PORTALE DI MARIOLOGIA - Decor et Flos Carmeli
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 542
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 183
Iscritti: 0
Totale: 183
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Decor et Flos Carmeli 
Culto

Un articolo di Primo Gironi in Madre di Dio, n. 6 - luglio 2018, p. 3.



II lungo periodo estivo che si apre con il mese di luglio, è quello maggiormente caratterizzato dalle feste della ricca religiosità popolare. É una religiosità radicata in modo particolare attorno alle figure dei Santi e della Vergine Maria, invocata sotto le più diverse denominazioni, originate lungo i secoli dalla pietà del popolo cristiano. È un patrimonio, questa religiosità, che la Chiesa intende valorizzare e perfezionare attraverso gli orientamenti offerti nel Direttorio su pietà popolare e Liturgia, pubblicato nel 2002.

La memoria della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

La memoria della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, conosciuta anche come "Madonna del Carmine", viene celebrata nel cuore dell'estate, il 16 luglio. Nell'esortazione apostolica Marialis cultus del 1974, Paolo VI la colloca tra le feste «celebrate originariamente da particolari famiglie religiose, ma che oggi, per la diffusione raggiunta, possono dirsi veramente ecclesiali» (n. 6). All'origine di questa festa mariana, si trova l'Ordine religioso dei Carmelitani, caratterizzato dallo stretto legame che lo unisce al Monte Carmelo, sul quale si formò il primo nucleo di eremiti che seguivano, come modello di vita, il profeta Elia. Nella tradizione biblica il Monte Carmelo, situato sulla costa mediterranea della Palestina settentrionale, è legato al ciclo di vicende che hanno come protagonista il profeta Elia (cf 1Re 18,20-46). Sulla sua esemplarità di vita e sulla sua assoluta fedeltà a Jhwh come l'unico vero Dio (Elia, infatti, significa: "Jhwh è [il solo] Dio") i Carmelitani hanno posto il fondamento della loro vita contemplativa e della loro regola di vita. Nella spiritualità della Bibbia, il Carmelo è cantato per la sua bellezza, che assume un significato ricco di simbolismo. «Lo splendore del Carmelo», di cui parla Isaia 35,3, viene riferito a Gerusalemme, intesa non nella sua realtà geografica, ma come personificazione di tutto il popolo di Israele. Il Carmelo si inserisce così in quella che è chiamata la "geografia dello spirito", nella quale tutti gli elementi materiali (case, piante, fiori, monti, fiumi) assumono un profondo simbolismo spirituale, che si applica a Israele, alla Chiesa, alla singola anima e in modo particolare alla Vergine Maria. Ciò spiega perché il Carmelo, che nella sua etimologia significa "giardino", diventa il simbolo di quel "giardino" fiorito e ricco di ogni virtù che è la Vergine Maria, invocata come Decor et Flos Carmeli ("bellezza e fiore del Carmelo"). Ci piace qui ricordare il simbolismo biblico della "piccola nube" che sale dal mare e annuncia ad Elia sul Monte Carmelo la fine della siccità (cf 1Re 18,41-46). In questa "nuvola" la spiritualità carmelitana vede una raffigurazione della Vergine Maria, la quale offre al mondo il figlio Gesù, che annuncia la fine del dominio del peccato (simboleggiato nella siccità). Come pure ci piace cogliere il simbolismo dello Scapolare (o Abitino del Carmelo), che viene indossato dai devoti della Madonna del Carmine e al quale la tradizione attribuisce particolari privilegi. Maria guida il suo fedele a rivestirsi dell'uomo nuovo, che è il suo figlio Gesù. Sotto la guida di questa premurosa Madre, il fedele può così giungere al «santo monte, che è Cristo Gesù nostro Signore» (Colletta della Messa della memoria).

La memoria dei santi Gioacchino e Anna

La memoria dei santi Gioacchino e Anna, si celebra il 26 luglio in un contesto particolarmente "mariano". Gioacchino (in ebraico Ioakìm, "Dio concede") e Anna ("la graziata"), sono presentati dalla tradizione come i genitori della Vergine Maria, la figlia che essi, già avanti negli anni, ottengono grazie all'intervento del Signore. La loro vicenda, che li rende simili ad altre coppie sterili che nella Bibbia Dio visita con il dono dei figli, è narrata nel testo apocrifo conosciuto come Protovangelo di Giacomo, risalente al II secolo d.C.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Venerdi 13 Luglio 2018, alle ore 13:21:48 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Culto
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Culto:
Solennità, Feste e Memorie della B. Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Culto

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi