PORTALE DI MARIOLOGIA - I ''Pasti di Maria'': dal Malawi una storia di fede e di aiuti
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 560
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 89
Iscritti: 0
Totale: 89
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  I ''Pasti di Maria'': dal Malawi una storia di fede e di aiuti 
Varie

Un'intervista della Radio vaticana del 27 novembre 2016 a Francesco Stefanini, responsabile di "Mary's Meals Italia".



Quasi 1 milione e 200 mila bambini ogni giorno ricevono un pasto in 12 Paesi sparsi su 4 continenti, con 100 mila volontari che si adoperano per dare loro anche la possibilità di avere un’istruzione, con cui poter sconfiggere l’indigenza. È l’operato di "Mary’s Meals", letteralmente “Pasti di Maria”: una onlus apolitica e aconfessionale nata nel 2002 dalle vicende dello scozzese Magnus MacFarlane-Barrow, legate a una storia di fede e di aiuti umanitari, che ha avviato anche in Italia un ciclo di appuntamenti nelle università e collaborazioni con varie associazioni, tra cui la Fondazione Protettorato di San Giuseppe, la Comunità di Sant'Egidio e la Croce Rossa. Francesco Gnagni ne ha parlato con il responsabile italiano di "Mary's Meals Italia", Francesco Stefanini:

R. - "Mary’s Meals" nasce nel 2002: all'epoca forniva cibo a duecento bambini in Malawi con un piccolo programma di alimentazione in una piccola scuola. Oggi alimenta nel mondo, in 12 Paesi, un milione e 187 mila bambini per ogni giorno di scuola.

D. - Com'è nata l’associazione?

R. - Era appunto il 2002. Il nostro fondatore Magnus MacFarlane-Barrow, uno scozzese, visitò una famiglia che viveva in una situazione di estrema povertà, con una mamma morente di Hiv. Magnus chiese al figlio più grande - erano sei - quale fosse il suo sogno, quali fossero le sue ambizioni per il futuro. E lui rispose: “Avere abbastanza cibo per potere andare a scuola”. Quella è stata l’intuizione che a Magnus ha fatto scattare l’idea di fondare un’associazione che fornisse cibo per permettere di andare a scuola. "Mary’s Meals" nasce dunque dall’intuizione di un piccolo, di un bambino; non nasce in un tavolo di grandi, di pensatori, ma dal desiderio di un bambino.

D. - Quali sono i profili dei volontari che collaborano?

R. - Moltissimi dei nostri volontari appartengono a parrocchie sia in Italia sia all’estero. "Mary’s Meals" letteralmente in italiano significa “Pasti di Maria”. Il nome si ispira a Maria, figura che ha cresciuto e allevato Gesù in maniera molto più semplice, consentendogli di crescere. Quindi "Mary’s Meals", come "Pasti di Maria", si richiama alla figura della Madonna che è stata capace di crescere suo figlio anche in condizioni di povertà.

D. - Distribuendo pasti, la vostra associazione garantisce un futuro e la possibilità non solo di immaginarlo ma anche di progettarlo concretamente. Ci racconta qualcosa delle storie che lei ha vissuto facendo questa attività?

R. - A giugno ero in Malawi. Ricordo che visitando alcune scuole, in posti anche molto difficili da raggiungere, vedevo questi piccoli bimbi che si muovevano per la strada: dal loro villaggio di origine verso la scuola, ognuno aveva la sua coppetta, andava a scuola e prendeva il pasto servito dai nostri volontari. Questo è stato veramente commovente e toccante. Un’altra storia: ero sempre lì, in Malawi, a giugno, a versare questo “cuore” nelle coppe dei bimbi; non sono riuscito a versare una coppa fino all’orlo. Dopo un po’ vedo il bambino scomparire dietro la fila; dopo qualche minuto mi sento toccare sulle spalle e questo bambino mi dice: “Piena fino all’orlo: io mangio solo una volta al giorno”. In quel momento ho capito quanto "Mary’s Meals" sia veramente importante per la vita di questi bambini che oggi, soprattutto nel momento di crisi che vive il Malawi, mangiano solamente una volta al giorno.

D. - State organizzando delle iniziative anche in Italia?

R. - Ad oggi abbiamo anche un programma molto interessante che avvicina le persone perché diamo ai bambini sia il pasto quotidiano per ogni giorno di scuola, per tutto l’anno scolastico, sia degli zaini. Quindi diamo anche la possibilità materiale di poter studiare. Moltissime scuole, gruppi, associazioni raccolgono i loro zaini secondo una lista prestabilita, noi li raduniamo in ogni parte d’Italia e dopo li spediamo a questi bimbi. E quando ricevono il loro zaino personalizzato con tutte le cosine dentro, si sentono onorati perché hanno sia la possibilità di mangiare a scuola sia gli strumenti per poterla frequentare, quindi un quaderno, una penna, le ciabatte per poter camminare e un’agendina per poter appuntare delle cose. E la loro gioia - quando ero lì a giugno, ho visto scaricare il camion degli zaini - era tantissima!

 

Inserito Lunedi 28 Novembre 2016, alle ore 10:31:50 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Varie
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Varie:
Morto il mariologo P. Stefano De Fiores

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Varie

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi