PORTALE DI MARIOLOGIA - Devozione all’Addolorata e partecipazione al dolore degli altri
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 542
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 104
Iscritti: 0
Totale: 104
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Devozione all’Addolorata e partecipazione al dolore degli altri  
Culto

Da un articolo di Luigi M. De Candido, in Madre di Dio, n.8/9 agosto-settembre 2002.

 



La memoria liturgica della Vergine Addolorata ci ricorda le sofferenze della Madre del Signore e ci invita a sentirci vicini e com-passionevoli verso ogni persona che soffre nello spirito e nel corpo.

1. Addolorata: condivisione del limite

L’esatta denominazione della memoria liturgica del 15 Settembre è proprio l’appellativo di Addolorata, ossia un aggettivo sostantivato. Esso individua una persona, ovvero una donna dolente, Maria madre di Gesù; forme devozionali contano situazioni di pena e afflizioni di questa medesima persona, cioè i "sette dolori di Maria". Dunque, il 15 Settembre rappresenta una buona opportunità per stare vicino con attenzione compassionevole ad una persona umana dolente quale fu Maria e per ricaricare il proprio impegno di dilatazione della medesima attitudine di com-passione verso persone sofferenti, come sono gli afflitti dalle varie povertà che s’incontrano nella vita di ogni giorno.
Il dolore costituisce una eredità irrinunciabile della vita umana. Esso è una situazione transitoria, un valico verso approdi di gioia stabile. Patire è una tappa dell’esistere: "Tutta la creazione geme e soffre fino ad oggi nelle doglie del parto ed essa non è la sola, ma anche noi, che possediamo le primizie dello Spirito, gemiamo interiormente aspettando l’adozione a figli, la redenzione del nostro corpo" (Romani 8,22-23). Non è possibile rinunciare al dolore, come non è possibile rinunciare alla vita. È possibile invocare il sollievo, la diminuzione, l’allontanamento da sé del calice doloroso (cfr. Matteo 26,42). È possibile valorizzare il dolore trasformandolo in sacrificio di oblazione (cfr. Filippesi 2,17). È possibile la compassione vicendevole, portando gli uni i pesi e i dolori degli altri (cfr. Galati 6,2).
La celebrazione dell’Addolorata è una sosta per ripensare le proprie convinzioni di fede, che talvolta vacillano sotto l’urto del dolore proprio o altrui; per valutare la ‘reazione’ nei confronti del dolore proprio, non di rado intriso di disperazione o ribellione, e il ‘sentire comune’ nei confronti del dolore altrui, non sempre com-patito ma, anzi, spesso ovattato d’indifferenza, insensibilità, paure da fuggitivi.

2. La celebrazione favorisce una verifica delle proprie esperienze di dolore e di com-passione.

Un esito menomato subisce la devozione mariana se viene assolutizzata la figura dell’Addolorata: sulla terra Maria fu addolorata, la sua storia terrestre annovera umani dolori; ma la sua attualità non è più quella di addolorata bensì quella di gloriosa perché condivide totalmente la gloria del Signore come condivise durante la vita mortale esperienze di dolore. Siffatta verità di fede - l’Assunta nella gloria celeste in anima e corpo - illumina la veracità dell’iconografia mariana: pur non ignorando, ovviamente, l'immagine della Vergine Addolorata, si direbbe che le immagini più coerenti non sono figure piangenti e lamentose, bensì quelle della donna gloriosa, insieme al Figlio; anzi, nella gloria della Trinità.
Perciò le immagini dell’Addolorata sono piuttosto come flash che fissano momenti di dolore, utili come messaggio di speranza e incentivo di com-passione.
La storia della devozione all’Addolorata ammaestra. La pietà mariana ha ‘scoperto’ l’Addolorata alquanto tardi. Gli studiosi rilevano che quel culto solo nel secondo millennio baluginò e via via si dilatò. Il fondamento è perfettamente ortodosso, perché evangelico: le prime attenzioni devozionali fanno riferimento alla presenza di Maria ai piedi della Croce di Gesù, meditano sui dolori della Madre e sui dolori del Figlio. Il Vangelo di Giovanni (cfr. Gv 19,25-27) è sobrio nel rammentare tale scena: esso accentua il reciproco affidamento di Maria e del discepolo amato lasciato come dono da Gesù (donde la denominazione di commendatio della memoria celebrativa, a cominciare dal secolo XV); non si dilunga nell’elencare i rispettivi patimenti: quelli del Crocifisso erano anticipati nelle profezie (cfr. ad esempio Isaia 52,14-53,12) o saranno memoriale nelle liturgie ecclesiali (cfr. ad esempio Filippesi 2,6-8); quelli della Madre non vengono registrati da nessun agiografo. Sarà poi la pietà mariana che andrà sgranando la corona dei dolori di Maria.
Prima di indugiare sulla com-passione dei dolori, la devozione mariana ha bisogno di fermarsi tornando a fare memoria del senso di quegli eventi dolenti e a domandarsi il perché della identità di Addolorata. Detto con un aforisma: il culto si affina con la cultura. Maria fu addolorata perché sua vocazione era la maternità verso il Messia, vocazione che sarebbe passata anche attraverso Passione e Morte sulla Croce, per inoltrarsi alla vita nella Risurrezione e garantire novità di vita alle creature umane peccatrici. Maria patì i suoi dolori perché fu disponibile serva, operando la parola del Signore che costava anche patimenti, come il Cristo medesimo, "pur essendo figlio, imparò l’obbedienza dalle cose che patì" (Eb 5,8). Maria condivise il limite del Figlio proprio e Figlio di Dio. Quel ‘limite’ è la Croce di Gesù che ha preso su di sé peccato e sofferenze dell’umanità. La Madre del Crocifisso per prima completò nella propria carne quanto mancava ai patimenti di Cristo a beneficio del suo corpo, la Chiesa (cfr. Colossesi 1,24).
Con l’Incarnazione Dio volle avere bisogno di una madre vergine; con la Redenzione Cristo volle avere bisogno di una madre addolorata; con la Risurrezione il Signore volle che per prima una donna condividesse, e poi ogni creatura umana avesse la possibilità di condividere, la vita nuova ed eterna.

3. Le tappe di dolore

La devozione all’Addolorata divenne patrimonio spirituale di non poche istituzioni religiose: molte Congregazioni di Suore e alcune di Religiosi prendono nome dall’Addolorata; la celebrazione dei Sette dolori il 15 settembre dal 1668 era liturgia dei frati Servi di Maria, tramite i quali venne estesa ai riti cattolici occidentali (quest’Ordine mantiene tuttora nel proprio rituale la Solennità di Maria presso la Croce, il venerdì della quinta settimana di Quaresima). Ma ancora da prima - da almeno cinque secoli - la pietà mariana ha fissato le tappe del dolore di Maria in sette avvenimenti, taluni desunti dalle narrazioni evangeliche, altri dedotti da verosimiglianze.
I devoti hanno a disposizione la corona dell’Addolorata, un rosario di sette tappe o ‘dolori’ intercalate da sette Ave, Maria nonché la "Via Matris dolorosæ", itinerario analogo alla Via Crucis, limitato a sette soste dentro i sette dolori di Maria. Tale formula eucologica costituisce un omaggio cultuale di com-passione e un incentivo di ispirazione comportamentale per confortare e condividere; la strutturazione attuale accompagna alla meditazione su un avvenimento doloroso di ieri e ad attenzione impegnata nell’oggi.
Il percorso di questo rito è selettivo, ma resta aperto alle attualizzazioni. Tutto inizia con la profezia di Simeone che preannuncia a Maria la spada che le trafiggerà l’anima (cfr. Luca 2,34-35), da sempre interpretata come ‘spada del dolore’ e anzi moltiplicata per sette, ossia per molte volte: ma la ‘spada’ raffigura anche la parola di Dio penetrante fino nell’intimo (cfr. Ebrei 4,12-13), esigente e consolante. Poi sosta su afflizioni durante l’infanzia di Gesù: la fuga in Egitto con Giuseppe e Maria per scampare dalla follia di Erode (cfr. Matteo 2,13-14-18), emblema di ogni perseguitato; lo smarrimento nel tempio a Gerusalemme (cfr. Luca 2,41-52), emblema della sofferenza per le incomprensioni. Il Calvario raffigura il culmine del dolore di Maria e di Gesù, della madre e del figlio: c’è l’incontro sulla via del Calvario, dove la tradizione ha collocato anche la madre addolorata, raffigurazione della solidarietà compassionevole; la morte in Croce e là presso la madre (cfr. Giovanni 19,25-27), alla quale la pietà mette sulle labbra le parole del profeta: "Voi tutti che passate per la via, considerate e osservate se c’è un dolore simile al mio dolore"(Lamentazioni 1,12), segno di condivisione del limite più doloroso quale è la morte e al contempo atto di riconciliazione con la stessa morte; la deposizione dalla Croce (cfr. Marco 15,42-46), raffigurazione plastica di ogni pietà; la sepoltura (cfr. Giovanni 19,38-42), dolore lenito dalla attesa della Risurrezione.
In un mondo come quello in cui viviamo oggi, nel quale imperano sofferenza, violenza, divisioni e morte, sembra che non ci sia nulla da fare, tanto che si è proclivi a rinchiuderci ancora di più nel proprio guscio per difenderci e pensar di salvare la propria anima. Ma i dolori di Cristo e di Maria non si accontentano delle nostre devozioni: ci insegnano e ci abilitano a testimoniare l’amore del Crocifisso e dell’Addolorata, che diventa ispirazione e incoraggiamento.
Può illuminare il senso della celebrazione dei dolori di Maria questa acclamazione: "Benedetta tu, Regina dei martiri: associata alla passione di Cristo, sei divenuta nostra madre, segno di speranza nel nostro cammino".

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Sabato 14 Settembre 2019, alle ore 11:54:52 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Culto
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Culto:
Solennità, Feste e Memorie della B. Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 3
Voti: 1


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Culto

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi