PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria, l’«amen» della gloria
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 775
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 318
Iscritti: 0
Totale: 318
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Maria, l’«amen» della gloria 
Società

Un articolo di Michele Giulio Masciarelli in Settimana News del 14 agosto 2018



Il rapporto di Maria con la Trinità è continuo; ogni aspetto della sua esistenza appartiene a quel mistero: l’ideazione della sua singolare vocazione, la sua concezione immacolata, la sua perpetua condizione verginale, la sua divina maternità, la sua compagnia materna data al Figlio in ogni passaggio della sua missione messianica, la sua maternità ecclesiale. È certamente vero che nessuna creatura ha avuto né avrà tanta relazione con la Trinità: Padre, Figlio e Spirito. Ciascuna delle tre divine Persone ha posto sull’esistenza di Maria, in modo proprio, l’impronta della sua somiglianza.

1. Il Padre ha chiamato Maria alla gloria

Il Padre, come è all’origine di tutta l’opera salvifica, è anche all’inizio dell’avventura di grazia vissuta da Maria come madre messianica: la grazia di Maria viene dal Padre e porta al Padre, che la glorifica chiamandola vicino Figlio che siede alla sua destra. Maria è stata assunta: non si è autoelevata in cielo; non è ascesa al cielo per forza propria. Occorre perciò indicare il soggetto attivo dell’Assunzione, se vogliamo comprendere e spiegare, nella fede, l’ultimo privilegio mariano. Quel soggetto attivo è il Padre. È lui che ha chiamato e portato in cielo la Madre del Figlio. La glorificazione di Maria con l’assunzione al cielo è tema immediatamente mariano, ma fondamentalmente è tema teologico, nel senso che è una delle iniziative del Padre su Maria. La Vergine riceve la grazia dell’Assunzione, come aveva ricevuto quelle dell’Immacolata Concezione, dell’Annunciazione, della Maternità divina… L’Assunzione, iniziativa del Padre, conferma in modo plastico che nel cristianesimo non esiste l’autoredenzione e, perciò, neppure l’autoglorificazione. Maria non si è autoredenta (è il senso dell’Immacolata Concezione); perciò non si è neppure autoglorificata (è il senso dell’Assunzione).

2. L’uomo di oggi di fronte all’icona della Glorificata

L’uomo contemporaneo consuma la sua esistenza nel quotidiano; egli pone ormai le sue scelte nella breve terra dell’oggi, senza pretendere che esse debbano venire da lontano (assenza della tradizione) o debbano portare lontano (assenza dell’apertura al futuro). All’uomo dei nostri giorni sembra bastare quanto entra nelle strette stive di una «nave» che solca un mare senza orizzonti lunghi. Il cristianesimo non s’arrende al nichilismo, ma è fiducioso di scuoterlo con la sua profezia escatologica. Dinanzi al labirinto nichilistico che smarrisce l’uomo di oggi o orientandolo al passato per la paura sul futuro, o inchiodandolo al solo presente, o convincendolo che gli bastano futuri brevi, o allevandolo al cinismo di una vita senza «giudizio ultimo», il cristianesimo vuole aiutare l’uomo contemporaneo ad uscirne. Il cristianesimo, anche con l’ostensione dell’icona della Glorificata, dinanzi a un uomo che ama raccontarsi come un essere senza radici e senza promesse, invita a non aver paura del futuro, ma a riassumerlo con fiducia e serietà, a interrogarlo con radicale rigore. La riproposizione, da parte del cristianesimo, del futuro ultimo (nel cui mistero è inserita la glorificazione di Maria) vuol far sentire la sua stimolazione, critica e incoraggiante, al nostro tempo debole che pretende di farsi bastare il solo presente, tempo troppo corto per il desiderio che anche gli uomini di oggi hanno: aspirare all’Oltre e all’Altrove.

3. L’Assunzione sfida alla gioia un’epoca segnata dalla tristezza

C’è una vena di tristezza che connota la nostra ora storica, ed è così profonda da non poter essere nascosta dal frastuono del suo vitalismo. L’epoca contemporanea, nonostante tutto, è un’epoca triste. La sua è una tristezza che ne segna vistosamente il volto fino a contraddistinguerla. La nostra epoca, fra l’altro, sarà ricordata come un’epoca che ha conosciuto la tentazione della disperazione. C’è stato nell’Occidente del Novecento, il terribile secolo da non molto spirato, una venatura amara nella vita privata, nella vita sociale e politica, e perfino nella cultura: Baudelaire, Mallarmé, Camus, Gide, Bernanos, Pavese, Tomasi di Lampedusa sono solo alcuni nomi di quel filone nerastro della sua letteratura che tinge di tristezza il frontespizio del tempio della cultura contemporanea. Senza dire delle correnti malinconiche, tristi, disperanti della filosofia contemporanea, che in tanta parte è filosofia nichilista o comunque della crisi della ragione e dei comuni valori. Tristissimo, poi, è lo scenario se guardiamo all’ambito socio-politico su scala planetaria: sono vistosi i segni di tristezza causati dalla fame e dalla guerra sul volto dei popoli, specie su quello dei cosiddetti «popoli ultimi» e dal terrorismo che rattrista e getta nel panico tutti con i suoi progetti di violenza e di morte. C’è oggi una «difficoltà a dir di sì», affermava anni fa J. B. Metz. Si constata una marcata indisponibilità alla gioia, e ciò nonostante le ostentazioni vitalistiche del nostro tempo, e nonostante le grandi vittorie che l’uomo d’oggi indubbiamente si è date in campo scientifico e tecnologico. Paradossalmente, tanta parte della tristezza patita dall’uomo contemporaneo dipende proprio da quelle presunte e improprie «vittorie»: basti il solo cenno al guasto ecologico per intenderci. La Chiesa osserva ed è preoccupata. Essa sa che nel lungo elenco dei «prodotti» dell’Homo faber d’oggi non si trova la gioia. Si constata, fra l’altro, una tacita confessione di debolezza e d’impotenza da parte di una civiltà che pure mostra di poter tanto; basti pensare all’incapacità della nostra civiltà a fronteggiare serenamente la morte, intorno a cui non sa fare altro che organizzare una specie di congiura del silenzio. Scriveva Paolo VI quasi quarant’anni fa: «La società tecnologica ha potuto moltiplicare le occasioni di piacere, ma essa difficilmente riesce a procurare la gioia. Perché la gioia viene d’altronde. È spirituale» (esortazione apostolica Gaudete in Domino [9.5.1975]). Ora, di fronte a questa profonda e vasta tristezza che permea dei suoi neri umori un’intera epoca, la Chiesa sente il bisogno di reagire: presenta, anzitutto dinanzi ai suoi occhi (cf. Lumen gentium, n. 68), ma anche in faccia al mondo, un segno di speranza, ed è Maria Assunta: «La solennità del 15 agosto celebra la gloriosa Assunzione di Maria al cielo: è, questa, la festa del suo destino di pienezza e di beatitudine, della glorificazione della sua anima immacolata e del suo corpo verginale, della sua perfetta configurazione a Cristo risorto; una festa che propone alla Chiesa e all’umanità l’immagine e il consolante documento dell’avverarsi della speranza finale: ché tale piena glorificazione è il destino di quanti Cristo ha fatto fratelli» (Paolo VI, esortazione apostolica Marialis cultus, n. 6).

4. Con Maria l’«amen» della gloria

Il popolo messianico sarà glorificato con la gloria del Messia e canterà amen a Dio che l’ha creato, salvato e glorificato. L’amen innalzato dalla Chiesa nel Cielo trinitario è il frutto dell’amen trinitario pronunciato da Dio nella storia della salvezza; evoca pertanto il Sì detto dal Padre in Gesù (cf. 2Cor 1,19-20), il Sì detto dal Figlio al Padre (cf. Mt 11,26; 2Cor 1,19-21), il Sì detto dallo Spirito alla chiesa (cf. Ap 14,13). La storia della Chiesa, così, nata dal cuore del Padre, finisce nel cuore del Padre; nata dall’amen creatore del Padre, finisce con l’amen della gratitudine e della lode al «Padre della gloria» (Col 1,17). L’amen escatologico è anche un amen mariano: non solo perché lo grida anch’essa con la Chiesa, ma anche perché, insieme agli amen messianici di Cristo, il suo amen dell’annunciazione, espanso fin sotto la croce del Figlio, ha contribuito a renderlo possibile.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Lunedi 20 Agosto 2018, alle ore 16:43:32 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Società
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Società:
Maria e la consolazione degli afflitti

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Società

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.16 Secondi