PORTALE DI MARIOLOGIA - La Chiesa e Maria una sola Madre
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 562
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 245
Iscritti: 0
Totale: 245
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
La Chiesa e Maria una sola Madre
Magistero

L'insegnamento di papa Francesco, in un articolo di Giuseppe Ruggiero su Il Rosario e la Nuova Pompei 131 (2015) n. 2/marzo 2015, pp.14-15.




Più volte e con diversi registri Papa Francesco parla della Chiesa che deve avere un'attitudine materna e sempre il Papa le pone dinanzi come modello la Vergine Maria, sicché la Chiesa e Maria sono una sola madre. Significativamente in un discorso a braccio ai giovani di Roma in discernimento vocazionale (28 giugno 2014), Papa Francesco disse: «Quando un cristiano mi dice, non che non ama la Madonna, ma che non gli viene di cercare la Madonna o di pregare la Madonna, io mi sento triste. Ricordo una volta, quasi 40 anni fa, ero in Belgio, in un convegno, e cera una coppia di catechisti, professori universitari ambedue, con figli, una bella famiglia, e parlavano di Gesù Cristo tanto bene. E ad un certo punto ho detto: "E la devozione alla Madonna?". "Ma noi abbiamo superato questa tappa. Noi conosciamo tanto Gesù Cristo che non abbiamo bisogno della Madonna". E quello che mi è venuto in mente e nel cuore è stato: "Mah... poveri orfani!". È cosi, no? Perché un cristiano senza la Madonna è orfano. Anche un cristiano senza Chiesa è un orfano. Un cristiano ha bisogno di queste due donne, due donne madri, due donne vergini: la Chiesa e la Madonna. E per fare il test di una vocazione cristiana giusta, bisogna domandarsi: Come va il mio rapporto con queste due madri che ho?, con la madre Chiesa e con la madre Maria».

Ma quali sono le conseguenze di questo intimo rapporto tra Maria e la Chiesa? È il Papa stesso che ci prende per mano e ci conduce passo dopo passo a scoprire verità tutt'altro che scontate. Nelle sue riflessioni troviamo la sorprendente fantasia dello Spirito Santo che in questo tempo sta portando la Chiesa al largo, o "in uscita", come egli ama ripetere. Papa Francesco usa immagini che ormai sono diventate i concetti chiave del suo pontificato, che non sono prese di posizione ideologiche e nemmeno chiudono il discorso, piuttosto pongono questioni rilevanti da considerare, le quali vanno ad annodarsi alla questione fondamentale: la riforma della Chiesa secondo il Vangelo di Cristo.

La Chiesa "povera per i poveri"; la Chiesa "ospedale da campo", pronta a curare i tanti feriti che attendono nelle corsie del mondo; la Chiesa "sobria", che ha ben presente la sua missione evangelica, senza scadere in logiche da "ONG"; la Chiesa che non è una "dogana", padrona della grazia: tutte queste immagini vogliono indirizzare su ciò che attira, l'amore e la misericordia, cuore del Vangelo. È stato scritto in un editoriale della Civiltà Cattolica del Natale 2013 che: "Francesco ama più i volti che le idee". Ama anzitutto le persone concrete, le loro storie, la loro vita. E questo viene prima dei principi. L'abbraccio materno della Chiesa deve estinguere ogni condanna e pregiudizio. Le persone cambiano quando si sentono amate, non quando si percepiscono umiliate, controllate o costrette. La Chiesa oggi deve farsi promotrice di una proposta di amore che susciti il desiderio e lasci lo spazio per una libera decisione; una proposta che non va né nella direzione del permissivismo, né dell'ossessione su alcuni aspetti del dogma e della morale (cf. Papa Francesco. La mia porta è sempre aperta, Rizzoli, Milano 2013, 57-63).

E come Maria può aiutare la Chiesa a vivere questo stile? Anche qui Papa Francesco usa immagini di Maria molto concrete. Vi è anzitutto la sua qualità speciale, quella dell'ascolto: «È la Donna del si... Lei ha imparato a riconoscere la voce di Gesù, fin da quando lo portava in grembo» (Regina coeli, 21 aprile 2013). «Tutti, pertanto, siamo chiamati ad accogliere con mente e cuore aperti la Parola di Dio che la Chiesa ogni giorno dispensa, perché questa Parola ha la capacità di cambiarci dal di dentro... E chi ci dà la Parola di Dio? La madre Chiesa. Lei ci allatta da bambini con questa Parola, ci alleva durante tutta la vita con questa Parola, e questo è grande!» (Udienza generale, 3 settembre 2014).

Vi è poi l'immagine di Maria che cura e difende; cosi fa la Chiesa: «Nella sua sollecitudine materna, la Chiesa si sforza di mostrare ai credenti la strada da percorrere per vivere un'esistenza feconda di gioia e di pace. Illuminati dalla luce del Vangelo e sostenuti dalla grazia dei Sacramenti, specialmente l'Eucaristia, noi possiamo orientare le nostre scelte al bene e attraversare con coraggio e speranza i momenti di oscurità e i sentieri più tortuosi. Il cammino di salvezza, attraverso il quale la Chiesa ci guida e ci accompagna con la forza del Vangelo e il sostegno dei Sacramenti, ci dà la capacità di difenderci dal male. La Chiesa ha il coraggio di una madre che sa di dover difendere i propri figli dai pericoli che derivano dalla presenza di satana nel mondo, per portarli all'incontro con Gesù » (ibidem). Ed è interessante notare come il Papa sottolinei che la preghiera del Rosario «ha anche questa dimensione 'agonistica,' cioè di lotta, una preghiera che sostiene nella battaglia contro il maligno e i suoi complici» (Omelia nella solennità dell'Assunzione della BVM, 15 agosto 2013).

Infine potremmo richiamare l'immagine delle braccia della Madre: «Teniamo davanti agli occhi della mente l'icona della Madre Maria che cammina col Bambino Gesù in braccio. Lo introduce nel tempio, lo introduce nel popolo, lo porta ad incontrare il suo popolo. Le braccia della Madre sono come la 'scala' sulla quale il Figlio di Dio scende verso di noi, la scala dell'accondiscendenza di Dio» (Omelia nella festa della Presentazione del Signore, 2 febbraio 2015). Quest'immagine porta il Papa a concludere che: «Un buon educatore punta all'essenziale. Non si perde nei dettagli, ma vuole trasmettere ciò che veramente conta perché il figlio o l'allievo trovi il senso e la gioia di vivere. È la verità. E l'essenziale, secondo il Vangelo,è la misericordia...E allora la Chiesa si comporta come Gesù. Non fa lezioni teoriche sull'amore, sulla misericordia. Non diffonde nel mondo una filosofia, una via di saggezza.... Certo, il Cristianesimo è anche tutto questo, ma per conseguenza, di riflesso. La madre Chiesa, come Gesù, insegna con l'esempio, e le parole servono ad illuminare il significato dei suoi gesti... Cosi la Chiesa è madre, insegnando ai suoi figli le opere di misericordia. Lei ha imparato da Gesù questa via, ha imparato che questo è l'essenziale per la salvezza. Non basta amare chi ci ama. Gesù dice che questo lo fanno i pagani. Non basta fare il bene a chi ci fa del bene. Per cambiare il mondo in meglio bisogna fare del bene a chi non è in grado di ricambiarci, come ha fatto il Padre con noi, donandoci Gesù. Quanto abbiamo pagato noi per la nostra redenzione? Niente, tutto gratuito! Fare il bene senza aspettare qualcos'altro in cambio. Cosi ha fatto il Padre con noi e noi dobbiamo fare lo stesso. Fa' il bene e vai avanti» (Udienza generale, 10 settembre 2014).

È nella maternità di Maria, prolungata nella maternità cosi vissuta della Chiesa, che il Papa c'invita a scorgere l'inizio di un mondo nuovo.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Giovedi 12 Marzo 2015, alle ore 16:30:25 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Magistero
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Magistero:
Le 70 Catechesi mariane di Giovanni Paolo II

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Magistero

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi