PORTALE DI MARIOLOGIA - Formatrice del Santo e dei santi
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 746
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 151
Iscritti: 0
Totale: 151
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Formatrice del Santo e dei santi  
Spiritualità

Un articolo di SERGIO GASPARI, su Madre di Dio, n. 9 del 2013.



Ogni vero figlio della Chiesa deve avere Dio per padre e la Vergine per madre. È san Luca pittore del volto di Maria o, più verosimilmente, Maria pittrice del volto di Cristo in san Luca? Nella chiesa di Santa Maria del Popolo in Roma, Bernardino di Betto, detto Pinturicchio (+1513), in un affresco dipinge san Luca mentre ritrae la Vergine. Non sappiamo se ciò corrisponda a verità. È comunque certo che Maria è pittrice del volto di Cristo in Luca. «Madre nell’ordine della grazia» e colei che ha cooperato «per restaurare la vita soprannaturale nelle anime» (LG 61), la Vergine – insegna Paolo VI – riproduce «nei figli i lineamenti spirituali del Figlio primogenito» (Marialis cultus, 57): delinea in essi i tratti fisionomici di Gesù. Ella, che è stata formatrice del Santo di Dio, è formatrice dei santi, colei quindi che nella Chiesa produce frutti di santità nei candidati alla santità. Signora dei santi, Gloria dei santi, Regina di tutti i santi, è invocata Maestra di santità e garante di un sicuro cammino verso la santità. Dio Padre nello Spirito con Maria forma il Figlio e i figli, poiché ella è madre del Christus totus: Cristo capo e il suo corpo ecclesiale. Del resto, «il capo e le membra nascono da una stessa Madre». Riflessione, questa, tipica di san Luigi M. Grignion di Montfort, ma affonda le sue radici nella dottrina della Chiesa.

1. Sguardo alla tradizione della Chiesa

Nell’enciclica Redemptoris Mater (= RM) n. 20, mostrando Maria nostra madre, Giovanni Paolo II cita sant’Agostino d’Ippona (430), che predicava: «Cristo verità nella mente di Maria, Cristo carne nel grembo di Maria». Su questo sfondo Agostino continuava: Maria ha generato il corpo di Cristo, ma noi battezzati siamo il corpo di Cristo. L’Ipponate chiedeva ai suoi fedeli (forse alcuni nutrivano qualche dubbio sulle relazioni tra Maria madre del Capo e madre delle membra): «In che modo non avreste niente a che fare con il parto di Maria se siete membra di Cristo?». Ed incalzava: «Come mai, vi domando, Maria è madre di Cristo, se non perché ha partorito le membra di Cristo? Membra di Cristo siete voi, ai quali io parlo». Agostino concludeva precisando: Maria «è invece senza alcun dubbio Madre delle sue membra, che siamo noi, nel senso che ha cooperato con la carità alla nascita dei fedeli della Chiesa, i quali di quel corpo sono le membra». San Bonaventura (1274) insegnava: «Tutto il popolo cristiano viene prodotto (productus) nel seno della Vergine santissima». Poi precisava: il Verbo prende forma di uomo nel grembo della Vergine. E ogni credente diventa cristiano in Cristo, se si lascia formare da Maria nel grembo della sua fede. J.J. Olier (1657), fondatore della Compagnia dei sacerdoti di san Sulpizio in Parigi, affermava che la Vergine porta nel proprio seno tutte le creature poiché, come il Verbo incarnato, anche i cristiani sono formati nel suo grembo materno. Nell’enciclica Ad diem illum (1904), facendo sua la dottrina del Montfort, Pio X ( 1914) scriveva: «Tutti noi, dunque, che siamo uniti a Cristo e, al dire dell’Apostolo, membra del corpo di lui, della sua carne e delle sue ossa, siamo usciti dal seno di Maria, e a somiglianza di un corpo unito al suo capo». Pio XII (1958) nel 1943 aggiungeva: «Colei che quanto al corpo era la Madre del nostro Capo, poté divenire, quanto allo spirito, Madre di tutte le sue membra» (Mystici corporis Christi, Epilogo). La protestante France Quéré nel 1982, azzardando un rilancio mariologico, spiegava: «Maria ha messo al mondo Gesù e adesso (nozze di Cana) mette al mondo il Cristo». La Madre si rivolge al Figlio perché intervenga e ai servi per indirizzarli a Gesù. Vuol dire che a Cana, nel fondare la fede degli apostoli, Maria mette al mondo il Cristo totale: Gesù e i discepoli. Il Concilio vaticano II insegna: Maria è «veramente Madre delle membra (di Cristo)... perché cooperò con amore affinché i fedeli, che sono le membra di quel Capo, nascessero nella Chiesa» (LG 53). Il 21 novembre 1964 Paolo VI rilevava che Maria è Madre della Chiesa poiché ella «è Madre di colui che, fin dal primo istante dell’incarnazione nel suo seno verginale, ha unito a sé come capo il suo corpo mistico che è la Chiesa». Giovanni Paolo II nel 1987 ribadiva: nella sua «materna carità», la Vergine «si prende cura dei fratelli del Figlio suo», «alla cui rigenerazione e formazione ella coopera» (RM 45). Sulla scia del Montfort, Giovanni Paolo II nel 1993 esplicitava: «Concependo il Capo», Maria «concepiva la Chiesa»: accoglieva cioè insieme con lui, almeno oggettivamente, anche noi, che siamo le sue membra. In una lettera apostolica ai Missionari monfortani (2003), Giovanni Paolo II scriveva nel n. 5: «La dottrina del Corpo mistico, che esprime nel modo più forte l’unione di Cristo con la Chiesa, è anche il fondamento biblico di questa affermazione: “Il Capo e le membra nascono da una stessa Madre” (Trattato del Montfort = VD 32), ci ricorda san Luigi Maria. In questo senso ogni vero figlio della Chiesa deve avere Dio per padre e Maria per madre» (cf Segreto di Maria del Montfort = SM 11).

2. Formatrice dei santi secondo Montfort.

Montfort sostiene che Dio Padre ha dato a Maria «il potere di generare il suo Figlio e tutti i membri del suo corpo mistico» (VD 17), poiché egli «vuole avere figli per mezzo di Maria sino alla fine del mondo» (VD 29). Poi Montfort spiega: «Maria è il magnifico stampo di Dio, modellato dallo Spirito Santo sia per formare un uomo-Dio, come è avvenuto nell’incarnazione, sia per formare dell’uomo un Dio per mezzo della grazia» (SM 17). Rivolgendosi poi allo Spirito, Montfort chiede: «Spirito Santo, ricordati di generare e formare figli di Dio con Maria... Hai formato in lei e con lei il Capo degli eletti, perciò con lei e in lei devi formare tutte le sue membra» (Preghiera infocata,15). E continua: come in unione con lo Spirito Santo, Maria ha collaborato all’incarnazione del Verbo, «così la formazione e l’educazione dei grandi santi... sono riservate a lei, poiché soltanto questa Vergine singolare e miracolosa può produrre, insieme allo Spirito Santo, le cose singolari e straordinarie» (VD 35). Montfort prima aveva annotato: «Tutti i predestinati, per essere conformi all’immagine del Figlio di Dio, sono nascosti, mentre vivono quaggiù, nel grembo della Santissima Vergine. Questa Madre amorevole li custodisce, nutre e fa crescere sino a che non li rigeneri alla gloria, dopo la morte che è veramente il giorno della loro nascita» (VD 33).

Conclusione

Per san Bonaventura, «nessun santo si è mai salvato, anzi santificato, senza l’opera mediatrice ed esemplare di Maria». Montfort aggiunge: «Nessuno, al di fuori di Maria, ha trovato grazia davanti a Dio per sé e per tutto il genere umano. Nessuno, al di fuori di lei, ha avuto il potere di incarnare e far nascere l’eterna Sapienza e può ancora oggi, in collaborazione con lo Spirito Santo, incarnarla, per così dire, nei predestinati» (ASE 203). Montfort rileva anche: «Come nella generazione naturale e fisica c’è un padre e una madre, così nella generazione soprannaturale e spirituale c’è un padre che è Dio e una madre che è Maria» (VD 30). Pertanto, per avere Dio per padre e Maria per madre, occorre lasciarsi modellare dal Signore, come i santi, in Maria che è «un luogo santo, anzi il Santo dei santi, dove i santi si sono formati e modellati» (VD 218). Ella è «stampo adatto a formare e modellare degli dèi. Chi è gettato in questo stampo divino, vien presto formato e modellato in Gesù Cristo, e Gesù Cristo in lui» (VD 219): è in grado di diventare «una copia al naturale di Gesù Cristo» (VD 220).
 

Inserito Sabato 18 Giugno 2016, alle ore 0:34:01 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
Offrire e soffrire con Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.12 Secondi