PORTALE DI MARIOLOGIA - Perle mariane in Mario Luzi
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 541
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 211
Iscritti: 0
Totale: 211
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Perle mariane in Mario Luzi 
Cultura

Un articolo di P. Gilberto Silvestri.



1. DIFFICILE RICERCA

Cercare testi mariani in Luzi, è stata un’avventura! Pensavo che, essendo egli un poeta cattolico, avesse scritto delle poesie sulla Madonna. Così mi sono messo alla ricerca in quell’oceano informatico che è “Internet”. Risultato: un solo titolo relativo a Maria santissima: Annunciazione. Ma è stata una delusione: la Vergine Maria non viene nemmeno nominata; ragion per cui tralascio sia il testo che il commento. Allora cosa ho fatto? Ho acquistato la raccolta integrale delle poesie di Luzi, pubblicata da Garzanti: due volumi intitolati Le poesie, più un terzo dal titolo: Poesie ultime e ritrovate, per un totale di 1750 pagine. Ho cominciato a sfogliare le pagine e, finalmente, qualcosa ho trovato: si tratta di testi brevi che, nonostante il carattere “ermetico” che ne rende difficile la comprensione, hanno però il valore di altrettante perle sparse qua e là.

2. SETTANT’ANNI DI POESIA

Mario Luzi, nato il provincia di Firenze nel 1914, trascorse quasi tutta la vita in questa città, dove morì nel 2005. Pochi mesi prima era stato nominato senatore a vita dal Presidente Carlo Amelio Ciampi. Alla sua memoria, nella chiesa di S. Maria della Croce è stata posta una lapide accanto alle spoglie dei grandi Michelangelo Buonarroti, Vittorio Alfieri, Galileo Galilei e al cenotafio di Dante Alighieri. Nel corso della sua lunga vita ha scritto numerosi saggi, traduzioni, testi teatrali e ha pubblicato una ventina di raccolte di poesie, che vanno da La barca del 1935 alle poesie composte negli ultimi anni di vita: sono 70 anni di attività artistica e letteraria, che gli ha meritato diversi premi e onorificenze. Ma il più importante riconoscimento pubblico della sua grandezza fu quando il Papa Giovanni Paolo II gli affidò l’incarico di scrivere i testi di meditazione della Via Crucis al Colosseo del Venerdì Santo 1999. Fu allora che Mario Luzi venne conosciuto in tutto il mondo.

3. PERLE MARIANE

La prima “perla mariana” di Luzi la troviamo nella sua prima raccolta poetica intitolata La Barca del 1935. La barca è un’allegoria della vita, intesa come navigazione o viaggio dalla foce alla sorgente, alla ricerca di un senso, di un destino. Nella poesia intitolata Primavera degli orfani il poeta chiede alla madre terra (“Anima dei verdi displuvi”), muta spettatrice delle vicende umane, di intercedere perché la Vergine guardi con amore gli orfani (così numerosi in quel tempo):

        Volgi gli occhi della Vergine sul cuore
        dei fanciulli soli,
        stendi le sue vesti celesti
        sulla loro nudità…


Ed ecco che il viso materno di Maria “palpita per loro” e la sua presenza li conforta:

        … Alto e sconosciuto
        viso di mamma palpita per loro
        nell’oro di cui splende il suo sorriso
        ed è presente nelle veglie gelide
        senza fuoco senza voce,
        ove con le disperazioni antiche scorre
        verso una foce oscura il tempo…


Poco più avanti, nella poesia Alla vita, la Vergine Maria è sentita come una presenza materna che si avvicina ai morenti, raccoglie i dolori di ogni uomo e suscita speranza nelle ragazze che guardano verso l’avvenire:

        Amici dalla barca si vede il mondo
        e in lui una verità che procede
        intrepida, un sospiro profondo
        dalle foci alle sorgenti;
        la Madonna dagli occhi trasparenti
        scende adagio incontro ai morenti,
        raccoglie il cumulo della vita, i dolori
        le voglie segrete da anni sulla faccia inumidita.
        Le ragazze alla finestra annerita
        con lo sguardo verso i monti
        non sanno finire d’aspettare l’avvenire.


Facendo un balzo avanti nel tempo, incontriamo ancora Maria Santissima nel Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini, del 1994. Questa raccolta di 136 poesie s’ispira allo stupendo affresco di Simone Martini, conservato nel Palazzo Pubblico di Siena, che raffigura la Madonna in trono col Bambino, circondata da Angeli e Santi. Nella poesia Un attimo il pittore, nel momento dell’ispirazione, si rivolge alla Madonna con queste parole:

        … In quell’attimo
        - oro e lapislazzulo -
        aiutami, Maria, t’inciderò
        per la tua gloria,
        per la gloria del cielo. Così sia.

Il dialogo filiale del pittore con Maria continua nei versi seguenti, passando dalla preghiera (“Rimani dove sei, ti prego…“) alla riflessione sulla sua misteriosa bellezza (“Era paradiso, già?...”).

Passiamo ora a esaminare la famosa Via Crucis, scritta nel 1999. Come dice nella presentazione lo stesso Mario Luzi, le meditazioni sono un “ininterrotto monologo” di Gesù con il Padre, al quale egli “confida la sua angoscia e i suoi pensieri dibattuti tra il divino e l’umano, la sua afflizione e la sua soprannaturale certezza”. Nella Via Crucis luziana composta, come vuole la tradizione, di 14 stazioni, manca inspiegabilmente l’incontro di Gesù con la sua afflitta Madre; ma troviamo ugualmente passi in cui si parla di Maria, come questo:

        Perché mia madre mi segue e non si allontana?
        Così strazia il suo cuore
        e il mio non regge al suo martirio.
        Perché non le ritornano alla mente
        le parole di Simeone?...
        Eravamo nel tempio in uno dei miei primi giorni.
        Questo è l’ultimo, il più catastrofico di tutti…

                                                                (V stazione)

Un altro accenno a Maria si trova nella stazione successiva, nella quale Gesù incontra le donne di Gerusalemme. Così Gesù sfoga con il Padre il suo dolore:

        Più che la morte è la via per arrivarvi,
        la via crucis, che mi dà angoscia,
        perché è dolorosa e aspra nelle carni
        e spezza il cuore di Maria, mia madre,
        perché infame e odiosa
        è la ressa di questi uomini e donne
        aizzati contro di me.


Più avanti, nella XI stazione, Gesù raccomanda al Padre coloro che lo amano, prima fra tutti Maria:

        Ci sono anime innocenti,
        creature pietose che si angosciano,
        non si danno pace. E questi, ti prego, proteggili.
        Tra loro c’è mia madre…


Ma il punto più bello, secondo me, di questa Via crucis è quando Gesù, inchiodato sulla croce, manifesta al Padre il suo affetto per l’uomo e per la terra da lui abitata:

        Padre mio, mi sono affezionato alla terra
        quanto non avrei creduto.
        È bella e terribile la terra.
        Io ci sono nato quasi di nascosto,
        ci sono cresciuto e fatto adulto
        in un suo angolo quieto
        tra gente povera, amabile ed esecrabile.
        Mi sono affezionato alle sue strade,
        mi sono divenuti cari i poggi e gli uliveti,
        le vigne perfino i deserti.
        È solo una stazione per il figlio Tuo la terra
        ma mi addolora lasciarla
        e perfino questi uomini e le loro occupazioni,
        le loro case e i loro ricoveri
        mi dà pena doverli abbandonare…
        La vita sulla terra è dolorosa,
        ma è anche gioiosa: mi sovvengono
        i piccoli dell’uomo, gli alberi e gli animali…
        Padre, non giudicarlo
        questo mio parlarti umano quasi delirante,
        accoglilo come un desiderio d’amore.


Parole così toccanti, così umane e profonde, è raro trovarle nei poeti del passato e del presente. In tutte le sue poesie, Luzi canta la vita, anche quando fa soffrire, perché crede nella vita scaturita dal sepolcro, dal quale Cristo è risorto.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Venerdi 22 Marzo 2019, alle ore 9:31:05 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Cultura
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Cultura :
La Madonna e la fede in Trilussa

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Cultura

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi