PORTALE DI MARIOLOGIA - Ave Maria: una preghiera che assicura l'equilibrio del mondo
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 770
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 155
Iscritti: 0
Totale: 155
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Ave Maria: una preghiera che assicura l'equilibrio del mondo 
Preghiere

Dal libro di Alessandro Ponzato, L'Ave Maria. Preghiera di tutti, Gribaudi, Milano 1987, pp. 5-10.



Una storia che non più essere raccontata

C'è una storia ufficiale dell'Ave Maria. Quando è nata questa preghiera, in che ambito si e formata, come si è sviluppata, da quali materiali e composta, in che epoca ha assunto la fisionomia definitiva che noi conosciamo.
Ma c'è, parallela, sotterranea, e ancora più importante, un'altra storia dell'Ave Maria, che non potrà mai essere raccontata, descritta, definita. Perché è la storia di centinaia di milioni di persone, nelle epoche più diverse, e nei luoghi più vari.
Una storia che si può soltanto indovinare, intuire.

Le labbra sfuggono alla paralisi

L'Ave Maria è legata a un'infinità di tragedie, pericoli incombenti, situazioni drammatiche, speranze ostinate, crisi squassanti, esplosioni di gioia, incubi, momenti di serenità, tempeste improvvise, esperienze esaltanti.
Oserei dire che l'Ave Maria sta alla base di parecchi miracoli.
Mi confidava un amico: «Ho vissute ore terribili. Attanagliato da un terrore paralizzante. Mi sono sentito perduto. Ma mi sono accorto che non tutto, nel mio corpo, era bloccato, quasi. pietrificato: le labbra continuavano, mi pareva per conto loro, a macinare delle Ave Maria... ».
L'Ave Maria trova posto sul versanti opposti della disperazione e della felicità più incontenibile, della trepidazione e della sicurezza, dell'aridità e della freschezza più spontanea.

Dove nasce l'Ave Maria

Bara, culla, chiesa, strada, campo di battaglia, chiostro, letto d'ospedale, catapecchia, grattacielo, aula d'esami, cucina, metropolitana, sentiero di montagna, marciapiede di una città, cortile, aula di tribunale, jet, carrozzella, stadio, finestra da cui si interroga il buio della notte, camera d'attesa di una sala operatoria, scrivania, sportello di un ufficio di collocamento... possono essere i «luoghi» dell'Ave Maria.
Le situazioni esistenziali più diverse vengono assunte ed espresse da questa preghiera: solitudine agghiacciante e fraternità calorosa, accoglienza, scelta tormentosa, una busta inquietante da aprire, incontri decisivi, fedeltà costosa, umiliazione bruciante, una croce che ti schianta, un'avventura rischiosa, una fortuna insperata, una rivelazione sconvolgente, delusione per un'amicizia che si sgretola, amarezza per una promessa mancata, soddisfazione per un'impresa riuscita, commozione per una mano inattesa che si posa sulla tua spalla nel momento dello sconforto.
L'Ave Maria nasce sulle labbra del mistico, del santo, della persona pia, della vecchietta timorata di Dio, della creatura innocente. Ma anche (almeno qualche volta nella vita) viene biascicata dalla bocca del furfante, del peccatore, del poco di buono, della prostituta.

Una preghiera «giusta» per i giorni feriali

L'Ave Maria è la preghiera «giusta». Per i momenti cruciali della vita, per le svolte più traumatiche, le situazioni-limite. Ma preghiera «giusta» anche per lo scorrere tranquillo delle giornate, senza scossoni di rilievo, senza imprevisti. la preghiera dell'ordinario, della regolarità, dell'apparente banalità. una specie di sacramento dei giorni feriali. Le solite occupazioni, il solito impasto di bocconi amari e minuscole gioie, le solite attese scandite da uno sguardo rassicurante all'orologio, i soliti fastidi, la stanchezza, le ombre, i soliti incontri e scontri, le incomprensioni, le solite presenze più o meno benefiche, i torti da dimenticare, il solito gioioso servizio da prestare, le rughe da cancellare e il sorriso da regalare...
L'Ave Maria accompagna il tran tran della vita di tutti i giorni. Riscatta la monotonia esasperante delle ore tutte uguali. Da' un senso alle cose «insignificanti ». Ti aiuta a scoprire che la vita ha un sapore non soltanto quando è condita da avvenimenti eccezionali, ma soprattutto quando la si sa cucinare con la ricetta fatta di ingredienti poveri, suggeriti dal cuore, che si rifiuta di cedere al ricatto dell'abitudine, della noia, della ripetitività.
Ti suggerisce che la grandezza autentica la si costruisce con piccole cose, materiali semplici, azioni senza risalto esteriore, ma determinate da un'esigenza di armonia, coerenza, fedeltà ai compiti più ingrati. Ti fa capire che l'eroismo più necessario (e più difficile) non è quello dei rari gesti spettacolari, degli interventi in scena del primattore acclamato dal pubblico, ma quello di chi si sforza di svolgere la propria parte, modesta, con dignità, decenza e... assenza di spettatori.

«Buongiorno» alla vita

L'Ave Maria non contempla l'acuto isolato. Accompagna l'esistenza su una tonalità delicata, con note poco squillanti che si inseriscono in una partitura scontata. L'Ave Maria è la preghiera di chi ha il coraggio di ricominciare sempre da capo. Di chi possiede la vera intelligenza: quella che permette di «vedere» come il vero, sensazionale avvenimento inaudito, sia la vita che ti viene offerta ogni giorno e che ogni giorno devi accogliere con stupore e riconoscenza, in quanto dono all'insegna della più assoluta gratuità. Nulla va da sé.
Ave Maria. Una, dieci, cento, mille, centomila volte. E ogni volta, al mattino, spalanchi gli occhi e dici «buongiorno» alla vita. Spalanchi le finestre e ti accorgi che quella giornata, uguale a infinite altre, è una «cosa nuova». ...E anche una «cosa bella».

Se...

Sarebbe un'impresa sensazionale poter ricostruire la storia dell'Ave Maria. Voglio dire avere la possibilità di accertare che cosa è avvenuto nel mondo, negli angoli più remoti della terra, in una stanza qualsiasi di una casa qualsiasi, nella zona più segreta di un uomo, grazie all'Ave Maria.
Persone che hanno tenuto duro, nonostante tutto.
Fragili creature che hanno saputo sopportare situazioni «insostenibili».
Umili protagonisti silenziosi di storie di generosità, perdono, dimenticanza di sé.
Esistenze consumate nell'oscurità più luminosa.
Individui capaci di rispondere alla provocazione della cattiveria e del sopruso col perdono e la dolcezza.
Infaticabili produttori di generosità, pulizia, bontà, speranza, luce.
Tenaci testimoni della misericordia e della pietà.
Operatori di pace e di riconciliazione.
Gente da niente, consapevole, nonostante il compatimento e la derisione dei maestri illustri, che il compito più urgente è quello di fabbricare «opere buone», mentre i personaggi importanti fabbricano (nella migliore delle ipotesi) chiacchiere inconcludenti. In una prospettiva opposta e complementare, sarebbe interessante accertare che cosa sarebbe stata la cosiddetta «grande storia» e la minuscola storia (o cronaca) di certe persone, se non ci fosse stato il peso determinante di questa preghiera.

Chi rende l'aria più respirabile

A costo di apparire ingenuo, ml sorprendo a pensare che l'equilibrio del mondo viene assicurato, in maniera determinante, da una preghiera semplice, comune, recitata da persone semplici e comuni, che non si accontentano però di muovere le labbra, ma si preoccupano anche di garantire le giuste dosi di anti-veleno in modo da rendere l'aria sufficientemente respirabile (nonostante la colossale congiura per renderla tossica). Non illudiamoci: l'equilibrio del nostro pianeta non è affidato ai missili contrapposti.
Ci sono, ignorate, infinite rampe sotterranee da cui partono regolarmente innocue e provvidenziali preghiere che neutralizzano i tentativi compiuti, con feroce determinazione, da «animali razionali» che rivelano, senza pudore, la loro inguaribile vocazione alla stupidità.

Qualcosa di nuovo, come la prima volta

«Ave Maria...»
«Santa Maria...»
Chi tiene conto delle preghiere? Chi prende sul serio queste parole vecchie di duemila anni? Oggi le parole che contano sono quelle della telematica, dell'informatica, delle armi, dei colloqui tra grandi, delle ideologie, del listino di Borsa, della pubblicità, dei maghi di tutti i calibri.
Per fortuna, ci sono milioni di individui ignari che si attaccano a quella fune che sembra logora.
«Ave Maria...»
«Santa Maria...»
Oranti che continuano a credere, imperterriti, nel peso, nel valore, nella forza trasformante di quelle parole antiquate.
«Ave Maria...»
E nel mondo succede qualcosa di decisivo. Proprio come è già capitato, la prima volta, duemila anni fa...
 

Inserito Lunedi 26 Ottobre 2020, alle ore 9:38:34 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Preghiere
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Preghiere:
La più antica preghiera alla Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 1
Voti: 2


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Preghiere

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.15 Secondi