PORTALE DI MARIOLOGIA - Una maternità sempre attiva
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 770
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 178
Iscritti: 0
Totale: 178
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Una maternità sempre attiva 
Spiritualità

Dal libro di Mario Buratti, Con Maria in novità di vita, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo 1993, pp. 73-77.



O santa madre del Redentore,
porta dei cieli, stella del mare,
soccorri il tuo popolo
che anela a risorgere.
Tu che accogliendo il saluto dell'angelo,
nello stupore di tutto il creato,
hai generato il tuo Creatore,
madre sempre vergine,
pietà di noi peccatori.

(Dalle «Antifone della beata Vergine Maria» nella Liturgia delle ore).

Gli estremi e le
modalità

Ci si potrebbe domandare due cose soprattutto, in ordine alla maternità spirituale di Maria: quali sono gli estremi? Ossia: quando ha avuto inizio e quando avrà il suo compimento? Inoltre: con quali modalità viene esercitata?
a) Gli estremi
Parlando della presenza di Maria ai piedi della croce, abbiamo visto come tale presenza abbia portato a termine la sua «gestazione»: ci ha generati nel dolore, ai piedi della croce, in un atteggiamento di fede e di amore. Sebbene, secondo l'insegnamento dei padri conciliari (cfr. LG 61), tutta la partecipazione di Maria ai diversi misteri della salvezza abbia contribuito a far «maturare» la sua maternità nell'ordine della grazia, il Calvario segna il punto culminante, la piena maturazione, sigillata dalle parole del Figlio: «Donna, ecco il tuo figlio!... ». Già nel mistero dell'incarnazione prende avvio la maternità spirituale di Maria. Il ragionamento teologico che troviamo nel magistero pontificio, secondo cui la madre, generando il Capo (Gesù), avrebbe generato anche le membra, riaffiora - implicitamente -  anche nel documento conciliare. Toccando, per esempio, gli estremi della maternità spirituale di Maria, i padri conciliari cosi si esprimono: «Questa maternità spirituale di Maria nell'ordine della grazia perdura senza soste dal momento del consenso fedelmente prestato nell'annunciazione... » (LG 62). È evidente l'allusione, con tali parole, al ragionamento teologico sopraddetto. Si parte da Nazaret, dunque; e si arriva «al perpetuo coronamento di tutti gli eletti» (LG 62). L'arco di tempo che va dalla «pienezza dei tempi » alla fine della nostra storia terrena impegna la maternità spirituale di Maria senza stancarla, indebolirla o sminuirne la dedizione. Non v'è stato di perfezione raggiunto o grado di santità che possa rendere superflua o inutile l'azione di grazia della Vergine: «Come il bimbo trae ogni nutrimento dalla propria madre, cosi i predestinati traggono ogni nutrimento spirituale e ogni vigore da Maria - afferma san Luigi Maria Grignion di Montfort  -. Sono racchiusi nel suo seno, e vengono alla luce solo quando questa buona madre li genera alla vita eterna» (VD 14). Dobbiamo sempre dipendere da lei, lungo tutto il nostro pellegrinaggio terreno, chiedendole, di grazia, che al traguardo finale ci mostri Gesù: «Mostraci, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria».
b) Le modalità
Siamo convinti di entrare sempre più in un mistero che solo possiamo tentare di scandagliare. Se ne avverte, tuttavia, alla luce della fede, l'amore materno che l'avvolge e lo permea, riflesso - tale amore - di un altro amore da cui trae origine e a cui sempre si alimenta: l'amore infinito di Dio. Il concilio parla di «materna carità»: «Con la sua materna carità si prende cura dei fratelli del Figlio suo ancora peregrinanti e posti in mezzo a pericoli e affanni » (LG 62); e parla ancora di «molteplice intercessione»: «Con la sua molteplice intercessione continua a ottenerci le grazie della salute eterna» (LG 62). Come si accordi il tratto materno di Maria con l'azione dello Spirito Santo, che è lo Spirito di santificazione, ce lo indica - senza sciogliere il mistero - Giovanni Paolo II in una sua omelia: «Maria tutti abbraccia con una sollecitudine particolare nello Spirito Santo. È infatti lui, come professiamo nel nostro Credo, colui che dà la vita. È lui che dà la pienezza della vita aperta verso l'eternità. La maternità spirituale di Maria è dunque partecipazione alla potenza dello Spirito Santo, di colui che dà la vita. Essa è insieme l'umile servizio di colei che dice di sé: "Eccomi, sotto la serva del Signore" (Lc 1,38)»1. Monsignor Francesco Maria Franzi, per direi come si inserisca nell'opera di Cristo e dello Spirito l'intervento di Maria, usa un paragone molto felice: «Come in un concerto, fra tanti strumenti, uno si inserisce in piena armonia e concorre a dare un tono, un timbro particolare che completa la musica che si eseguisce, cosi nell'opera di santificazione Dio vuole che concorra, con la sua tonalità materna, la missione di Maria»2. La mediazione di Maria è una mediazione materna, partecipazione dell'unica mediazione di Cristo.

Si interessa forse anche dei nostri bisogni materiali?

Certamente! Tale interesse viene a integrare, in un certo senso, la sua maternità, la quale riguarda si in modo particolare il bene supremo della nostra anima, ma si volge verso tutto il nostro essere, anima e corpo. Ovviamente subordinando il bene del nostro corpo all'interesse supremo della nostra anima. Un pretino della Piccola Casa della divina Provvidenza, monsignor Francesco Paleari, soleva correggere la giaculatoria: «Dolce cuore di Maria, siate la salvezza dell'anima mia» proponendo quest'altra più breve e più giusta: «Dolce cuore di Maria, siate la salvezza mia». Non si tratta d'una semplice sfumatura, si tratta d'un amore che c'investe da capo a piedi, cosi come il Signore ci ha fatti: sotto un aspetto, l'attenzione di Maria per le nostre necessità più umili ci dice maggiormente di quale finezza sia impastato il suo amore materno. Ella stessa, tuttavia, ci fa capire amabilmente come noi pure dobbiamo dare, nelle nostre richieste, il primato al bene supremo della salvezza dell'anima. Possiamo dire che la Vergine ci educa alla virtù della speranza, alimentando in noi l'aspirazione ai beni celesti che sono i beni più importanti, senza i quali il resto conta ben poco. Nella Lumen gentium, circa la mediazione materna di Maria, troviamo una costatazione dei padri conciliari fondata sull'esperienza della Chiesa nel suo cammino lungo i secoli: «Questa funzione subordinata di Maria la Chiesa non dubita di riconoscerla apertamente, continuamente la sperimenta e raccomanda all'amore dei fedeli (LG 62). «Continuamente la sperimenta!». È lo Spirito che, animando la Chiesa, le fa avvertire la presenza della madre. L'affermazione dei padri conciliari mi richiama l'avvenimento accaduto in piazza san Pietro in quel famoso 13 maggio 1981, quando Giovanni Paolo II fu bersaglio d'un terribile attentato. Egli stesso, in quella misteriosa coincidenza con l'anniversario della prima apparizione della Madonna a Fatima, senti l'animo colmo di tenerezza e di gratitudine per aver avuta salva la vita in forza d'un intervento prodigioso che non si poteva attribuire che a Maria... Il proiettile, quasi un ex voto, è ora incastonato nella corona che cinge il capo della Vergine nel santuario di Fatima. Dieci anni dopo, il 13 maggio 1991, il papa ha voluto recarsi ancora una volta (la seconda dall'attentato) ai piedi di nostra Signora di Fatima, nella cappellina delle apparizioni, per ringraziarla.
«O madre, la Chiesa raccomanda all'amore dei fedeli la tua missione materna, perché tante volte l'ha sperimentata nelle sue vicende storiche... Ma pure nella mia vita personale, se dovessi guardarmi, ne riconosco il segno inconfondibile di potenza e di amore. Aiutami a corrispondere generosamente alla tua continua opera educatrice per la fedeltà e la crescita nella grazia».

NOTE
1 Giovanni Paolo II, Omelia del 13.5.1982.
2 F. M. Franzi, Vesso Cristo con Maria, Ed. Piemme, Casale Monferrato (AL) 1989, p. 44.
 

Inserito Giovedi 2 Aprile 2015, alle ore 13:01:50 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
Offrire e soffrire con Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.17 Secondi