PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria, Madre del Salvatore, ci ama come siamo
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 776
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 92
Iscritti: 0
Totale: 92
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Maria, Madre del Salvatore, ci ama come siamo 
Spiritualità

Un articolo di Angelo Di Maria, in Maria Ausiliatrice, n. 6 2017, pp. 24-25.



Gesù è il Salvatore e Maria è sua madre e vuole il nostro incontro con lui. Incontrarlo non è facile; non lo è stato neppure per gli apostoli che si sono manifestati molte volte dubbiosi. Gesù si presentava e si presenta come la perla preziosa per la quale vale la pena di vendere tutto. Esige di essere creduto e amato totalmente; chi lo incontra nell'amore e nella fede ed ha la forza e il coraggio di abbandonarsi totalmente a lui, vive un incontro entusiasmante.

GLI OSTACOLI AD UN VERO INCONTRO CON CRISTO

Anzitutto non crediamoci autosufficienti. È un rischio molto comune: "Io sono onesto: non ho ucciso... tutto sommato, sono a posto". Il secondo ostacolo è l'attaccamento agli idoli, il sentirci sicuri solo quando possediamo ricchezze o la stima degli altri. La schiavitù dell'avere ci fa credere ricchi. Spesso il distacco dalle cose ci pesa e diventa a volte insostenibile perché non è vivo in noi il senso profondo di Provvidenza e di appartenenza a Dio. Il terzo ostacolo è la chiusura verso gli altri: abbiamo paura che, mettendoci a servizio degli altri, perdiamo noi stessi.

ESPERIENZA DI MARIA

In questo incontro con Cristo, quale testimonianza ci può dare Maria? Ella è il tralcio più attaccato a Gesù, è colei che più di ogni altra creatura ha lasciato che Cristo entrasse nel suo cuore; lo ha accolto, come madre, prima redenta, piena di grazia, figlia prediletta del Padre. È anche il tralcio più proteso verso di noi. Gesù ha detto: "Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano" (Gv 15, 5-6). Soltanto se rimaniamo in lui portiamo frutto e Maria lo ha fatto e ci invita ad imitarla. È la madre che Gesù ci ha dato ed è corredentrice: ha accettato di essere sofferente con il Figlio per la nostra redenzione. Più di ogni altra persona ha saputo vivere questa esperienza di unità e di inscindibile amore con il Figlio suo. L'era dello Spirito è iniziata per l'adesione, libera e cosciente di Maria al progetto di Dio. Se uno accetta di fare la volontà di Dio in ogni circostanza, diventa a sua volta corredentore, partecipa all'opera redentrice di Cristo in maniera certo misteriosa, ma reale e noi sapremo solo in cielo quante persone sono state aiutate dalla nostra disponibilità ad accogliere la volontà del Signore.

IL SÌ DI MARIA E IL SÌ NOSTRO

Il sì di Maria al Padre è stato generoso, altruista e totale. E i nostri "" come sono? Quante volte diciamo sì al Signore solo perché non possiamo farne a meno! Diciamo "Sia fatta la tua volontà" perché non possiamo fare la nostra. Non è questo lo stile di vita del cristiano e non è questo che ci insegna Maria. Ella è imitatrice di Cristo che ha detto: "Mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e compiere la sua opera" (Gv 4, 34). Nostro cibo è impegnarci a realizzare ciò che Dio vuole da noi oggi, non domani, in ogni situazione: piccola o grande, sconosciuta o gratificante. Martire non è solo chi si lascia uccidere per testimoniare la sua fede, ma anche, e direi soprattutto, chi, in ogni istante della giornata, sa dire il suo sì a Dio. A volte nella gioia, spesso nella sofferenza e nel dubbio, sa chiedere a Dio l'aiuto per dire questo sì. Non spaventiamoci se qualche volta questo sì ci è costato e non l'abbiamo detto. La realtà più grande e consolante è questa: Dio, comunque, ci ama per quello che siamo e come siamo; non per lasciarci come siamo, ma per cambiarci. Il passato lo si recupera con l'amore e l'impegno nel presente e nel futuro che Dio crederà concederci. Anche Maria ci ama come siamo, perché quando si ama non si fa caso se la persona amata è vestita bene o male. Merita un posto speciale nella nostra vita perché ci ha dato Gesù e continua a donarcelo e Cristo ci dà futuro, fiducia e speranza.

O MARIA, MADRE DI GESÙ, NOSTRO SALVATORE.
IN QUESTO MONDO, DIMENTICO DEL CIELO,
ALLA RICERCA DEL SENSO DELLA VITA,
AIUTACI A VALORIZZARE OGNI GIORNO
IL MESSAGGIO CHE CI DONA IL VANGELO;
PAROLA DI CRISTO CHE CI INVITA
ALL'INCONTRO PROFONDO CON LUI.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Martedi 31 Luglio 2018, alle ore 16:57:44 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
Offrire e soffrire con Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.18 Secondi