PORTALE DI MARIOLOGIA - Madre di Misericordia
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 766
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 75
Iscritti: 0
Totale: 75
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Madre di Misericordia 
Spiritualità

Articolo tratto dalla rivista "Santuario Maria Immacolata" - Nevegal Belluno, 23 (2015), n. 2 - luglio 2015, pp. 1-2.



 “Salve Regina, madre di misericordia”. È una preghiera che rivolgiamo a Maria e che conosciamo molto bene. Ma, come succede in tutte le formule di preghiera, soprattutto in quelle che conosciamo a memoria, non pensiamo sempre bene a quello che diciamo e, soprattutto, nella preghiera chiediamo tante grazie e siamo poco attenti a quello che la preghiera domanda al nostro impegno.
In questa preghiera invochiamo Maria col titolo: Madre di misericordia. Che cosa vogliamo dire a Maria con queste parole? Che Maria è la Madre di Gesù, che il Papa chiama “il volto umano della misericordia del Padre”. Madre del Misericordioso, Gesù, che è venuto a dirci con la sua vita, la parola e con la sua morte che Dio è ricco solo di misericordia e che manifesta la sua onnipotenza soprattutto nella misericordia e nel perdono. Ed allora, incamminandoci verso l’Anno santo della misericordia, dobbiamo chiedere alla Madonna che ci ottenga una prima grazia: che ci converta al Dio della misericordia. Che ci converta alla vera immagine del Dio di Gesù Cristo che è il Dio della tenerezza e della compassione, di un Dio che è Padre e Madre insieme. Questa è la prima, fondamentale conversione che dobbiamo chiedere, perché da una corretta immagine di Dio dipende la qualità della nostra vita cristiana. E, soprattutto quanti di noi hanno una certa età, educati all’immagine di un Dio severo e di una legge morale che ci fa sentire sempre peccatori anche quando non serve, abbiamo bisogno di cancellare questa immagine perversa di Dio per sostituirla con quella più vera e più tenera, anche se non meno esigente, del Dio che Gesù è venuto ad annunciare.
Nella stessa preghiera della “Salve Regina” ad un certo punto diciamo anche “volgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi” . Il Papa, nel documento in cui spiega i motivi che l’hanno spinto ad indire l’Anno santo della Misericordia, dice: “La dolcezza dello sguardo della Madre di misericordia ci accompagni perché possiamo tutti riscoprire la gioia della tenerezza di Dio”. La dolcezza dello sguardo della Madre. Nella nostra esperienza infantile, si fuggiva dallo sguardo severo del padre, soprattutto quando ne avevamo combinato qualcuna o quando portavamo a casa un brutto voto, ed andavamo dalla mamma, perché una mamma ha tutto un altro modo di guardare ai suoi figli. Ha uno sguardo speciale, degli occhi pieni di cuore che sanno cogliere il bene nascosto nei figli, che comprendono invece che condannare, che accarezzano con amore e con perdono perché una madre capisce che i figli, spesso, sono più infelici che cattivi. Ed allora vogliamo chiedere a Maria una seconda grazia: quando ci capita di peccare, di non fare il bene che vorremmo e di compiere il male che non vorremmo, quando ci opprime il ricordo dei peccati passati e ci verrebbe voglia, come ad Adamo, di andare a nasconderci perché abbiamo paura del giudizio e della condanna del Padre, ci avvolga con la tenerezza del suo sguardo materno e ci spinga a ricominciare per un nuovo tratto di strada sulle vie del bene.
Ma Maria è madre di misericordia non solo perché ha generato una volta il Misericordioso, Gesù, ma perché continua a generare figli misericordiosi, che siamo noi. Il Papa dice che il motto dei cristiani soprattutto in questo anno deve essere: “Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre!”. Maria ci genera alla misericordia perché possiamo compiere, concretamente, le opere di misericordia corporali e spirituali. “È mio vivo desiderio che il popolo cristiano rifletta durante il Giubileo sulle opere di misericordia corporale e spirituale. Sarà un modo per risvegliare la nostra coscienza spesso assopita davanti al dramma della povertà e per entrare sempre di più nel cuore del Vangelo, dove i poveri sono i privilegiati della misericordia divina. La predicazione di Gesù ci presenta queste opere di misericordia perché possiamo capire se viviamo o no come suoi discepoli. Riscopriamo le opere di misericordia corporale: dare da mangiare agli affamati, dare da bere agli assetati, vestire gli ignudi, accogliere i forestieri, assistere gli ammalati, visitare i carcerati, seppellire i morti. E non dimentichiamo le opere di misericordia spirituale : consigliare i dubbiosi, insegnare agli ignoranti, ammonire i peccatori, consolare gli afflitti, perdonare le offese, sopportare pazientemente le persone moleste, pregare Dio per i vivi e per i morti.” “In ognuno di questi “più piccoli” è presente Cristo stesso. La sua carne diventa di nuovo visibile come corpo martoriato, piagato, flagellato, denutrito, in fuga... per essere da noi riconosciuto, toccato e assistito con cura. Non dimentichiamo le parole di san Giovanni della Croce: «Alla sera della vita, saremo giudicati sull’amore ».” (papa Francesco).
C’è tuttavia qualcosa, in questo urgente, pressante invito del Papa alla riscoperta della misericordia di Dio, un richiamo, che precede e attraversa tutta la sua visione, e che investe ciascun credente di una responsabilità diretta. È l’invito che il Papa ha posto quasi all’inizio del documento con cui ha indetto l’Anno santo, quando, al numero 3, scrive che «ci sono momenti nei quali in modo ancora più forte siamo chiamati a tenere fisso lo sguardo sulla misericordia per diventare noi stessi segno efficace dell’agire del Padre». È l’esortazione a quella quotidianità, all’esercizio di quella che potremmo chiamare “la misericordia della porta accanto” senza la quale niente, del discorso di Francesco, si regge. Perché, al di là di tutte le cose dette e delle belle, e magari anche giuste, parole spese sul Giubileo, se come cristiani vogliamo prendere sul serio la provocazione del Papa, è indispensabile che la misericordia diventi lo stile di ogni giorno. In famiglia, nel condominio in cui si vive, nel traffico, al lavoro, nel correre e scorrere della vita. Oggi, ci dice Francesco, il volto della misericordia dev’essere il nostro, quello di ciascuno di noi . Ed è ancora il Papa che ci rivolge un ultimo invito: “Rivolgiamo a Lei la preghiera antica e sempre nuova della Salve Regina perché non si stanchi mai di rivolgere a noi i suoi occhi misericordiosi e ci renda degni di contemplare il volto della misericordia, suo Figlio Gesù”.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Giovedi 17 Dicembre 2015, alle ore 12:22:37 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
Offrire e soffrire con Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi