PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 546
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 161
Iscritti: 0
Totale: 161
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]

SOLENNITÀ DI MARIA SS. MADRE DI DIO


1. Origine e significato della solennità

Strettamente collegata con le celebrazioni natalizie, proprio nell’ottava del Natale, la Chiesa celebra il primo gennaio la Solennità di Maria Santissima Madre di Dio, che  sottolinea il mistero e la portata salvifica di questo evento. Alcuni studi recenti, hanno evidenziato come nella liturgia romana, prima ancora delle grandi feste importate dall’Oriente, come l’Annunciazione, la Purificazione e l’Assunzione al cielo, già nel corso del Settimo Secolo, si celebrava a Roma l’ottava di Natale, come giorno commemorativo del ruolo materno di Maria nell’Incarnazione. Il primo gennaio, infatti, c’era una stazione solenne a “Santa Maria ad martyres” che i libri liturgici definivano “nell’ottava del Signore”, e dove si prestava attenzione in modo particolare alla Vergine Maria. Questa antica festa mariana è stata ripristinata dal nuovo calendario romano promulgato da papa Paolo VI, a seguito delle precise indicazioni del Concilio Vaticano Secondo, e costituisce l’elemento centrale del rinnovamento del culto liturgico a Maria.
La solennità, oltre a permettere di celebrare la maternità divina nel suo giusto legame con il Natale, quindi nel cuore delle celebrazioni dell’Incarnazione, ha anche un forte carattere ecumenico in quanto in molte altre liturgie orientali si è celebrata o si celebra ancora, attorno al ciclo natalizio, una commemorazione specificamente mariana, incentrata sulla maternità prodigiosa di Maria. Ad esempio, la Liturgia della Chiesa Bizantina, già dal lontano quarto secolo, celebra il 26 dicembre la cosiddetta Sinassi della Theotokos o “Le congratulazioni alla Madre del Signore”,  in cui si esalta la Vergine Madre, capolavoro divino e Fiore dell’umanità, umile e grande creatura, indispensabile alla realizzazione del disegno divino di salvezza. Proprio all’indomani del Natale, sembra ovvio ricordare festosamente colei che sola, per divina potenza, ha dato al mondo il Verbo di Dio.
Tutto questo perché nel mistero dell’Incarnazione, attraverso Maria, Dio realizza a favore dell’uomo il suo progetto di salvezza e perché la Madre del Signore ci parla di come Dio si fa presente nella storia,  un Dio anche “madre” che si prende cura con passione di ciò che ha creato e vuole redimere. Questa solennità, perciò, sia in occidente che in oriente, presenta la maternità verginale di Maria come il segno augurale e propiziatorio della presenza rigenerante e benedicente del Dio vivente nella nostra storia e vuole sottolineare quel singolare connubio cielo – terra che tende a realizzare un perfetto rapporto di reciprocità e causa il totale rinnovamento del cosmo, ricreato nella luce della salvezza.

2. Insegnamenti dei testi liturgici della solennità
La liturgia della Solennità, focalizza anzitutto il suo interesse sulla figura di Maria scelta con predilezione da Dio per cui è oggetto della sua benevolenza e resa “piena di grazia”.  La Madre del Messia è, quindi, una madre santa perché il Signore è con lei; perché ha trovato grazia presso di Lui; perché lo Spirito l’ha ricolmata dei suoi doni; perché è benedetta fra le donne e felice per sempre. Tutto quello che Maria è ed ha è, dunque, dono gratuito di grazia ed è risposta di lei che si dichiara “serva” del Signore. Accogliendo il piano di Dio e divenendo madre del Verbo secondo la carne, Maria non lo fa in maniera passiva, ma liberamente, cioè con assenso e cognizione di causa, concependo il Figlio di Dio prima nella sua fede e poi nel suo corpo verginale, così come si esprimono i Santi Padri.
Sottolineando poi la concezione verginale, la liturgia considera l’entrata di Cristo nel mondo come l’atto iniziale della salvezza e quindi esemplare e tipico. Attraverso la concezione verginale, Dio manifesta che la salvezza è gratuita e viene dall’Alto, trascende le facoltà dell’eros, sottolinea la fecondità dell’agape, è inizio di una nuova creazione. Scegliendo la Vergine di Nazaret, Dio rinuncia all’intervento della potenza e della forza maschili e sottolinea la via “povera”  e umile che ha scelto per entrare nella storia attraverso Maria e realizzare le sue meraviglie. Per questo motivo il concepimento verginale è un “novum” assoluto; è un segno della novità della Redenzione. Nell’orizzonte della continuità della sua creazione, Dio istituisce una discontinuità assoluta, un inizio pieno, come arrivo indicatore della ri-creazione e del suo regno. La liturgia esalta giustamente lo strettissimo legame della Madre con il Figlio, al quale ella è indissolubilmente e talmente congiunta da divenire, per suo beneplacito, “portatrice” dei frutti della Redenzione.
In definitiva, è proprio all’incrocio della comunione tra Dio e l’uomo che si incontra la Tuttasanta e per questo, celebrare Dio disceso dal cielo per noi uomini e per la nostra salvezza, la chiama in causa. Accogliendolo nel suo grembo, Maria lo ha dato alla luce per la durata della storia intera, cooperando in tal modo alla trasfigurazione della storia stessa in storia della salvezza. Per questo fare memoria di Lei, è parte integrante della celebrazione del mistero del neonato Redentore e viceversa celebrare Maria, vuol dire celebrare sempre il mistero del Dio fattosi uomo, vuol dire riconoscere l’indissolubile vincolo tra Maria e Cristo, tra la Madre e il Figlio, primo e fondamentale criterio entro cui si esprime la venerazione liturgica verso di lei.

3. Legame tra la Giornata Mondiale della pace, il Capodanno e la solennità di Maria Santissima Madre di Dio
Nello stesso giorno in cui si celebra la solennità di Maria Santissima Madre di Dio, si celebrano anche l’inizio dell’anno civile e la Giornata Mondiale della pace, due ricorrenze che hanno un certo legame con essa, dato che la maternità divina di Maria  ha anche un grande significato sociale. Il collegamento della solennità con le due ricorrenze è sottolineato con chiarezza da Paolo Sesto, che la considera un’occasione propizia per rinnovare l’adorazione al neonato Principe della pace, riascoltare il lieto annuncio angelico, implorare da Dio, mediatrice la Regina della pace, questo dono supremo e far maturare nel cuore degli uomini frutti di pace. Questa armonizzazione delle tre ricorrenze, allarga anche il significato della maternità di Maria per tutta l’umanità e presenta il mistero della Theotokos, non come una realtà statica ma una realtà dinamica ed esemplare, un evento di empatia socio-antropologica.
- nzitutto, la solennità del Primo gennaio, presenta la maternità divina di Maria, per la sua singolarità e la libertà del suo “Fiat”, realmente ed escatologicamente liberante, conforme alla dignità della donna chiamata a dare il suo libero assenso, sia in quanto sposa e sia in quanto madre. La Donna-Madre Maria insegna che il corpo della donna, non è più un corpo negato, offeso, umiliato, ma un corpo vissuto, un corpo proprio con il riacquistato diritto a viverlo come espressione piena della propria soggettività. In Maria, la donna e il suo corpo, ritornano ad essere  “spazio” abitabile, accogliente, aperto e capace di trasmettere la vita, che ricorda il farsi carne e ossa di un Dio il quale conferma e santifica in tal modo la carne e le ossa di ciascuno di noi. Come affermava il beato Paolo VI, Maria ci prospetta quella visione cristiana della persona composta di anima e corpo, dove l’armonia spirituale e corporale riconduce all’esperienza della serenità e della bellezza di tutto l’essere umano e alla riconquista della sua dignità.
- Inoltre, nella figura di Maria madre, risplende la creatura umana originariamente e strutturalmente chiamata ad amare, cioè si rivela la vera vocazione della persona, che è quella di partecipare alla sorgività dell’Amore. La Vergine Madre testimonia questa ontologica vocazione ad amare e dimostra che la creatura umana tanto più è quanto più ama; che il suo essere è amore e che dove c’è pienezza d’amore c’è anche pienezza di essere e di vita.
- Infine, Maria, madre del Principe della pace è, accanto a lui, la prima ad essere immersa nella beatitudine dei pacifici, per essere stata la Donna che ha accettato l’invito di Dio ed ha aderito pienamente e liberamente al compimento di mediazione dolorosa e materna a beneficio di tutta quanta la creazione. Totalmente votata alla pace, perché votata a Cristo salvatore dell’uomo, Maria continua incessantemente a presentare l’offerta di riconciliazione agli uomini, denunciando le atrocità dell’egoismo, l’iniquità delle violenze sull’uomo, le divisioni e le tenebre della morte. Nello stesso tempo, Ella si fa paladina e speranza di coloro che anelano alla pace, quella vera e autentica, frutto della liberazione da ogni forma di schiavitù e del trionfo della giustizia e dell’amore di Dio.

Bibliografia
GRASSO A., La Solennità di Maria SS. Madre di Dio, dalla trasmissione NON UN GIORNO QUALSIASI della Radio Vaticana del 1 gennaio 2015; ID., La Vergine Maria e la pace nel magistero di Paolo VI (1963-1978), PAMI, Città del Vaticano 2008; FALSINI R., Maria nel culto della Chiesa tra Liturgia e pietà popolare, Edizioni O. R., Milano 1988; AA. VV., Maria nell'Anno Liturgico, Queriniana, Brescia 2007; CASTELLANO CERVERA J., L'Anno Liturgico memoriale di Cristo e mistagogia della Chiesa con Maria Madre di Gesù. Corso di spiritualità liturgica, Centro di Cultura Mariana "Madre della Chiesa", Roma 1991; AA. VV., Come celebrare Maria. Principi e proposte, Centro di Cultura Mariana "Madre della Chiesa", Roma 1981; SARTOR D. M., Le Feste della Madonna. Note storiche e liturgiche per una celebrazione partecipata, EDB, Biologna 1987. 







[ Indietro ]

DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DI MARIOLOGIA

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (842 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.17 Secondi