PORTALE DI MARIOLOGIA - Spiritualità mariana di Edhit Stein
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 660
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 269
Iscritti: 0
Totale: 269
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Spiritualità mariana di Edhit Stein 
SantiLa significativa esperienza di Maria nel cammino spirituale di Edhit Stein dal libro di Maria Di Lorenzo, Con la croce sul cuore. Edhit Stein, Edizioni dell'Immacolata, Bologna, 2009

 San Bonaventura affermava che Dio può creare anche altri mondi, più grandi di quello in cui noi abitiamo, e cose ancor più belle di quelle che conosciamo, ma non può creare un’altra Maria. Maria è il capolavoro di Dio. E il Carmelo è fondato proprio sulla devozione alla Tuttasanta. Il Carmelo, si dice, esiste per Maria: "Totus Marianus", viene definito. C’è, dunque, una lunga tradizione di "marianità" nel pensiero mistico dell’Ordine di Nostra Signora del Monte Carmelo.  Ogni carmelitana per santa Teresa d’Avila doveva divenire una immagine vivente di Maria. I monasteri che la Riformatrice del Carmelo veniva via via creando li chiamava, non a caso, "le colombaie della Vergine". Maria, dunque, è il modello di suor Teresa Benedetta della Croce, carmelitana scalza; modello di consacrazione a Dio nonché di apostolato, l’apostolato dell’amore divino, nutrito di preghiera, di silenzio e d’immolazione. "La perfezione della Via dell’Infanzia nel piano divino – sosteneva S.Teresina di Gesù Bambino – è la vita in Maria". Parole, le sue, che sembrano riecheggiare quelle di san Massimiliano Maria Kolbe, quando affermava che "per volontà di Dio, la devozione all’Immacolata è la sostanza di tutta la santità" (Scritti 687). Invero, non si è mai avuto un santo nella storia della Chiesa che non sia stato forgiato da Maria, educato alla sua scuola di santità e di perfezione celeste. "Prendi la mano di Cristo in una delle tue mani – soleva dire ancora padre Kolbe – e la mano della Madonna nell’altra: ora, anche se cammini al buio, puoi andare avanti con la stessa certezza di un bambino che è tenuto per mano dai suoi genitori…" (P.Treece, Massimiliano Kolbe – Il santo di Auschwitz, Edizioni dell’Immacolata, Borgonuovo (Bologna), 1996, p.179). Maria, lampada di luce lungo la strada piena d’ombre che conduce al Cielo; giacché, scriveva Edith Stein, "ci ha generati secondo la vita della grazia, avendo dato tutta se stessa, corpo e anima, per essere Madre di Dio. Da qui nasce un’unione strettissima tra lei e noi: ella ci ama, ci conosce, ed è interamente disponibile per renderci quali dobbiamo essere". 

Sulla Madre del Signore Edith Stein ci ha lasciato pagine di grande bellezza spirituale, che meritano di essere conosciute e meditate. Per Lei, nei giorni concitati dopo la sua fuga in Olanda, in attesa di conoscere gli eventi e nella più totale precarietà di vita, aveva composto una poesia che le era sgorgata dal cuore: 
"Madre mia, amatissima,
a te il Signore ha affidato i misteri del Regno,
sei madre del suo mistico corpo.
Il tuo sguardo abbraccia tutti i tempi,
tu conosci ogni membro
e i suoi compiti mentre lo guidi. 
Ti ringrazio d’avermi chiamata
ancor prima di sapere che da te
viene la vocazione religiosa. 
Che cosa sarà di me? Non lo so.
Ma considero una grazia grande
e non meritata d’avermi eletta
a essere tuo strumento.
Vorrei abbandonarmi, docilmente,
nelle tue mani,
come attrezzo obbediente.
Confido in te.
Sei tu che renderai utile l’ottuso strumento." 
(Pubblicata sulla rivista "Bote von Fatima", 45/n.4 (13.4.1987)
)

 Suor Teresa Benedetta della Croce si sente un "attrezzo" insignificante, buono a nulla, che però nelle mani della Vergine, a Lei affidato docilmente, può divenire fruttuoso strumento di salvezza secondo i disegni imperscrutabili di Dio. " La Redenzione – scrive lei – fu decisa nell’eterno silenzio della vita divina e nel nascondimento della tranquilla dimora di Nazaret; la virtù dello Spirito Santo adombrò la Vergine mentre pregava, sola, e operò l’incarnazione del Redentore. (…) La Vergine , che custodiva nel suo cuore ogni parola che Dio le rivolgeva, è il modello di quelle anime attente in cui rivive la preghiera di Gesù sommo Sacerdote; e quelle anime che, dietro il suo esempio, si danno alla contemplazione della vita e della passione di Cristo, vengono scelte di preferenza dal Signore per essere gli strumenti delle sue grandi opere nella Chiesa". (Edith Stein, La preghiera della Chiesa, cit., pp.21-22.)

Ma chi è Maria? "La creatura umana la cui volontà non si è mai allontanata da quella di Dio", dichiarava in modo lapidario, ma efficace, Massimiliano Kolbe. "Chi non è capace di piegare le ginocchia e implorare da Maria in umile preghiera la grazia di conoscere chi ella sia realmente, non speri di apprendere qualcosa di più su di Lei". (F. S. Pancheri, Massimiliano Kolbe – Santo del secolo, Edizioni Messaggero, Padova, 1982, p.215.) Ma il mistero di Maria, in definitiva, non è possibile circoscriverlo: "Le parole umane – è ancora Padre Kolbe che parla – non sono in grado di esprimere Colei che è divenuta vera Madre di Dio" (Scritti 1335).

C’è un filo mariano che attraversa ed unisce le vite di questi due grandi Santi di Auschwitz, Massimiliano Kolbe e Edith Stein. Nell’anno di maggior crisi per la giovane filosofa ebrea, il 1917, il Francescano polacco, con un manipolo di confratelli, fondava a Roma
la Milizia dell’Immacolata, un movimento spirituale che nel suo forte impulso missionario, sotto il vessillo di Maria, avrebbe raggiunto negli anni a venire il mondo intero, per invitare alla consacrazione all’Immacolata il maggior numero di anime. La premessa apposta sul frontespizio dello Statuto di fondazione della Milizia recitava: "Essa schiaccerà la tua testa (Gen 3, 15) – Tu sola tutte le eresie dissipasti nell’intero mondo [ufficio della Madonna]" (Scritti 21). Una premessa dal forte valore programmatico, che aveva quasi il sapore di una promessa, poi mantenuta. "L’Immacolata, ecco il nostro ideale. Avvicinarci a Lei, renderci simili a Lei, permettere che Ella prenda possesso del nostro cuore e di tutto il nostro essere, che Ella viva e operi in noi e per mezzo nostro, che Ella stessa ami Dio con il nostro cuore, che noi apparteniamo a Lei senza alcuna restrizione: ecco il nostro ideale". (Scritti 1210). Consacrazione illimitata, dunque, di cuore, anima e corpo, che esprime la vera donazione, totale e definitiva: questo era l’ideale di san Massimiliano. La sua spiritualità fin dall’infanzia aveva assorbito il carattere mariano della tipica religiosità polacca, avente questa il proprio centro propulsore nel santuario della Vergine Maria a Czestochowa, dove la sua famiglia lo portava in pellegrinaggio fin da bambino. A dieci anni il piccolo Raimondo Kolbe era ricorso alla Vergine per sapere quale sarebbe stato il suo futuro. Lei gli aveva risposto dall’altare della parrocchia di Pabianice offrendogli due corone, la bianca della purezza e la rossa del martirio: lui le aveva accettate entrambe e s’era fatto Francescano.

Mariano era divenuto anche l’ideale di Edith Stein, nel momento in cui, dall’indifferenza iniziale, si era convertita alla fede cattolica, e ancor più quando aveva lasciato il mondo abbracciando la vita religiosa nel Carmelo, per esservi sponsa Christi: nella gioia e nel dolore, presso il Tabor come sul Calvario. Con Lui in ogni istante, ma avendo sempre accanto a sé Maria, sua Madre: "Ella – diceva Edith – può formare a propria immagine coloro che le appartengono" (Edith Stein, La donna, p.265). "E chi sta sotto la protezione di Maria – concludeva – è ben custodito." (Ivi, p.273). Un antico adagio della vita cristiana sostiene che la devozione alla Madonna è un segno di predestinazione. "Quando Maria getta le sue radici in un’anima vi produce meraviglie di grazia, possibili a lei soltanto", affermava san Luigi Grignion de Montfort (Trattato della vera devozione a Maria, n.35.). Edith Stein parlava di Maria e tracciava l’itinerario della sua vita, allorché rifletteva sulla Passione: "La sera del venerdì santo, ai piedi della Croce. Il dolore della Madre di Dio è grande come il mare, lei vi sta immersa, ma è un dolore contenuto, ella trattiene con fermezza il cuore con la mano, perché non si spezzi, la morte vera appare in modo quasi spaventoso dalla bocca semiaperta del Salvatore. Ma la sua testa è rivolta verso la Madre , come per consolarla, e la Croce è tutta luce: il legno della Croce è divenuto luce del Cristo". Stare ai piedi della Croce per intercedere per tutti: il suo programma, il suo destino. Un saggio da lei composto per un circolo di donne cattoliche, pubblicato col titolo Le vie del silenzio, portava in calce una nota aggiunta in luogo della data che diceva: "Se proviamo a contemplare silenziosamente il cammino percorso dalla Madre di Dio, dalla Purificazione al Venerdì Santo, sarà lei a farci trovare le vie del silenzio…"  Abitare il silenzio, quindi, proprio come Maria, per essere ricettiva "alla verità, che ammaestra dal di dentro" (L’imitazione di Cristo, libro III, cap.I, 1); in quel silenzio concentrato in Dio che, diceva santa Teresa di Gesù, "è il più potente dei clamori"; imparare l’umiltà di Maria – fino ad avere un cuore del tutto dimentico di sé – nella vita quotidiana al Carmelo: umile, nascosta, continuamente orante. Come Maria nella propria casa di Nazaret

 

 

 

Inserito Mercoledi 16 Settembre 2009, alle ore 11:47:14 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Santi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Santi:
Giovanni Paolo II: Totus tuus: A Cristo attraverso Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Santi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi