PORTALE DI MARIOLOGIA - Amare Maria alla scuola del Popolo di Dio
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Il “Poema alla Vergine”: capolavoro dell’Apostolo del Brasile


Paradigma eucaristico-mariano e carenza di bellezza


L'immagine di Maria per l'uomo contemporaneo


Maria nel cammino della contemplazione della Chiesa


Maria nel Corano: la Silenziosa nutrita da Dio


La potenza di Maria agli occhi di Dante


Il bisogno umano di misericordia e Maria


Fede e devozione mariana nell'impero bizantino


Maria, la madre di Gesù, nella teologia femminista


Dal cuore Immacolato di Maria al Sacro Cuore di Gesù


La Venerabile Lucia Mangano e l'esemplarità mistica di Maria


Qualsiasi cosa vi dica fatela (Gv 2,5)


Proposta di vita di Maria ai giovani


Un fiore particolare: ''Gli occhi della Madonna''


Con fretta e con gioia: la festa della Visitazione


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 528
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 84
Iscritti: 0
Totale: 84
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Amare Maria alla scuola del Popolo di Dio 
Magistero

Un articolo di Giuseppe Ruggiero su Il Rosario e la Nuova Pompei, 131 (2015) n. 1 - gennaio/febbraio, pp.13-13.



Papa Francesco invita a conoscere la Madre di Cristo attraverso lo studio dei teologi,
ma solo la spiritualità di popolo, ricca di sapienza evangelica e di calore umano,
insegna come la si ami.

Papa Francesco, riferendosi a Maria, invita a incontrarla alla scuola di chi conosce per la via del cuore e non solo della testa: «Se tu vuoi sapere chi è Maria, vai dal teologo e ti spiegherà bene chi è Maria. Ma se tu vuoi sapere come si ama Maria, vai dal popolo di Dio che te lo insegnerà meglio» (Omelia, Messa del mattino a Santa Marta, 25 maggio 2013). In queste espressioni ci sono le radici della spiritualità mariana di Papa Francesco, spiritualità di popolo, ricca di sapienza evangelica, di calore umano, efficace nel cammino della vita cristiana. Vogliamo scoprire tale spiritualità mariana del Papa in un percorso che oggi inauguriamo col presente contributo, a partire da ciò che Egli finora ha detto di Maria e che già mostra un'evidenza: Francesco vede Maria nella totalità della fede e della vita della Chiesa e non come accessorio.

Già all'alba di questo pontificato ci siamo resi conto che il rapporto di Papa Francesco con la Vergine Maria è un rapporto sincero, intimo, tra madre e figlio, che lascia intuire una relazione continua e pensata. Basterebbe contemplare i suoi gesti: va in pellegrinaggio ai santuari mariani, tocca l'icona, si segna col segno della croce, le fa riverenza. Sono atteggiamenti di devozione popolare, ma improntati a quella nobile semplicità, tanto incoraggiata dal magistero mariano dei Papi precedenti. Egli non ostenta questi gesti, li compie con naturalezza e questo fa capire che li ha appresi dal popolo cristiano. E questo è un dato tutt'altro che secondario, che va studiato: da dove viene questa spiritualità mariana popolare di Francesco? Viene chiaramente dal suo ambiente familiare, formativo e pastorale. Francesco è un latino-americano e questo dice un fatto rilevante: il popolo cattolico di quel continente s'identifica da sempre profondamente in Maria, tanto che essi dicono: Ella è noi! Lo stesso Papa Paolo VI ebbe a dire che la pietà mariana è una «relazione di corrispondenza e quasi di compenetrazione». I due grandi simboli del cristianesimo originario nel continente furono la croce di Cristo e l'immagine della Vergine Maria, che ebbero un posto d'onore nei nuovi templi.

Le preghiere mariane, tra cui il Rosario, le immagini della Vergine ebbero una diffusione capillare, che influenzò i nomi delle donne, il linguaggio popolare, permeato di esclamazioni mariane; i nomi dei luoghi. Tre capitali, ad esempio, portano il nome di Maria: Buenos Aires (Santa Maria de los); La Paz (Nuestra Senora de la), Asuncion (Nuestra Senora de la). In anni recenti l'episcopato latino-americano ha sviluppato una riflessione mariana ricchissima, inserita nella vita concreta delle popolazioni del continente. Il documento di Puebla (1979) afferma che Maria appartiene alla "identità propria" dei popoli del continente, non solo dal punto di vista storico, ma culturale e persino politico (cf. n. 283). Nelle mani di Maria, regina e madre, vi è il destino di quelle nazioni (cf. n. 289); ella è il "vincolo tenace", che tiene tutti uniti nella Chiesa cattolica (cf. n. 284). Proprio per questo i vescovi a Puebla diedero a Maria i titoli di "educatrice della fede" e "pedagoga del Vangelo" (cf. n. 290). Nella conferenza di Santo Domingo (1992), Maria fu chiamata "stella della nuova evangelizzazione del continente". E per venire più vicino a noi, ad Aparecida nel 2007, i vescovi latino-americani pubblicarono un documento, da cui traspare l'impronta del cardinale Jorge Mario Bergoglio, arcivescovo di Buenos Aires. Egli stesso spiegava che per la prima volta una conferenza continentale si è riunita in santuario mariano; e questo luogo dice di per sé tutto il significato: «Ogni mattina abbiamo celebrato le Lodi, abbiamo celebrato la Messa assieme ai pellegrini... questo ci ha dato vivo il senso dell'appartenenza alla nostra gente, della Chiesa che cammina come popolo di Dio e di noi vescovi come suoi servitori».

La Chiesa in America latina è ora tutta coinvolta nella missione. «Per rimanere fedeli bisogna uscire; rimanendo fedeli si cambia. Questo dice in fondo Aparecida; questo è il cuore della missione», diceva già Bergoglio. Nel documento finale si trovano espressi tutti i motivi attuali e salienti del magistero di Papa Francesco: il primato della grazia, la misericordia, il coraggio apostolico, la visione di una Chiesa non regolatrice, ma facilitatrice della fede, che si fa prossima e si offre a tutti "come una madre che esce all'incontro". Ma soprattutto colpisce la visione mariana della Chiesa, cosi descritta: «La Chiesa, come la Vergine Maria, è madre... La Chiesa-famiglia si genera intorno a una Madre, la quale conferisce anima e tenerezza alla convivenza familiare. Questa visione mariana della Chiesa è il migliore antidoto contro una concezione di Chiesa puramente funzionale e burocratica» (n. 268). Nella chiamata che oggi la Chiesa riceve da Dio, Papa Francesco vede quindi anche la vocazione mariana. Maria che genera a Cristo; Maria che nella Chiesa porta la tenerezza di Cristo: è la sua funzione. Nell'omelia al santuario di Aparecida (24 luglio 2013), Papa Francesco concluse: «Siamo venuti a bussare alla porta della casa di Maria. Lei ci ha aperto, ci ha fatto entrare e ci mostra suo Figlio. Ora Lei ci chiede: "Qualsiasi cosa vi dica, fatela" (Gv 2, 5). Si, Madre, noi ci impegniamo a fare quello che Gesù ci dirà! E lo faremo con speranza, fiduciosi nelle sorprese di Dio e pieni di gioia». Il Santo Padre ci richiama all'irriducibilità del Vangelo e questa è una delle caratteristiche più qualificanti dell'alba del suo pontificato.

Inserito Giovedi 5 Febbraio 2015, alle ore 21:58:13 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Magistero
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Magistero:
Le 70 Catechesi mariane di Giovanni Paolo II

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Magistero

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi