PORTALE DI MARIOLOGIA - Il miracolo della nascita
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 560
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 111
Iscritti: 0
Totale: 111
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Il miracolo della nascita 
Spiritualità

Il mistero della nascita alla luce della maternità di Maria. Un articolo di Maria Ko Ha Fong in Maria Ausiliatrice n. 12 del 2012, pp. 6-7



Lo stupore con cui la madre contempla il figlio è lo stupore con cui nel Natale siamo invitati a contemplare la meraviglia di un Dio che si fa uomo per farsi abbracciare e cullare da Maria e con lei da tutta l’umanità.

La nascita è un evento memorabile per il figlio o la figlia, ma non lo è meno per la madre. Il bambino che esce dal grembo materno per entrare nel mondo è sempre un avvenimento sacro, un miracolo stupendo. Anche Gesù è affascinato dal meraviglioso momento della generazione della vita nuova: egli coglie in profondità i sentimenti della madre nel parto, ne parla con finezza applicandoli al suo mistero pasquale: «La donna, quando partorisce, è afflitta, perché è giunta la sua ora; ma quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più dell’afflizione per la gioia che è venuto al mondo un uomo» (Gv 16,21). Come allora non giubilare con Maria nel ricordo della nascita di Gesù? Come non ringraziare la madre per il dono del figlio? Durante la vita terrena di Gesù, una donna, presa da ammirazione per Gesù, esclama con spontaneità ad alta voce in mezzo alla folla: «Beato il ventre che ti ha portato e il seno da cui hai preso il latte!» (Lc 11,27). Questa esplosione spontanea fa eco a quella di Elisabetta: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo» (Lc 1,42). La sensibilità femminile intuisce la grandezza e la bellezza della maternità di Maria.

Cristo è frutto dell'amore di Dio  acceso nel grembo di Maria

Nel racconto commovente del Secondo libro dei Maccabei sul martirio dei sette fratelli eroici emerge la bellissima figura della madre. «La madre era soprattutto ammirevole e degna di gloriosa memoria». Ai suoi figli, pronti a morire per il Signore, ella confida con candore e tenerezza: «Non so come siate apparsi nel mio seno; non io vi ho dato lo spirito e la vita, né io ho dato forma alle membra di ciascuno di voi» (2Mac 7,22). È lo stupore della madre di fronte al miracolo della vita, uno stupore indicibile che cresce con la crescita del figlio, prima nascosto silenziosamente dentro di sé e poi vivace e amabile davanti a sé. Quanto sarà grande lo stupore di Maria di fronte al piccolo Gesù, che non è soltanto figlio suo ma figlio di Dio! La sua timida domanda «Come è possibile?» all’annuncio dell’angelo (Lc 1, 34) le apre un’avventura che va di meraviglia in meraviglia, il suo gesto materno di avvolgere il bambino con le fasce segna l’inizio del suo coinvolgimento sempre maggiore nel progetto misterioso di Dio. «Nel ventre tuo si raccese l’amore, per lo cui caldo ne l’etterna pace così è germinato questo fiore» canta Dante nel suo Paradiso . Cristo è frutto dell’amore di Dio acceso nel grembo di Maria, è il fiore più bello aperto sullo stelo immacolato della madre. Dio ha stupito l’umanità raccogliendo tutto se stesso nel grembo di Maria e poi, in un vagito che ha squarciato la notte del buio e del freddo. È un mistero inaudito! Persino tutta la Creazione partecipa con stupore, quasi trattenendo il fiato, a quella irripetibile notte di Betlemme: «Nel quieto silenzio che avvolgeva ogni cosa, mentre la notte giungeva a metà del suo corso, il tuo verbo onnipotente, o Signore, è sceso dal cielo, dal trono regale» (Sap 18,14-15).

Il pastore "incanto" del presepe, simbolo di chi ha il cuore semplice

C’è un personaggio del presepe che raffigura questo sentimento così prezioso agli occhi di Dio: il pastore incantato, con la bocca spalancata, le braccia aperte, il cappello in mano; colui che offre al Bambino soltanto il suo stupore. Egli rappresenta tutti quelli che hanno un cuore semplice, aperto, sensibile e permeabile dall’amore. Egli riassume tutti i testimoni del mistero dell’incarnazione: Maria e Giuseppe, i pastori e i magi. Egli impersona lo stupore, quell’atteggiamento di meraviglia, di silenzio orante, di estatica attenzione, che è purtroppo sempre più sconosciuto nella nostra esperienza di fede e nelle nostre feste. Lo stupore è il segno di giovinezza spirituale, mentre l’inaridimento dello spirito di meraviglia e della riverenza di fronte al mistero indica l’indifferenza e stanchezza, grettezza di cuore e sterilità di vita. Maria, la madre che contempla estasiata il bambino nato dal suo grembo, la donna che coglie e magnifica il Signore per le «grandi cose» operate in lei e nella storia ci aiuti a non abituarci al mistero e al miracolo e mantenga in noi, vivo e fresco, il seno dello stupore.

 

Inserito Martedi 1 Dicembre 2015, alle ore 17:18:28 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
La Vergine Maria ''prima discepola'' di Gesù

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi