ha segnato la storia del mondo? A cercare una risposta, ben 30 esperti, fra i quali il portavoce di Giovanni Paolo II Joaquìn Navarro–Valls, il segretario di Benedetto XVI, l’arcivescovo Georg Ganswein, la postulatrice della causa dei pastorelli Angela Coelho, fra Grzegorsz Bartosik presidente della Società mariologica polacca, molti docenti statunitensi e spagnoli e il vescovo di Fatima–Llera, il cardinale Antonio Marto, che propone un interessante ragionamento sul rapporto tra Fatima e l’Islam come fonte di dialogo. Mentre il rettore del Santuario di Fatima, padre Carlos Cabecinhas sottolinea l’urgenza del messaggio mariano oggi a favore della pace. «Siamo stati i primi a produrre un film in occasione del centenario delle apparizioni» ci racconta Andrés Garrigò che nel 2000 ha fondato la Goya Produccioness, che sinora ha prodotto 300 video e documentari visti in tutti i continenti, sino a film come quello su Pedro Poveda, sacerdote ed educatore, e su santa Soledad Torre Acosta, fondatrice delle Serve di Maria.
«Sono un grande amante della storia perché sono stato corrispondente per alcuni importanti quotidiani spagnoli per 30 anni a Bruxelles per seguire gli affari politici e militari della Comunità europea e della Nato – ci racconta – . Era quindi interessante mettere in collegamento tutti i pezzi della storia del XX secolo con Fatima. Le forze del bene e del male entrano nella storia, ma ricordiamoci che in mezzo ci siamo noi che possiamo agire a favore dell’una o dell’altra. Siamo protagonisti della storia e possiamo cambiare quello che succede». Il regista nel 2000 era presente durante la Messa celebrata da Giovanni Paolo II a Fatima e ascoltò le rivelazioni dell’allora segretario di Stato vaticano cardinale Angelo Sodano sulla terza parte del Segreto. «Il messaggio di Fatima vale per sempre, come l’allora cardinale George Ratzinger dice anche nel docufilm – aggiunge il regista –. E’ l’uomo stesso che ha costruito “la spada di fuoco dell’angelo” che può ridurre il mondo in cenere».
Nel 2000 Garrigò fondò la Goya Producciones dopo un incontro all’Avana con Madre Maria Angelica dell’Annunciazione, la monaca statunitense fondatrice del colosso internazionale Eternal Word Television Network: «Io ero un credente interessato all’evoluzione della Chiesa. Ho visto come funzionava il network di madre Angelica, con uno staff di 270 persone e attrezzature estremamente professionali. Lei era formidabile, aveva una grande personalità. Mi sono domandato: perché non facciamo film religiosi pure in spagnolo, che è la prima lingua della Chiesa?». Fra le prossime produzioni, un film sulla beata Petra De San José e un lungometraggio sulla Terra Santa dal punto di chi lì si è convertito. Con Fatima, l’ultimo mistero è stata aperta una collaborazione importante con l’Italia. «Un mercato già ricco e fornito grazie alla Lux Vide che ha fatto epoca – aggiunge –. Con Arca Cinematografica, che ci distribuisce in Italia, proporremo anche un lavoro su Giuseppe e uno su Gesù, Cuore ardente, un docufilm che riguarda la devozione al Sacro Cuore, a partire dalle apparizioni a Margherita Maria Alacoque».

2. Il produttore
Negli ultimi 20 anni GOYA PRODUCCIONES nata nel 2000 ha realizzato oltre un centinaio di video, documentari e programmi TV, raggiungendo un pubblico internazionale costantemente in crescita. La sua produzione include alcune serie di documentari di successo come La cultura della vita, L’origine dell’uomo o le più recenti Sì, lo voglio sulla preparazione al matrimonio e Amore coniugale e genitorialità responsabile. Su argomenti storici GOYA PRODUCCIONES ha sviluppato serie come I primi cristiani, Il secolo delle riforme e ha prodotto o coprodotto una serie di documentari su figure come la regina Isabella, il viceré Palafox e San Giuseppe Calasanzio e più recentemente, sui papi Giovanni Paolo II e Francesco. Recentemente GOYA PRODUCCIONES ha iniziato a produrre film di fiction. I primi sono di genere biografico: POVEDA (2016), sulla vita di Pedro Poveda (sacerdote, educatore e innovatore) e LUZ DE SOLEDAD (2016), sulla vita di Santa Soledad Torres Acosta, fondatrice delle Servi di Maria, ministre degli infermi. Entrambi i film sono stati proiettati con successo nelle sale cinematografiche di oltre una dozzina di paesi, ed hanno ricevuto vari premi di festival nazionali e internazionali.

3. Il distributore
Arca Cinematografica nasce nel 2019 dal desiderio di alcuni naufraghi di terra di poter cavalcare la settima arte e di farsi docilmente accompagnare da lei sui sentieri che nascono nel fondo dell’anima, ma ancora sconosciuti agli occhi. A questa traversata nel finito infinito sono invitati tutti i cercatori che hanno a cuore bellezza e verità, che amano specchiarsi come in limpida fonte in una girandola di fotogrammi che niente e nessuno potranno mai cancellare, tessere di un mosaico che sembrano tracciare una via di pellegrinaggio che conduce ad una Meta, ad un Volto che l’occhio della macchina da presa percepisce ad ogni istante, pur non potendone rendere visibile la forma. Mossa da questo sprone inestinguibile, da un impeto primordiale e senza tempo, Arca promuove, distribuisce e produce cortometraggi e lungometraggi che cavalcano questa onda, incurante, come in un Palio degno di questo nome, della sorte del cavallo e del fantino. L’importante è essere pronti al ciak, per vivere una parte che sentiamo essere nostra e solo nostra, e che nessun altro potrà interpretare. Nihil novi sub soli, si dirà. Altri hanno vissuto già questa illusione, ed altri ancora la rivivranno. La novità è che questa volta siamo noi a farlo, con la macchina da presa che è davanti e dietro ai nostri occhi. In un luogo altro, dove non ci sono più spettatori, ma siamo tutti parte di un cast che gira un film nel quale non è prevista la parola Fine.

4. Intervista con il regista
 1. Che influenza ha avuto Fatima sulla Rivoluzione Comunista?
Gli effetti di Fatima sono incredibili. Quello più spettacolare è stata la caduta dell’Impero Sovietico. C’è un’intera catena di coincidenze che collega le richieste e le profezie della Vergine ai terribili eventi storici del XX secolo, e a questa prima parte del XXI. Ha predetto la rivoluzione comunista, così come la diffusione degli errori della Russia, dai quali siamo ancora afflitti oggi – basta guardare la Corea del Nord o il Venezuela. Ha predetto la seconda guerra mondiale, nonché l’attentato contro Giovanni Paolo II; aveva predetto anche una Terza Guerra Mondiale, certamente una guerra nucleare, che fu evitata perché il Papa fece la Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria…
2. E quali relazioni vi sono tra Fatima e l’Islam?
Fatima, come ha detto Papa Benedetto XVI, non è un caso chiuso. Nel 1917, la Vergine predisse l’intero futuro, compresi i grandi problemi di oggi. Il nostro film rivela, ad esempio, una relazione tra Fatima e l’Islam della quale poche persone sono a conoscenza. Perché la Madre del Cielo ha scelto di apparire nell’unico posto in Portogallo che porta il nome della figlia di Maometto? La spiegazione che ci ha fornito uno dei nostri esperti è molto interessante: i musulmani avevano conquistato la Spagna e il Portogallo, e i portoghesi hanno combattuto per liberare la loro terra dai Mori. Una donna, di nome Fatima, venne catturata nel corso di una battaglia. Era giovane e uno dei guerrieri, un principe portoghese, si innamorò di lei e si sposarono. Si convertì al cattolicesimo e il luogo nel quale fu sepolta venne rinominato Fatima. Quindi, Fatima è un nome arabo, e gli aderenti all’Islam hanno grande rispetto per Nostra Signora di Fatima, non solo perché usa il nome della figlia di Maometto, ma anche perché nel Corano stesso, la Vergine Maria è venerata come la madre di Gesù, il profeta. Non accettano Gesù come il Figlio di Dio, ma riconoscono che Maria è una Vergine. Il venerabile Fulton Sheen, nel suo libro Il primo amore del mondo, dedica un capitolo a Nostra Signora e all’Islam. Afferma che la Vergine di Fatima è un’opportunità per l’evangelizzazione dei musulmani. E uno dei nostri esperti aggiunge: La Vergine li porterà a Gesù. Se vanno prima da Lei, Lei li condurrà a Cristo.
3. Perché ha sentito la necessità di girare un film su questa apparizione mariana?
Perché Goya Productions è nata per contribuire a rendere attraente la Verità e per avvicinare le persone al mistero del soprannaturale. Il Centenario di Fatima è stata un’occasione unica per guardare al passato e al futuro con gli occhi dell’eternità. Il film ci rivela che Dio è il Signore della storia e che agisce nella storia attraverso sua M
4. Cosa le é sembrato più interessante nel viaggio di Papa Francesco a Fatima?
Per me la cosa più importante è che il papa sia andato a Fatima per canonizzare due dei tre bambini che la Vergine ha scelto come suoi testimoni. Francesco e Jacinta obbedirono alla Vergine al punto di preferire una morte crudele piuttosto che tradirla. Il film Fatima, l’ultimo mistero è stato presentato in anteprima a Madrid e all’Università Abat Oliba CEU di Barcellona ed è un film di Goya Productions. Il documentario indaga il rapporto tra le vicende mariane di Fatima e i grandi eventi storici del XX secolo, attraverso le testimonianze di 30 esperti, tra i quali il portavoce di Giovanni Paolo II, Joaquín Navarro-Valls; Il segretario di Benedetto XVI, Georg Gänswein; la postulatrice della causa dei pastorelli, Angela Coelho. Il lungometraggio include una trama di fantasia, diretta da Pablo Moreno e interpretata da Eva Higueras, incentrata su una giovane vedova – disillusa da Dio a causa della perdita del marito – che scopre Fatima e i suoi misteri per motivi di lavoro. La protagonista, che lavora come montaggista, esamina il documentario che cerca di illuminare l’influenza che il mistero di Fatima potrebbe aver avuto su eventi storici quali la Rivoluzione Comunista, le Guerre Mondiali, la sopravvivenza di Giovanni Paolo II dopo essere stato colpito da un proittile e l’ evoluzione dell’Islam.

Bibliografia
CALVINI A, Fatima, la storia oltre al mistero, un articolo su Avvenire del 21 ottobre 2020; Sito ufficiale del film:  http://www.fatimaultimomistero.it/

VEDI ANCHE
- CINEMA
-
GESÚ DI NAZARETH
- IL MESSIA
- IL VANGELO SECONDO MATTEO
- IO SONO CON TE
- MARIA DI NAZARETH
- MARIA, MADRE DI GESÚ
- MATER DEI
- JE VOUS SALUE MARIE
- PIENA DI GRAZIA
- TROPPA GRAZIA






[ Indietro ]

DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DI MARIOLOGIA

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (13 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.76 Secondi

Phpib2 style by www.nukemods.com