PORTALE DI MARIOLOGIA - Il Rosario, preghiera cristologica
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 542
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 85
Iscritti: 0
Totale: 85
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Il Rosario, preghiera cristologica 
Preghiere

Una meditazione di P. Ruggero M. Di Bitetto.



Non è possibile cogliere la vera immagine evangelica di Gesù e comprenderne la vita, senza un costante riferimento alla preghiera. Partendo da questa considerazione, Romano Guardini conclude che la preghiera per noi è una necessità interiore, una grazia, un dovere. Pregare è innalzare la mente e il cuore a Dio, è ascoltarlo e parlargli nel silenzio dell’anima. Ecco allora la lezione che ci viene dal rosario. Esso ci offre “quel ritorno tranquillo e quell’indugio pensoso” che rende la preghiera stessa più vera e più fruttuosa. È lo stesso Romano Guardini a compiere questo passaggio dalla preghiera in genere alla preghiera mariana. Egli afferma: “Il rosario è un ritiro silenzioso dove si può andare in cerca di pace; è come un santuario dalla porta sempre aperta, dove si può deporre ogni preoccupazione”.
Un famoso scrittore francese, Péguy, raffigurava il rosario ad un vascello navigante vittoriosamente verso la casa del Padre. È questo il senso della festa del Rosario, inserita opportunamente nel mese di ottobre. Anticamente la festa del Rosario era chiamata festa di “Santa Maria della Vittoria” in ricordo della vittoria riportata dalla flotta cristiana su quella turca nelle acque di Lepanto il 7 ottobre 1571. Il Sommo Pontefice Leone XIII inserì nelle Litanie Lauretane l’invocazione: “Regina Sacratissimi Rosarii”. Titolo felice che parve riscuotere il gradimento della Vergine stessa nelle famose apparizioni di Fatima. Dopo aver raccomandato la recita quotidiana del rosario in ognuna delle apparizioni per ottenere la conversione e la pace del mondo, durante l’ultima apparizione del 13 ottobre, resa celebre dal miracolo del sole, affermò: “Io sono la Madonna del Rosario”.
In ottobre siamo invitati a riflettere sull’importanza di questa preghiera che “ci mette in comunione di vita con Cristo attraverso il cuore di Maria” (S. Giovanni Paolo II). Il rosario ci richiama la volontà salvifica di Dio e la sua attuazione attraverso il “” incondizionato di Maria, che rese possibile l’incarnazione del Verbo. Maria diventa dunque “la perpetua premessa, il punto di origine, la perfetta attuazione della volontà di Dio” (H. U. Balthasar).
Il rosario è una preghiera essenzialmente “cristologica” in quanto mette in contatto con i misteri della salvezza realizzata da Cristo Salvatore e Redentore. La caratteristica principale del rosario è di essere “compendio del Vangelo”, cioè una meditazione dei misteri della vita di Cristo, cui fa partecipe in modo unico Sua Madre. Il Rosario è spazio terapeutico che fa passare da una cultura aggressiva ad una “cultura di pace”, guarisce dall’egoismo ed educa al dono totale di sé al Dio dell’Alleanza. S. Giovanni Paolo II ci ricordava che: “Non si può recitare il Rosario senza sentirsi coinvolti in un preciso impegno di servizio alla pace” (Rosarium Virginis Mariae, 6). Il rosario oltre che cristologica, è certamente “preghiera mariana per eccellenza” perché si rivolge direttamente alla Madre del Signore ripetendo dieci volte l’Ave Maria per ogni mistero. Nella preghiera del rosario, la relazione della Vergine con il mistero di Cristo è stata più espressamente messa in luce con la meditazione di una diversità di “misteri”. Questa diversità permette di contemplare in modo più concreto gli eventi vissuti da Maria e di condividere più profondamente i sentimenti provati dalla Madre di Dio nella sua unione con Cristo e nel suo contributo specifico all’opera redentrice. Nel rosario ci sforziamo di pregare come Maria e con Maria, in quanto ci ispiriamo a Lei come “icona di pace”. Infine Maria è invocata con il titolo “Regina della Pace”, come ha disposto nel 1917 il Pontefice Benedetto XV, perché a nessuno sta a cuore come a Lei, Madre dell’umanità, la concordia e la comunione di tutti i figli di Dio.
L’attuale drammatica congiuntura in cui molti focolai di guerra sono presenti nel mondo ci deve far riflettere, poiché la pace è l’essenza stessa del Vangelo, il vero crocevia dove si danno appuntamento il Dio della pace e l’uomo artefice di pace. I Papi degli ultimi due secoli nei loro interventi a favore della pace, hanno più volte richiamato l’invito alla preghiera come la “vera arma” per vincere e ottenere la pace. La Vergine Santissima sia a Lourdes che a Fatima ha suggerito e invitato i veggenti e i fedeli a pregare il rosario per la conversione e per la pace. S. Giovanni Paolo II nella Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae scriveva: “Alla preghiera del Rosario desidero ancora una volta affidare la grande causa della pace. Siamo davanti ad una situazione internazionale gravida di tensioni, a tratti incandescente. In alcuni punti del mondo dove lo scontro è più forte, penso in particolare alla martoriata terra di Cristo, si tocca con mano che a poco valgono i tentativi della politica, pur sempre necessari, se gli animi restano esacerbati e non si è capaci di un nuovo sguardo del cuore per riprendere con speranza i fili del dialogo.”
 In questo scenario triste del mondo, la presenza di Maria ci rassicura e ci conforta, ci rende audaci e ci infonde quel coraggio che viene meno al contatto degli eventi di cui siamo testimoni. Tutto ciò nasce dal convincimento che se Dio è onnipotente per natura, Maria è onnipotente per grazia, una espressione, ammonisce S. Giovanni Paolo II nella Lettera Apostolica sul Rosario, “audace da comprendere, ma anche una certezza che, a partire dal Vangelo, si è andata consolidando per via di esperienza nel popolo cristiano”. Il S. Padre aggiunge a queste parole una riflessione che merita di essere presentata nel cammino di fede: “Nel Rosario, Maria, Santuario dello Spirito Santo, mentre è supplicata da noi, si pone per noi, davanti al Padre che l’ha colmata di grazia, e al Figlio nato dal suo grembo, pregando per noi e con noi”. Scorrendo le varie tappe della vita di Gesù e di Maria, il Rosario ci conduce ad una visione integrale della vita cristiana e ci offre molti motivi di consolazione, di fiducia e di speranza.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Sabato 7 Ottobre 2017, alle ore 11:34:42 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Preghiere
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Preghiere:
La più antica preghiera alla Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Preghiere

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi