PORTALE DI MARIOLOGIA - Enciclopedia
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 546
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 311
Iscritti: 0
Totale: 311
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]

SALUS POPULI ROMANI




Detta Madonna di San Luca o Madre di Dio di Lydda (Lidskaja) o La Romana (Rimskaja). Risale al VII secolo con ridipinture del XII – XIII secolo ed è un dipinto su tela applicata su tavola dim. 117 x 79.

1. L'Icona della Salus Populi Romani

Anche l'icona della Vergine detta «Salus populi romani» è attribuita per tradizione al pennello di S. Luca. L'immagine si trova nella Basilica di Santa Maria Maggiore. Fino al secolo XVI era posta in un'edicola alla sinistra dell'altare maggiore, poi fu trasportata con grande solennità da papa Paolo V nella cappella della sua famiglia, dove ancora oggi si trova sopra un bellissimo tabernacolo progettato da Gerolamo Rainaldi. Con quest'atto Paolo V volle incrementare il culto mariano nella più grande chiesa di Roma costruita in onore della Vergine, motivandone l'impresa, come dice nella bolla pontificia «per l'aiuto ricevuto dalla Vergine in molti difficili frangenti, per la sua particolare devozione e per i miracoli attribuiti a quell'immagine». La Vergine è raffigurata secondo il tipo dell’Odighitria che tiene sul braccio sinistro il Figlio, doveva emergere maestosa su un fondo aureo ormai sbiadito. Ha indosso il «maphorion» e ai lati dell'aureola c'è l'iscrizione greca. Nell'atto di sostenere il figlio incrocia i polsi e con la mano sinistra regge la mappula, antico fazzoletto di lino utilizzato dai nobili romani mentre la destra ha pollice, indice e medio allungati ad indicare la Trinità; l'anulare e il mignolo piegati indicano la natura umana e divina del Figlio. Il codice che il Bambino regge sulle braccia è una novità rispetto all'iconografia usuale che prevedeva il rotolo.

2. Origini dell'Icona

Secondo la tradizione, mentre gli apostoli Pietro e Giovanni stavano predicando a Lydda, vicino a Gerusalemme, costruirono una chiesa dedicata alla Santissima Madre di Dio; in seguito tornati a Gerusalemme chiesero alla Panaghia di venire a santificare la Chiesa con la sua presenza. Lei li rimandò a Lydda e disse: “Andate in pace, e io sarò lì con voi”. Giunti a Lydda, trovarono un’icona della Vergine “acheropita” impressa sulla parete della chiesa. Allora la Madre di Dio apparve a quanti si erano lì radunati, benedisse l’icona e le conferì il potere di operare miracoli.
Nel IV secolo Giuliano l’Apostata, dopo aver sentito parlare dell’icona cercò di distruggerla. Inviò dei muratori che con strumenti taglienti scheggiarono l’immagine ma non furono in grado di distruggerla. Quando si diffuse la notizia di questo miracolo, migliaia di persone si recarono a venerare l’icona.
Nel secolo VIII, san Germano, futuro Patriarca di Costantinopoli, fece fare una copia dell’icona che portò con sé a Costantinopoli. In seguito, durante la controversia iconoclasta, a causa della sua fede iconodula, venne scacciato dalla sede di Nuova Roma dall’imperatore Leone Isaurico. Per porre in salvo la sacra icona di Lydda il patriarca la inviò a Roma antica. Stando alla leggenda egli avrebbe affidato l’icona alle acque del mare insieme ad una lettera indirizzata al vescovo di Roma; sospinta dalle onde l’icona raggiunse l’Italia e, trasportata dal Tevere, giunse a Roma, ove fu collocata nella basilica di san Pietro, rivelandosi fonte di molte guarigioni.
Nell’842 l’icona di san Germano fu restituita a Costantinopoli, dove il nuovo patriarca, il siracusano san Metodio, la trasferì solennemente nella chiesa della Theotokos di Chalkoprateia, il santuario della sacra urna. Da allora l’icona venne invocata con l’appellativo di “Romaia” (η Ρωμαία) ossia “la Romana”. L’esistenza dell’icona era ancora attestata dopo il IX secolo. Una copia di questa icona si trova nella chiesa di Santa Maria Maggiore, a Roma chiamata anche Santa Maria della Neve, per la prodigiosa nevicata del 5 agosto che avrebbe delimitato il perimetro per l'edificazione della precedente basilica liberiana.
Nel secolo XVI avvenne il miracolo più grande attribuito a questa immagine: Roma era invasa dalla peste e il Papa, San Pio V, portò in processione l’icona fino a San Pietro. Prima di arrivare alla Basilica tutto il popolo riunito udì un meraviglioso canto di angeli intonare i versi Regina coeli, laetare, alleluia;/Quia quem meruisti portare,alleluia;/Resurrexit sicut dixit,alleluia./ Il Santo Padre concluse: Ora pro nobis Deum, alleluia. Appena il papa terminò di pronunciare queste parole tutto il popolo vide distintamente l’Arcangelo Michele sulla Mole Adriana, nell’atto di riporre nel fodero la propria spada. Il Papa capì che la peste, sarebbe presto finita, così come accadde, e la Mole si chiamò da allora Castel Sant’Angelo.

3. Riproduzioni dell'Icona
Numerose sono le riproduzioni dell’icona di Lydda; attraverso le numerose copie, è anche conosciuta anche in Cina dove fu portata dai Gesuiti. Presente anche in Russia, la tipologia iconografica della Rimskaja o Bàrskaja è un’antica immagine di area bizantina proveniente dal monastero della Protezione (Pokrov) della Vergine a Barsk, è stata alla base di altre antiche e veneratissime icone, è stata dipinta anche da Teofane il Greco nella Chiesa della Trasfigurazione a Novgorod, alla fine del secolo XVI. Anche in Etiopia esistevano migliaia di copie dell’icona di Roma, la Salus Populi Romani era considerata l’icona canonica di questo Paese.

Bibliografia

I.S.S.R., Alle origini della Cristianità. Le icone mariane di area romana, Cagliari 2014, pp. 17-18; AA. VV., Santa Maria Maggiore. Basilica patriarcale. Roma, Euroedit, Trento 1998, p. 29; MARCUCCI D., Santuari mariani d'Italia. Storia, fede e arte, Edizioni Paoline, Roma 1983, pp.41-45.

VEDI ANCHE:
- SANTA MARIA MAGGIORE






[ Indietro ]

DIZIONARIO ENCICLOPEDICO DI MARIOLOGIA

Copyright © da PORTALE DI MARIOLOGIA - (1778 letture)

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.18 Secondi