PORTALE DI MARIOLOGIA - Nel Cuore materno di Maria
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Raccolta video
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Iconografia e iconologia carmelitana. Atti del IV Convegno di Mariologia Carmelitana
  Con te Maria. Brani scelti di San Massimiliano Kolbe
  Mjriam di Nazaret, la donna che conduce a Dio. In dialogo fra cristiani e islamici
  L'annunciazione
  Le più belle icone mariane. Per una lettura teologica delle icone
  Salve Regina. Un commento biblico e teologico ad una preghiera antica e sempre attuale
  Io sono la madre di Gesù. Le apparizioni di Nostra Signora del Laus
  La Madonna mi è cara.Maria nella vita e negli scritti di Benedetta Bianchi Porro
  Perseveranti con Maria
  La Total pequeñez o la vida en María.
  Maria di Nazareth. Il suo sì, la nostra sequela
  Maria. La madre che salva
  L' Immacolata nella vita di don Dolindo Ruotolo, padre Pio e don Giuseppe Tomaselli, figlio spirituale di don Bosco
  Meditare e contemplare il Rosario
  Caterina Labouré, la veggente silenziosa
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Maria, vera nostra sorella


Eva - Maria nella ''Mulieris dignitatem'' di Giovanni Paolo II


Il volto di Maria negli scritti di San Giovanni Della Croce


E beata colei che ha creduto… (Lc 1, 45)


Con Maria vivere le relazioni, trasfigurare l’umano


Maggio con Maria


Maggio, con Te nel cuore, o Maria!


Insieme con Maria: il vissuto dei Santi, un fatto ecclesiale


Ave Maria


La Vergine Maria e la nascita della Chiesa


Pietà popolare. Da problema a risorsa pastorale


Maria ''Donna'' a servizio della vita


Maria è una sorgente viva di speranza


Mjriam di Nazaret. La Donna che conduce a Dio.


Il Santuario di Knock in Irlanda elevato a Santuario Internazionale


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 515
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 256
Iscritti: 0
Totale: 256
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Nel Cuore materno di Maria 
Devozione

Un articolo di P. Antonio Maria Sicari, in La Madonna della Neve, n. 1 - gennaio 2018, pp. 12-13.



É solo con l'Atto di affidamento e di consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria compiuto da Giovanni Paolo II il 13 maggio 1982 e replicato il 25 marzo 1984 in occasione del giubileo delle famiglie, che la domanda del Cielo viene così precisata ed esaudita:  «Mettere la stessa consacrazione del mondo già fatta al Sacro Cuore di Gesù nel Cuore materno della Vergine». La devozione al Cuore Immacolato di Maria non è dunque una semplice aggiunta a quella che per secoli è stata tributata al Cuore di Gesù, non è solo "una via più breve e più dolce", ma è un compimento. Si tratta di un particolare avvolgimento materno che Gesù stesso desidera, col suo cuore di Figlio. Infine, in occasione del Giubileo del 2000, Giovanni Paolo II ha voluto nuovamente «affidare a Maria il nuovo Millennio», spiegando a lei i nostri drammi: «[Vergine Santa] Tu sei splendore che nulla toglie alla luce di Cristo, perché esisti in Lui e per Lui. Tutto in te è "fiat": Tu sei l'Immacolata, sei trasparenza e pienezza di grazia. Ecco, dunque, i tuoi figli, raccolti intorno a te, all'alba del nuovo Millennio. Vogliamo oggi affidarti il futuro che ci attende, chiedendoti d'accompagnarci nel nostro cammino. Siamo uomini e donne di un'epoca straordinaria, tanto esaltante quanto ricca di contraddizioni. L'umanità possiede oggi strumenti d'inaudita potenza: può fare di questo mondo un giardino, o ridurlo a un ammasso di macerie. Ha acquistato straordinarie capacità d'intervento sulle sorgenti stesse della vita: può usarne per il bene, dentro l'alveo della legge morale, o può cedere all'orgoglio miope di una scienza che non accetta confini, fino a calpestare il rispetto dovuto a ogni essere umano. Oggi come mai nel passato, l'umanità è a un bivio. E, ancora una volta, la salvezza è tutta e solo, o Vergine santa, nel tuo figlio Gesù».

Consegnaci al Figlio diletto

Un ulteriore ammonimento, breve ma significativo, è venuto infine da papa Benedetto XVl, che a Fatima nel 2010, ha detto non senza severità: «Si illuderebbe chi pensasse che la missione profetica di Fatima sia conclusa. Qui rivive quel disegno di Dio che interpella l'umanità sin dai suoi primordi: "Dov'è Abele, tuo fratello? [ ... ] La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!" (Gen 4,9). L'uomo ha potuto scatenare un ciclo di morte e di terrore, ma non riesce a interromperlo... Nella Sacra Scrittura appare frequentemente che Dio sia alla ricerca di giusti per salvare la città degli uomini e lo stesso fa qui, in Fatima (...). Con la famiglia umana pronta a sacrificare i suoi legami più santi sull'altare di gretti egoismi di nazione, razza, ideologia, gruppo, individuo, è venuta dal Cielo la nostra Madre benedetta offrendosi per trapiantare, nel cuore di quanti le si affidano, l'Amore di Dio che arde nel suo... Possano questi sette anni che ci separano dal centenario delle Apparizioni affrettare il preannunciato trionfo del Cuore Immacolato di Maria a gloria della Santissima Trinità». L'ultimo solenne Atto di consacrazione è stato celebrato da papa Francesco il 13 ottobre 2013, davanti alla statua della Madonna di Fatima, trasportata appositamente a Roma: «Beata Maria, Vergine di Fatima, con rinnovata gratitudine per la tua presenza materna uniamo la nostra voce a quella di tutte le generazioni che ti dicono beata. Celebriamo in te le grandi opere di Dio, che mai si stanca di chinarsi con misericordia sull'umanità, afflitta dal male e ferita dal peccato, per guarirla e salvarla. Accogli con benevolenza di Madre l'atto di affidamento che oggi facciamo con fiducia, dinanzi a questa tua immagine a noi tanto cara. Siamo certi che ognuno di noi è prezioso ai tuoi occhi e che nulla ti è estraneo di tutto ciò che abita nei nostri cuori. Ci lasciamo raggiungere dal tuo dolcissimo sguardo e riceviamo la consolante carezza del tuo sorriso. Custodisci la nostra vita fra le tue braccia: benedici e rafforza ogni desiderio di bene; ravviva e alimenta la fede; sostieni e illumina la speranza; suscita e anima la carità; guida tutti noi nel cammino della santità. Insegnaci il tuo stesso amore di predilezione per i piccoli e i poveri, per gli esclusi e i sofferenti, per i peccatori e gli smarriti di cuore: raduna tutti sotto la tua protezione e tutti consegna al tuo diletto Figlio, il Signore nostro Gesù. Amen».

Un cuore dentro l'altro

Ci resta ancora un'ultima domanda sul significato di questo particolarissimo innesto operato dagli ultimi Pontefici, non solo associando le due devozioni, ma mettendo l'affidamento del mondo al Cuore di Gesù dentro il Cuore Immacolato di Maria. La risposta può essere questa: per secoli la devozione al Cuore di Gesù si è diffusa, sì, nel mondo, ma spesso e stata accompagnata dalle critiche e dall'irrisione di certi cristiani (e perfino teologi) che l'hanno accusata di essere troppo "sentimentale", "dolciastra", "superficiale", "sensuale", e per di più affidata a immagini definite "indiscrete, pacchiane e di cattivo gusto, oltre che teologicamente problematiche, perché si concentrano sul cuore fisico di Gesù", avvolto di fiamme e di spine. E si sono augurati che si chiudesse finalmente la lunga epoca del "sacro-cuorismo". Ma forse la risposta più spontanea e originale sul perché della svolta mariana della stessa devozione l'ha data indirettamente e bonariamente papa Francesco, nella prima meditazione che ha predicato ai sacerdoti, in occasione del loro giubileo della misericordia, dicendo: «il cuore che Dio unisce alla nostra miseria morale è il Cuore di Cristo, suo Figlio amato, che batte come un solo cuore con quello del Padre e dello Spirito Santo... Ricordo quando Pio XII ha fatto l'enciclica sul Sacro Cuore [si tratta della Haurietis aquas, del 1956], ricordo che qualcuno diceva: "Perché un'enciclica su questo? Sono cosa da suore.. .". É il centro, il Cuore di Cristo, e il centro della misericordia. Forse le suore capiscono meglio di noi, perché sono madri nella Chiesa, sono icone della Chiesa, della Madonna. Ma il centro è il cuore di Cristo». Questa e una delle più belle definizioni che siano state date della parola "misericordia": «il cuore di Gesù, che Dio Padre unisce alla nostra miseria». E forse l'invito a mettere tutto nel cuore della Vergine santa è stato voluto dal cielo, agli inizi di questo terzo millennio, per ricordarci che la devozione al Cuore di Gesù (che solo ci puà salvare), è diventato un compito urgentemente affidato alle donne-madri e ai bambini, inginocchiati in preghiera davanti al Cuore Immacolato della loro mamma celeste.


Inserito Sabato 17 Febbraio 2018, alle ore 9:37:03 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Devozione
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Devozione:
I «Mesi mariani» in Oriente e in Occidente

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Devozione

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi