PORTALE DI MARIOLOGIA - San Giuseppe B. Cottolengo e la fiducia in Maria
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 562
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 189
Iscritti: 0
Totale: 189
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
San Giuseppe B. Cottolengo e la fiducia in Maria
Santi

Dal libro di Virgilio Noè, Come l'hanno amata! Profili di santi mariani, Edizioni Messaggero, Padova 1989, pp. 299-203.



1. Spalancarsi a Cristo

Il canonico Giuseppe Benedetto Cottolengo di Torino un giorno ebbe chiaro in quale campo lo chiamava il Signore «Padrone della messe». Dio stesso glielo indicava attraverso un gioco di circostanze, a seguito delle quali egli doveva scegliere la vita della carità più eroica e assoluta e mettersi al servizio di malati senza cure, di persone abbandonate, di coloro che avevano più bisogno. Il Cottolengo, facendo così, sapeva di rimanere con Gesù: i suoi occhi di fede scoprivano nei fratelli più bisognosi il volto luminoso di Gesù1. Il frutto portato dal Cottolengo, sarebbe stato grande; anzi, sarebbe aumentato sempre più con l'andare del tempo. Quante case sono state aperte dopo quella di Torino, da lui battezzata «Piccola Casa della Divina Provvidenza». A quella casa, città nella città, se ne aggiunsero altre. In tutte si vive nell'atmosfera della carità, sull'esempio di Giuseppe Benedetto Cottolengo che spese la sua vita per amore a Dio e al prossimo, e si esperimenta che più ci si spalanca a Cristo, più intensa e ardente si fa la vita di una comunità, e di ogni membro di essa.

2. «La grazia è fatta»

Questa luce si è accesa nella vita di Giuseppe Benedetto Cottolengo2 nella chiesa del Corpus Domini a Torino, il 2 settembre 1827, mentre egli sostava dinanzi all'immagine della Madonna della Misericordia. Quella sera il canonico Cottolengo era arrivato alla chiesa con l'animo gonfio, dopo aver assistito in un piccolo albergo una povera mamma morente. In chiesa, dopo aver pregato ancora una volta Dio, perché gli facesse conoscere la sua volontà, su ciò che doveva fare di specifico come prete, aveva fatto suonare le campane, aveva fatto accendere tutte le candele dinanzi all'altare della Madonna, aveva pregato le litanie con un gruppetto di donne arrivate nel frattempo, perché richiamate da quell'insolita scampanata. Finita la preghiera diceva a quelle donne: «La grazia è fatta! Sia benedetta la santa Madonna». Quale grazia? Quella di aver capito la volontà di Dio: scegliere la via della carità per i fratelli più miserabili.

3. «Vergine Maria, Madre di Gesù, fateci santi»

La Madonna lo ha fatto entrare nella via della carità. Lui non lo ha più dimenticato: ha voluto che in tutte le sue case ci si accorgesse della presenza di Maria, e che la si pregasse e la si amasse come una mamma3. L'immagine di lei doveva stare all'entrata della casa, perché lei doveva essere considerata come la custode. Chi entra, la saluta. Chi vi abita, la prega nelle maniere più semplici e abituali, con la recita dell'Ave Maria e del rosario, oppure con una preghiera speciale, sgorgata limpida e fiduciosa, dal cuore del canonico: «Vergine Maria, Madre di Gesù, fateci santi»: che è la grazia più importante da chiedere4. A rendere più penetrante la certezza della presenza di Maria nella casa, il canonico vuole che ogni giorno si faccia alla Vergine l'offerta del cuore, che non può non essere se non un cuore puro. E quando arriva il mese di maggio, dovrà essere, secondo il canonico, il tempo privilegiato di amore a Maria. Ma l'amore dovrà travalicare lo spazio dei trenta giorni: «Mio gran desiderio è questo, egli afferma, che nella Piccola Casa il mese di maggio continui per i dodici mesi dell'anno». In queste pratiche, che il canonico consigliava agli altri, egli metteva tutto il suo spirito. Fin da ragazzo aveva preso la risoluzione di essere tutto di Maria. Aprendo il cuore dinanzi ad una immagine della Madonna le diceva: Mettetemi, Maria, sotto il vostro bel manto, e se sono troppo peccatore e non merito tanto, mettetemi almeno sotto i vostri piedi.

4. «... Voler bene a Maria e confidare in lei»

A tanta fiducia, Maria rispondeva puntualmente come «la Madonna della Provvidenza», che aiutava quando non c'era più la farina o quando c'erano debiti da pagare. Maria nella vita e nell'opera del canonico si è mostrata sempre attenta a tutte le situazioni, sollecita a provvedere a quello che mancava. Aveva fatto così a Cana di Galilea, quando aveva detto al suo Figlio Gesù: «Guarda: gli sposi non hanno più vino, e la festa si sta rovinando»5. La riconoscenza del canonico per il miracolo che fioriva nella Piccola Casa, per intercessione di Maria, si riassume in un consiglio, che lui dava a un creditore: «Impara a voler bene a Maria, e a confidare in lei»6. Questa è la maniera per tutti di diventare creditori di Maria. Dopo aver vissuto, come figlio e servo di Maria. da morto volle essere seppellito ai piedi di lei. Lo aveva detto tante volte dal pulpito: «Figli miei, figli miei, quando io sarò morto, mi metterete sotto i piedi della santa Madonna»7. Era il posto più naturale per lui che aveva vigilato ogni giorno alla porta di Maria: ad fores Mariae quotidie.

5. «Vergine santa, adesso tocca a voi»

San Giuseppe Benedetto Cottolengo continua a esortare tutti ad amare la Madonna: «...siamo veramente felici nell'avere una mamma sì buona! Per me, dopo Dio, so chi devo amare: è la mia madre, è la madre di tutti gli uomini!»8. Esorta a pregare la Madonna: ciò è un parlarle come un figlio fa con la sua mamma: ci si trova sempre ascoltati: lui ce lo assicura9. Vuole che l'accontentiamo. Maria è contenta solo quando facciamo tutto quello che Gesù ci dice10. Il Cottolengo traduce ciò in modo pratico: «L'unica cosa che abbiamo da conservare è questa: di trovarci bene con Dio ed essere di buon conto con lui»11. Questo il segreto per trasformare tutto quello che faremo in oro per comperare il paradiso. Al paradiso, dice Giuseppe Benedetto Cottolengo: «è là che dobbiamo rivolgere gli occhi e il cuore! Se soffriamo contrarietà e tribolazioni, una spanna di paradiso ci ricompenserà di tutto»12. E in paradiso ci si va per mezzo di Maria. Le ultime parole di Giuseppe Benedetto Cottolengo morente furono: «Vergine santa, adesso tocca a voi: fate il vostro dovere: mamma mia Maria»13.

NOTE
1 Cf. BROCCATI STRADELLA A., San Giuseppe Benedetto Cottolengo, Padova 1980, pp. 129-130.
2 Cf. BALLARIO S., San Giuseppe Benedetto Cottotengo, Torino 1934, p. 191.
3 Cf. BALLARIO, o c., p. 192 ss.
4 Cf. BROCCATI STRADELLA A., o. c., pp. 134-135.
5 Cf Gv 2,3.
6 BALLARIO S., o. c., p. 196.
7 Ivi, p. 194.
8 Ivi, p. 191
9 Ivi, p. 196.
10 Cf. Gv 2,5.
11 BALLARIO S., o. c., p. 185.
12 CARENA D., Il Cottolengo e gli altri, Torino 1983, p. 324.
13
Ivi, p. 329.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Mercoledi 18 Febbraio 2015, alle ore 17:12:01 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Santi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Santi:
Giovanni Paolo II: Totus tuus: A Cristo attraverso Maria

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Santi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi