PORTALE DI MARIOLOGIA - Annunciazione del Signore
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 541
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 79
Iscritti: 0
Totale: 79
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Annunciazione del Signore 
Culto

La Solennità del 25 marzo dal libro di AA. VV., Maria nell'Anno Liturgico, Queriniana, Brescia 2007, pp. 30-31



1. Nella storia

La più antica testimonianza di questa celebrazione si ha in un'omelia di Abramo di Efeso tenuta probabilmente a Costantinopoli tra il 530 e il 550. Le ragioni che hanno portato alla scelta di questa data non sono chiaramente documentate. Tuttavia, molto prima dell'apparizione di questa festa, il 25 marzo, fin dal III secolo (secondo la testimonianza di Tertulliano e di Ippolito), per via dell'equinozio di primavera, era considerato una data fortemente simbolica. Per questo fra il IV e il VI secolo venivano ascritte a tale data sia la passione, la morte e la risurrezione di Cristo come pure il suo concepimento verginale (Epifanio, Agostino, Dionigi il Piccolo). È evidente il rapporto con il 25 dicembre che cade giusto nove mesi dopo. Secondo un'esasperata ricerca di perfezione simbolica tutto in Cristo doveva essere perfetto. Gli storici non sono in grado di determinare con certezza se l'Annunciazione dipenda dal Natale o viceversa. Certamente c'è un influsso reciproco. In ogni modo per entrambi i giorni gioca l'importante simbolismo dell'equinozio di primavera e del solstizio d'inverno. Nel titolo della festa la liturgia bizantina accentua la dimensione mariana: Annuncio della beatissima Madre di Dio sempre vergine Maria. Con la riforma conciliare del calendario la liturgia romana ha voluto recuperare l'antico titolo presente nel Liber Pontificalis: Annuntiatio Domini. Cristo e Maria restano comunque strettamente uniti, anzi, inseparabili, nel mistero oggi celebrato.

2. La Festa e la sua immagine

Per questa festa del Signore cosi prescrivono i manuali bizantini: «Una casa. Da un lato l'arcangelo Gabriele arriva con passi leggeri, come proveniente dai cieli, tenendo un'asta nella sinistra e salutando con la destra Maria con un gesto di benedizione. Dall'altro lato sta la Vergine, in piedi (o seduta su un seggio non elevato), piena di umiltà e di rispetto e con il capo leggermente inclinato. Ha la mano destra aperta in segno di supplica, mentre con la sinistra tiene una rocca di filo rosso». Secondo il Protoevangelo di Giacomo, Maria era tra le vergini di discendenza davidica chiamate a tessere il velo del tempio e a lei era toccata in sorte la porpora. In questo apocrifo l'annuncio avviene in due tappe: Maria uscita con la brocca ode presso la fonte la voce: «Rallegrati, piena di grazia...». Rientrata in casa e ripreso il fuso, le appare l'angelo che le annuncia: «Non temere...». La scena dell'Annunciazione compare nei mosaici di Santa Maria Maggiore a Roma (V secolo) e di Parenzo (in Istria, VI secolo), nei medaglioni e nelle ampolle di origine palestinese (VI secolo), nell'Evangelario di Rabbuia (VI secolo)... La versione dell'annuncio presso la fontana, diffusa nei cicli bizantini, è più rara in Occidente (cfr. San Marco a Venezia, XII secolo). I manuali segnalano anche, accanto a Maria, la presenza di un tavolino con il libro delle Scritture aperto, e di un vaso di fiori, simbolo della verginità. Questi elementi sono presenti nel l'arte occidentale che, influenzata dalla letteratura pia e dalle rappresentazioni drammatiche, a partire dal Gotico ambienta l'Annunciazione all'interno di un piccolo oratorio, in una chiesa, nella cella di una beghina (R. van der Weyden). Allo stesso periodo risale un'evoluzione dei gesti tesa a tradurre una più grande venerazione del mistero: l'angelo si inginocchia davanti a Maria, colta in meditazione e preghiera e talora anche lei in ginocchio (cfr. Giotto a Padova).

3. Per l'Omelia

Al centro delle letture odierne, sta la contemplazione del mistero dell'amore di Dio, che supera ogni distanza tra sé e la sua creatura e getta un ponte anche sull'abisso scavato dal peccato, entrando nella storia dell'uomo fino a farsi figlio di Adamo, assumendo la condizione umana. Egli è davvero l'Emmanuele, il Dio con noi, come profetizza Isaia all'incredulo Acaz. E se dal punto di vista storico la profezia isaiana aveva una portata più modesta, perché annunciava la nascita di un figlio del re quale segno concreto e percepibile della protezione divina, la stessa lettura ebraica vi ha scorto un di più, un'attesa messianica, come attesta la traduzione dei Settanta, che rende liberamente 'giovane donna' con 'vergine'. È però il compimento neotestamentario che permette di cogliere appieno la portata dell'attesa messianica. Cosi le parole del Sal 39 (LXX) vengono riprese dalla lettera agli Ebrei, che ne coglie il senso cristologico e un'allusione all'incarnazione e al sacrificio di Cristo sulla croce. Vi è però uno sguardo privilegiato sul mistero dell'incarnazione, che ci è consegnato dalla lettura evangelica odierna: quello di Maria. Ella crede con ogni fibra della propria persona che il Signore ama tanto appassionatamente questo mondo da essere disposto a percorrere le vie più inedite, pur di riannodare un dialogo di amicizia con l'umanità che si è allontanata da lui. E se il profeta Isaia giungeva a supplicare una rinnovata vicinanza divina al popolo peccatore fino al punto di esortare Dio a squarciare i cieli e a discendere («Oh! Se tu squarciassi i cieli e scendessi!»: Is 63,19), la vergine di Nazaret è talmente certa di Dio e del suo infinito amore da accogliere anche l'idea più impensata e quasi blasfema: per superare la barriera della colpa sarebbe venuto Dio stesso in mezzo a noi, per essere in senso forte e insuperabile il 'Dio con noi'. Maria, con cuore immune dalle devastazioni del peccato, può sentire l'amore di Dio con una tale vicinanza, verità e forza da non stupirsi di nulla, neppure che egli intenda farsi bambino e voglia realizzare con l'umanità una comunione totale, quella che viene dall'appartenere alla stessa carne e allo stesso sangue. Nessuna parola come quel «Nulla sarà impossibile a Dio», proferito dall'angelo Gabriele, trova una corrispondenza tanto piena di fiducia come quella che Maria le accorda e che porterà poco dopo la parente Elisabetta ad acclamarla come la 'credente' che ha avuto fede piena nell'adempimento della parola del Signore! Anche l'obiezione all'angelo, correttamente tradotta («Come avverrà questo, poiché non conosco uomo») non è affatto un dubbio di Maria, ma un chiedere a Dio che le indichi le vie per quella maternità che le sembra trascendere ogni possibilità umana. Ebbene, le parole dell'angelo chiariranno ulteriormente ciò che Maria ha come intuito nel suo cuore: il bambino che prenderà forma in lei, sarà frutto dello Spirito e la sua nascita 'santa' (cioè di origine divina) lo farà riconoscere come Figlio di Dio. Lei ha davvero creduto che il Figlio di Dio possa farsi figlio dell'uomo!

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Lunedi 23 Marzo 2015, alle ore 11:17:53 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Culto
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Culto:
Solennità, Feste e Memorie della B. Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Culto

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.18 Secondi