PORTALE DI MARIOLOGIA - Presenza di Maria nella Chiesa Ortodossa
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 746
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 151
Iscritti: 0
Totale: 151
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Presenza di Maria nella Chiesa Ortodossa 
OrtodossiAspetti e significati della presenza di Maria nella Chiesa Ortodossa

Il mistero mariano

Entrando in una Chiesa Ortodossa o assistendo ad una celebrazione liturgica, si rimane colpiti dalle manifestazioni della vivissima pietà mariana. La Theotokos è presente sempre e in ogni luogo e il suo nome scandisce ogni preghiera. Maria è ricordata non soltanto nelle feste a lei dedicate come l'Annunciazione, la Dormizione ed altre, ma anche in ogni Liturgia, nella Preghiera delle ore e nelle grandi tappe della Storia della Salvezza: Natale, Pasqua, Ascensione, Pentecoste. "Per le preghiere della Madre di Dio, Signore salvaci!": questa è l'invocazione che attraversa tutta la Liturgia ortodossa.
Accanto a questa esuberanza della glorificazione liturgica di Maria, spicca la sobrietà delle enunciazioni dogmatiche che la concernono. Se si prescinde da quanto affermato dal Simbolo Niceno-Costantinopolitano "....nato per opera dello Spirito Santo...nel seno della Vergine Maria" e dall'appellativo di Theotokos ufficialmente attribuito a Maria dal Concilio di Efeso nel 431, la Chiesa Ortodossa, dopo l'epoca patristica, non ha più fatto affermazioni dogmatiche a proposito di Maria. L'Ortodossia non ha conosciuto, quindi, "sviluppi dogmatici" paragonabili a quelli della Chiesa Cattolica, né conosce una "mariologia sistematica" con tutta la serie di opere connesse a questo sviluppo. Nell'esposizione della fede ortodossa, come ad es. nell'ormai classico libro di Sergij Bulgakov dal titolo "L'Ortodossia", la mariologia occupa uno spazio modesto di alcune pagine, all'inizio di un capitolo sul culto dei Santi.
Nella Chiesa Ortodossa, in contrasto con la domatizzazione della devozione mariana della Chiesa Cattolica, si constata la serena ma ferma persistenza di una pietà mariana tradizionale ancorata alla cristologia e trasmessa essenzialmente attraverso la poesia liturgica.
Ancorata al dogma della Maternità divina, la cui intenzionalità è chiaramente cristologica, la pietà mariana ortodossa, trova la sua pienezza e il suo sbocco naturale nella preghiera liturgica e si esprime sotto forme di simboli poetici proposti ad una meditazione che sia capace di sondarne il senso e scoprirne progressivamente il significato.

La Theotokos

L'attribuzione del titolo Theotokos a Maria, risale molto indietro nel tempo ed ha origini oscure. Il termine è già presente su un papiro del III Secolo: "Sotto la tua protezione ci rifugiamo o Madre di Dio...." Il termine Theotokos acquista tuttavia il suo autentico significato teologico e spirituale sia nel contesto delle controversie che precedettero il Concilio di Efeso, come nel Concilio stesso, dove viene collegato indissolubilmente "all'Incarnazione del Verbo come salvezza dell'uomo".
La controversia che precede il Concilio di Efeso del 431, è chiara ed ha la sua espressione nei due massimi protagonisti Nestorio e Cirillo d'Alessandria.
Nestorio afferma che bisogna distinguere nettamente in Cristo ciò che appartiene alla divinità e ciò che appartiene all'umanità. In Cristo c'è una simmetria del divino e dell'umano che sono però giustapposti senza comunione di idiomi. Gesù e, insomma, un'individualità umana assunta dalla Divinità che trova in essa un tempio perfetto e consono a sé. Maria, di conseguenza, non è Theotokos, ma Christotokos, madre, cioè dell'uomo Gesù e non del Verbo di Dio.
Cirillo d'Alessandria ed il Concilio affermano, invece, che la persona del Verbo di Dio assume la natura umana e proprio in questa inscindibile unione sta il segreto della vera redenzione e della vera salvezza dell'uomo. Dio, nascendo realmente come uomo da una donna, "si rende vulnerabile e mortale ed è nella sua morte che Cristo, calpestando la morte, dona la vita a coloro che erano nelle tombe." Se non avesse realmente assunto la natura umana, Dio non l'avrebbe guarita, poiché può essere salvato solo quello che è unito a Dio.
Maria, madre del Dio fattosi realmente uomo, è perciò la Theotokos, la Madre vera di Dio. Questa realtà le apre, a pieno titolo, le porte della glorificazione nella Chiesa e ne precisa anche il senso e il fondamento: Maria è inseparabile dal suo Figlio e tutta la sua gloria deriva dalla sua maternità fisica e spirituale, ricevuta da Dio per opera dello Spirito Santo.

Maria nella liturgia

Il culto di Maria trova il suo significato nel mistero centrale della salvezza: il Dio con noi, l'Emanuele. Per questo la Chiesa Ortodossa non ha ritenuto necessaria la proclamazione di altri dogmi oltre quello della Theotokos di Efeso. Questo dato fondamentale della Maternità divina, è espresso in maniera costante in un linguaggio simbolico e poetico nella dossologia liturgica. La poesia è, quindi, il tramite di un profondo messaggio teologico, teoantropologico e spirituale. Ecco le principali feste liturgiche mariane della Chiesa Ortodossa.

ANNUNCIAZIONE
É la festa per eccellenza, nello stesso tempo festa del Figlio di Dio che si fa uomo e festa di Colei attraverso la quale si realizza l'umanizzazione del Verbo divino che irrompe nella storia. La festa ha, dunque, un triplice significato: la glorificazione del Verbo di Dio che si fa uomo; la glorificazione di Maria, madre del Verbo di Dio; l'annuncio della salvezza agli uomini.

LA DORMIZIONE DI MARIA
Viene evocata la morte naturale della Madre di Dio su cui non si può nutrire alcun dubbio e si lascia chiaramente intuire che Maria, dopo la morte, è stata misteriosamente glorificata proprio nel suo corpo. Gli uffici della festa recitano: "Aprite, aprite le vostre porte, accogliete la Madre della luce senza tramonto... Perché oggi il cielo apre il suo seno per riceverla.....Gli angeli cantano la SS. Dormizione che noi celebriamo con fede....Sussulti ogni figlio della terra e celebri la venerabile assunzione della Madre di Dio". Pur non oggetto di una definizione dogmatica, negare l'assunzione di Maria, considerata segno escatologico per la Chiesa perché mostra quale sarà la glorificazione della creatura alla fine dei tempi, per un ortodosso equivale ad una bestemmia.

NATIVITÀ DI MARIA
Questa nascita, ha il significato della vittoria del Dio vivo sulla sterilità umana ed è considerata come la realizzazione delle promesse fatte da Dio ai "giusti" dell'Antico Testamento. La Liturgia celebra Maria come il "fiore di Jesse", il "ramo fiorito della sua radice". Eva, di cui Maria è figlia come ogni essere umano, esulta di gioia e proclama beata la sua figlia lontana. Pur affermando la santità di Maria sin dalla nascita, la Chiesa Ortodossa non afferma la "Concezione Immacolata", ritenendo che questa esenzione dal peccato sia incompatibile con la piena solidarietà di Maria col genere umano.

PRESENTAZIONE AL TEMPIO DI MARIA
La Chiesa Ortodossa non si pronuncia sulla storicità di questo evento, ma celebra in questa festa la santità di Maria che entra nel "Santo dei Santi". Maria è la Panaghia "Tutta Santa", "più onorabile dei Cherubini, senza confronto più gloriosa dei Serafini". La sua santità consiste nell'essere il primo tempio del Salvatore, pieno della grazia dello Spirito Santo che stende su di Lei la sua ombra e la rende capace di dare alla luce il Dio - Uomo. Maria è il tempio vivente di Dio che santifica quello costruito in pietra.

INTERCESSIONE DELLA MADRE DI DIO
Festa molto cara al popolo russo che si ricollega ad un'apparizione di Maria nella Costantinopoli del X secolo. Accompagnata da una schiera di Santi guidati da Giovanni Battista, Maria sarebbe apparsa ad Andrea e al suo compagno Efraim. Sollevato il suo velo Ella lo avrebbe esteso su di loro e sull'intera città di Costantinopoli in segno di perenne protezione.

 Maria e la Chiesa, Maria e la nuova umanità

MARIA E LA CHIESA
Anche la Chiesa Ortodossa, come la Cattolica, pone uno stretto legame tra Maria e la Chiesa. Essa, tuttavia esita a proclamare Maria "Madre della Chiesa" perché considerando Maria la personificazione della Chiesa, la vede più madre nella che della Chiesa.
Come Madre nella Chiesa, Maria à la Pneumatofora, madre ed origine dell'umanità nuova. Causa di ciò che l'ha preceduta, Ella presiede al tempo stesso a ciò che è venuto dopo di Lei. E' per Lei che gli uomini e gli angeli ricevono la grazia. Nessun dono è ricevuto nella Chiesa senza l'assistenza della Madre di Dio, primizia della Chiesa glorificata.
Maria è il volto della Chiesa, sposa di Cristo, è il cuore della Chiesa, il suo centro misterioso, ciò che ne produce il dinamismo e ciò che la orienta al fine ultimo che è Dio in tutto e in tutti.
Nella Chiesa e per la Chiesa Maria è il segno che anticipa questo fine: segno del regno di Dio già avvenuto, della creazione già salvata e, contemporaneamente, in attesa di Colui che viene.

MARIA E LA NUOVA UMANITA'
Maria è, nella visione ortodossa, l'umile ancella nella quale il Signore compie meraviglie e che il Signore stesso associa come persona libera e liberata dalla grazia, all'attuazione del proprio disegno di amore, facendo di Lei, la Madre del Figlio di Dio, la sovrana e al guida del popolo di Dio nella sua marcia verso il regno. Maria è il "segno", in una persona umana totalmente santificata dallo Spirito, della venuta del Regno, della Creazione interamente glorificata nella speranza.
Senza essere né un nume tutelare, né il modello della donna, Maria è il volto della nuova umanità, l'archetipo e la guida di coloro che, uomini o donne, aspirano a far nascere Cristo nel proprio cuore e le chiedono, perciò, di intercedere per loro, di far discendere su di loro i doni dello Spirito.

Inserito Domenica 20 Settembre 2009, alle ore 2:02:52 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Ortodossi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Ortodossi:
Le icone della Madre di Dio

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Ortodossi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.12 Secondi