PORTALE DI MARIOLOGIA - Il Magnificat: un canto che ringiovanisce
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 746
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 332
Iscritti: 0
Totale: 332
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Il Magnificat: un canto che ringiovanisce 
Spiritualità

Un articolo di Maria Ko Ha Fong in Maria Ausiliatrice, 33 (2012) n.6, pp. 6-7.



È intonato dalla voce fresca di Maria, giovane donna dallo sguardo profetico e dal cuore traboccante di gioia. È una poesia di bellezza, di giovinezza e di vita. Crea un legame di comunione tra le generazioni. Maria aiuta a gioire riproponendo alle persone di qualunque età il volto sorridente di Dio.

Il Magnificat (Lc 1,46-55), insieme con il Benedictus (Lc 1,68-79) e il Nunc dimittis (Lc 2,29-32) formano i tre cantici di gioia, tre inni profetici che celebrano l’evento nuovo e sorprendente di salvezza nel suo irrompere nella storia.
Sono canti permeati di gioia e di speranza, canti che parlano di una vita nuova che nasce. Il poeta indiano Tagore ha una bella espressione: «Ogni bambino che nasce è il segno che Dio non si è ancora stancato dell’uomo». Per ogni essere umano che viene nel mondo Dio ripete con gioia ciò che ha detto per mezzo del profeta Isaia: «Ecco, io faccio una cosa nuova: proprio ora germoglia, non ve ne accorgete?» (Is 43,19).
La Chiesa vuole che questi tre canti ritmino la sua preghiera liturgica quotidiana: il Benedictus fa parte della preghiera delle Lodi al mattino, il Magnificat è inserito nei Vespri, alla sera, e il Nunc dimittis nella Compieta, che chiude la giornata. Questi canti mantengono intatto lungo i secoli lo stupore di fronte all’irrompere della vita di Dio nella vita dell’uomo. Grazie a essi tutta la giornata del cristiano assume una tonalità di ringraziamento, di gioia e di speranza.
Il Benedictus e il Nunc dimittis sono sgorgati dal cuore commosso di due coppie di anziani, che vedono nella nuova vita che nasce la pienezza della propria vita. Zaccaria ed Elisabetta, di fronte alla nascita prodigiosa del loro figlio Giovanni, benedicono Dio, perché «si è ricordato della sua santa alleanza» e «ha visitato e redento il suo popolo». Il tempo della salvezza anelato a lungo è ormai vicino. Il loro figlio, dono miracoloso di Dio, segna l’inizio di una nuova epoca della storia della salvezza. Giovanni è il suo nome, significa “Dio ha avuto misericordia”. Simeone, accompagnato dalla profetessa Anna, all’incontro con il bambino Gesù, loda il Dio fedele perché gli ha concesso di «vedere la salvezza». Il bambino che stringe tra le braccia è «luce che illumina le genti», adempimento delle attese sue e di tutto il popolo d’Israele. Egli può dire con soddisfazione e riconoscenza: «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace».

Maria coinvolge nell’esuberanza di vita

Il Magnificat invece è intonato dalla voce fresca di Maria, una giovane donna dallo sguardo profetico e dal cuore traboccante di gioia, una vergine diventata madre per intervento meraviglioso di Dio. Il suo canto è una poesia di bellezza, di giovinezza e di vita. Il Magnificat unisce i canti di due uomini anziani, crea un magnifico legame di comunione fra le generazioni e mette insieme tutta una gamma di gioie. Alla gioia fresca e pura della giovane Maria si collega la gioia sobria, solenne di Zaccaria e la gioia commossa e tenera di Simeone. Colei che è «chiamata beata da tutte le generazioni» è il vincolo di gioia fra le generazioni.
Ad Ain Karim, la presenza raggiante di Maria riempie la casa di calore, coinvolge i suoi abitanti nell’esuberanza di vita. L’opera meravigliosa di Dio per cui Maria esulta di gioia, fa uscire Elisabetta dalla chiusura della sterilità e Zaccaria dal silenzio incredulo. La sua voce giovanile ispira a Elisabetta parole belle di benedizione e ricorda a Zaccaria la promessa fattagli dall’angelo nel tempio: «Avrai gioia ed esultanza» (Lc 1,14). Giovanni, all’udire la voce di Maria, salta di gioia nel grembo della madre, salutando il Messia, ancora nascosto, ma già presente e dimorante tra gli uomini. Si ha qui il sussulto dell’«amico dello sposo» (Gv 3,29), il giubilo del precursore per «colui che deve venire». I bambini che nascono e gli anziani che giungono alla pienezza della propria esistenza si incontrano e si uniscono nell’esultanza lodando lo stesso Dio che vuole felici tutti i suoi figli, grandi e piccoli. «La vergine allora gioirà danzando e insieme i giovani e i vecchi. “cambierò il loro lutto in gioia li consolerò e li renderò felici, senza afflizioni”», dice il Signore (Ger 31,13).

Si è giovani nella misura della propria gioia di vivere

Il gioioso Magnificat, cantato da Maria all’incontro con un’altra donna incinta, anticipa quello commosso, pronunciato da Simeone nel tempio di Gerusalemme, all’incontro con il Messia atteso. La giovane Maria esulta per Dio perché è fedele alle sue «promesse fatte ad Abramo e alla sua discendenza» e perché «la sua misericordia si estende di generazione in generazione». Fidandosi di questo Dio, l’umanità può vivere con fiducia e speranza. L’anziano Simeone ringrazia per la stessa fedeltà e lo stesso amore di Dio, in cui l’uomo può concludere la propria vita terrena in pace lanciandosi verso la pienezza.
Il Magnificat è un canto che ringiovanisce. Si è giovani nella misura della propria speranza e della propria gioia di vivere. Maria aiuta a gioire riproponendo alle persone di qualunque età il volto sorridente di Dio. La Chiesa, per poter annunciare la lieta notizia, ha bisogno d’essere giovane, entusiasta, piena di vitalità e inventiva. Per questo essa non cessa mai di unirsi a Maria nel gioire del Signore e ogni sera si ringiovanisce con il suo Magnificat per presentarsi più bella e più fresca davanti allo Sposo e più nuova e più pura davanti al mondo.


Inserito Giovedi 10 Luglio 2014, alle ore 13:05:13 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
Offrire e soffrire con Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.13 Secondi